Il Musicista: guida legale fiscale e previdenziale

Condivisioni

La disciplina fiscale e previdenziale del musicista è assai peculiare, in quanto prevede particolari applicazioni dell’Iva, e particolari modalità contributive, legate alla gestione “ex Enpals“. Vediamo una guida che può essere utile a quanti stanno svolgendo questa attività per lavoro o per hobby. 

Quando un musicista incomincia a ottenere dei riscontri economici dalla sua attività, sorgono tutta una serie di questioni relative agli adempimenti legali, fiscali e previdenziali che sono, indubbiamente, di difficile interpretazione. Cerchiamo, quindi, di fornire una spiegazione ai principali dubbi sull’argomento, tenuto che, sia da un punto di vista giuridico che fiscale, le attività svolte dai musicisti ricadono genericamente fra le prestazioni artistiche.

Senza alcuna pretesa di esaustività, cercherò in questa sede di delineare le principali questioni sull’argomento per quanto concerne le attività svolte dai musicisti, ricordando però che solo un’attenta (e preliminare) analisi della concreta situazione da parte di un professionista esperto della materia eviterà all’artista, in questo caso il musicista, di commettere errori.

Inquadramento giuridico

Il musicista è per definizione un’artista, che svolge un attività classificabile tra quelle di lavoro autonomo (di cui agli articoli 2222 e seguenti del c.c.), come una qualsiasi altra professione intellettuale.

Anche nell’attività del musicista, infatti, è prevalente una componente intellettuale o se vogliamo estrosa o talentuosa che non è rinvenibile in generale nella figura imprenditoriale (di cui agli articoli 2082 e 2195 c.c.), dove la capacità di produrre è subordinata all’impiego di beni strumentali, di forza lavoro, di fonti di finanziamento.

Tutto ciò non accade nel caso degli artisti e dei professionisti che possono contare unicamente (o prevalentemente) sul proprio bagaglio tecnico, culturale, professionale, sull’estro e la creatività (fattori più legati a variabili intellettuali, fisiologiche e psicologiche che materiali).

Attività artistica abituale od occasionale?

Posto che l’attività svolta  dal musicista sia effettivamente quella artistica remunerata, il primo passo è determinare se egli eserciti tale attività in modo sporadico ed occasionale oppure abitualmente anche se in forma non esclusiva (ovvero parallelamente ad altre attività).

La differenza di disciplina che consegue all’esercizio di un’attività occasionale o abituale è notevole anche se, purtroppo, molte volte non è agevole, delineare il limite fra l’una e l’altra, risultando indispensabile compiere una valutazione caso per caso, con l’ausilio di un dottore Commercialista esperto nel settore.

In musicista che opera prevalentemente come hobby in modo sporadico ed occasionale l’attività è, in ogni caso, tenuto a rilasciare una ricevuta non fiscale (applicando una marca da bollo da €. 2,00, qualora l’importo riportato superi gli €. 77,46) di quanto percepito e, successivamente, ad includere quanto percepito nella propria dichiarazione dei redditi. Per maggiori informazioni: “Le prestazioni di lavoro autonomo occasionale“.

Qualora il musicista produca un reddito imponibile lordo superiore a €. 5.000 in un anno solare a titolo compensi per l’attività svolta in modo occasionale, avrà anche l’obbligo del versamento dei contributi previdenziali in regime della gestione ex Enpals, per la percentuale del 9,19% che sarà trattenuta e versata da parte del committente della prestazione professionale, assieme alla ritenuta d’acconto.

Qualora, l’attività lucrativa del musicista nasca o si trasformi in abituale, ed indipendentemente dal fatto che questa sia esercitata in modo esclusivo o assieme ad altre attività (ad esempio lavoratore dipendente), il musicista produrrà un reddito da lavoro autonomo che, ai sensi dell’articolo 53 del DPR n. 917/86, contribuirà a formare la propria base imponibile ai fini Irpef.

In questo caso il musicista, come vedremo tra poco,  dovrà dare comunicazione dell’inizio della propria attività abituale, con contestuale richiesta di rilascio di partita Iva, e scelta del proprio regime fiscale, inquadramento contributivo e, successivamente, sarà tenuto all’emissione di fattura.musicista2

Apertura della partita Iva

Il caso più diffuso nella pratica è che i corrispettivi percepiti dal musicista e, più in generale, dell’artista, costituiscano redditi di lavoro autonomo. In sintesi, gli elementi che caratterizzano l’esercizio dell’attività di lavoro autonomo, ai sensi del primo comma dell’articolo 53 del DPR n. 917/86, sono la professionalità e l’abitualità.

Il requisito della professionalità sussiste quando il musicista ponga in essere con regolarità, sistematicità e ripetitività una pluralità di atti coordinati e finalizzati al conseguimento di uno scopo, che in questo caso si identifica con l’esercizio dell’attività musicale.

Tale requisito sussiste solo laddove l’attività esercitata sia caratterizzata dalla completa autonomia del soggetto che la esercita rispetto a quello che ne beneficia. Per quel che concerne l’abitualità si deve evidenziare che non è necessario, affinché tale requisito possa ritenersi sussistente, che l’attività artistica sia esercitata in via esclusiva o anche solo prevalente dal soggetto. E’ sufficiente che l’attività sia esercitata con regolarità, stabilità e sistematicità.

Il codice attività

Per iniziare l’attività artistica abituale di musicista bisogna essere riconosciuti dall’Amministrazione finanziaria e per questo è necessario presentare la comunicazione dell’inizio della propria attività all’Agenzia delle Entrate con la richiesta di attribuzione di una partita Iva.

Nella richiesta si indica anche il tipo di attività svolta attraverso l’indicazione di un codice attività, volto ad individuare l’effettiva attività esercitata dal musicista. Le attività musicali vengono ricondotte nella suddetta tabella a due codici:

  • Codice Ateco 900309 – “Altre attività di creazioni artistiche”: destinato ai compositori;
  • Codice Ateco 900109 – “Altre attività di rappresentazioni artistiche”: destinato agli esecutori e concertisti.

Determinazione del reddito

In relazione alla categoria reddituale in esame, l’articolo 54, comma 1, del DPR n. 917/86 stabilisce il principio generale secondo cui la determinazione analitica del reddito di lavoro autonomo avviene mediante la contrapposizione dei compensi percepiti, al netto dei contributi previdenziali, alle spese sostenute per lo svolgimento dell’attività. Ne discende che, salvo alcune specifiche deroghe, il reddito di lavoro autonomo deve essere determinato con il c.d “criterio di cassa“.

Di conseguenza, ai fini della determinazione del reddito di lavoro autonomo nel periodo d’imposta rilevano solo: i compensi effettivamente percepiti in denaro o in natura, anche sotto forma di partecipazione agli utili nel periodo d’imposta (coincidente con l’anno solare); i costi e gli oneri inerenti alla produzione del reddito effettivamente sostenuti nel periodo d’imposta. Ciò comporta, ai fini contabili, l’obbligo di tenuta delle scritture contabili ai sensi dell’articolo 19 del DPR n. 600/73, in base al regime di contabilità semplificata.

I compensi corrisposti da sostituti di imposta (società, enti, ecc.) a titolo di compensi per attività di lavoro autonomo sono assoggettati, ai sensi dell’articolo 25 del DPR n. 600/73, alla ritenuta del 20% a titolo di acconto dell’Irpef, con obbligo di rivalsa.

Nell’ipotesi in esame, i corrispettivi percepiti dal musicista, qualora sussista anche il presupposto territoriale (ai sensi di quanto chiarito nel par. 1.2.), sono da assoggettare ad Iva (vedi paragrafo seguente).

Regime forfettario

Per i soggetti che aprono una nuova partita Iva, particolari opportunità possono arrivare dal c.d.”regime fiscale forfettario” che prevede un tetto massimo di ricavi annui di €. 30.000. Si tratta di un regime fiscale particolarmente vantaggioso, che non prevede l’applicazione dell’Iva, delle ritenute di acconto e dell’Irap.

Il reddito imponibile è determinato applicando all’ammontare dei ricavi o dei compensi percepiti (ed incassati) un coefficiente di redditività, diversificato a seconda del codice Ateco che contraddistingue l’attività esercitata.

Sul reddito imponibile si applica un’imposta sostitutiva dell’Irpef, delle addizionali regionali e comunali e dell’Irap, pari al 15% (che si riduce al 5% nei primi cinque anno di attività).

Disciplina Iva

Nell’ambito delle prestazioni professionali rese dai musicisti, deve essere posta particolare attenzione al diverso regime Iva applicabile, a seconda della precisa attività svolta.

Commettere errori in questo senso è assai frequente, vista la peculiarità che caratterizza questa disciplina, per questo motivo è bene non improvvisare, ma consultarsi sempre con il proprio dottore Commercialista di fiducia.

In ogni caso, di seguito riportiamo le principali fattispecie Iva applicabili all’attività svolta dai musicisti.

Cessione, concessione, licenze dei diritti d’autore

Ai sensi dell’articolo 3, comma 2, n. 2 DPR n. 633/72 per tale attività è prevista l’esclusione dal campo di applicazione dell’Iva quando la cessione dei diritti viene posta in essere dall’autore e dai suoi eredi o legatari. L’esclusione dal campo di applicazione dell’Iva di alcune operazioni concernenti il diritto d’autore fa venire meno l’obbligo di fatturazione delle stesse.

Occorre evidenziare che la norma citata non si riferisce alla cessione dell’opera-bene, bensì trasmissione dei diritti d’autore su di essa.

Concerti vocali strumentali e prestazioni musicali di qualsiasi genere

La disciplina Iva applicabile ai soggetti che effettuano attività musicali è assai peculiare, in quanto per poter applicare la giusta aliquota Iva in fattura è necessario preventivamente identificare la prestazione che stiamo per effettuare, per verificare in quale delle due fattispecie sotto riportare rientra. In particolare le due fattispecie applicabili sono:

  • Concerti vocali strumentali – quando l’esecuzione musicale è pari o superiore al cinquanta per cento della durata complessiva delle esecuzioni musicali, l’attività è classificata come “spettacolo” ed è assoggettata al solo regime ordinario Iva ai sensi dell’articolo 74-quater del DPR n. 633/72, anche se effettuata in discoteche e sale da ballo, spettacoli musicali in teatro o concerti;
  • Prestazioni musicali di qualsiasi genere – quando l’esecuzione musicale è effettuata con l’utilizzazione di musica prevalentemente pre-registrata, la stessa è assoggettata all’imposta sugli intrattenimenti nonché ad Iva secondo le disposizioni dell’articolo 74, sesto comma, del DPR n. 633/72, con l’applicazione dell’Iva al 22%. Esempi possono essere il DJ set in un locale, od anche una orchestra che si esibisce all’interno di un  ristorante.

Manifestazioni spettacolistiche

I concerti vocali e strumentali sono specificatamente indicati al n. 4 della tabella C allegata al DPR n. 633/72, insieme alle manifestazioni teatrali di qualsiasi tipo e ad altre manifestazioni spettacolistiche.

I “concerti vocali e strumentali” sono inclusi, inoltre, nel n. 123) della tabella A, parte III, del DPR n. 633/72 che, nell’indicare gli spettacoli assoggettati ad Iva con l’aliquota ridotta del 10%, riproduce l’identica formulazione del n. 4) della tabella C allegata al predetto DPR n. 633. Ciò comporta, in sostanza, che i concerti vocali e strumentali sono assoggettati al regime ordinario Iva ai sensi dell’articolo 74-quater del DPR n. 633/72 con l’applicazione dell’aliquota del 10%.

Dalla normativa richiamata discende, quindi, che i concerti vocali e strumentali, a differenza delle restanti esecuzioni musicali, sono soggetti al seguente regime tributario:

  • Ai corrispettivi dovuti dagli spettatori per assistere ai “concerti vocali e strumentali” si applica l’aliquota Iva del 10% in base alla disposizione recata dal n. 123) della tabella A, parte III, allegata al DPR n. 633/72;
  • Ai contratti di scrittura stipulati dal singolo artista o dal gruppo vocale o strumentale si applica la stessa aliquota Iva del 10%, in base alla previsione del n. 119) della richiamata tabella A, parte III, allegata al DPR n. 633/72.

Ne consegue che per individuare in concreto il trattamento tributario applicabile alle esecuzioni musicali occorre verificare se le stesse realizzino o meno un concerto vocale o strumentale. Sono concerti vocali o strumentali quelle manifestazioni musicali in cui i cantanti o i musicisti, singolarmente ovvero in gruppo, eseguono una serie di brani musicali, secondo un programma prestabilito, in un luogo appositamente individuato e strutturalmente idoneo a consentire l’ascolto della musica da parte degli spettatori (ad es. teatri, sale concerto, impianti sportivi, etc.).

Nella manifestazione concertistica vocale e strumentale, in sostanza, l’esecuzione musicale in pubblico è un’attività spettacolistica finalizzata esclusivamente all’ascolto della musica.

Le prestazioni musicali non qualificabili, secondo quanto sopra precisato, come concerti vocali e strumentali devono essere ricondotte nella disciplina generale delle “esecuzioni musicali di qualsiasi genere” (punto n. 1 della tariffa allegata al DPR n. 640/72 ovvero n. 3) della tabella C allegata al DPR n. 633/72) per le quali l’Iva si applica in ogni caso con l’aliquota ordinaria del 22% (relativamente sia ai corrispettivi dovuti dai partecipanti alle manifestazioni sia ai compensi percepiti da cantanti e musicisti).

In pratica rientrano in questa categoria le attività effettuate in i bar, pub, ristoranti, hotel e tutti i luoghi dove l’attività musicale è solo di intrattenimento ai clienti. Questo è quanto conferma anche la Risoluzione n. 257/E/2008 dell’Agenzia delle Entrate.

Le attività didattiche

Nel caso in cui i musicisti effettuino lezioni private di lettura, ritmica, fonetica, canto, pianoforte, e altre attività connesse, da un punto di vista Iva questa attività di musica rientra nella fattispecie delle materie scolastiche ed universitarie, tali lezioni beneficiano dell’esenzione dall’Iva (art. 10 n.20 DPR 633/72) se rese da insegnanti a titolo personale.

L’organizzazione di corsi musicali, invece, ricade nell’esenzione Iva solo se effettuata da istituti o scuole riconosciute da pubbliche amministrazioni. Parimenti è assoggettato ad Iva con aliquota ordinaria al 22% il rapporto fra musicista/docente e gli istituti scolastici per le lezioni ivi impartite. Il titolo di esenzione Iva, a differenza dell’esclusione, non fa venire meno gli obblighi di fatturazione del musicista relativamente alle prestazioni qualificate come esenti.

Le esecuzioni musicali svolte dal musicista all’estero (stati UE o extra-UE)

Per queste ultime, assieme a tutte le prestazioni artistiche, è prevista la specifica esclusione dal campo di applicazione dell’Iva ai sensi dell’articolo 7-quinquies del DPR n. 633/72. Tali prestazioni, rientranti nel campo dell’Iva, sono soggette all’obbligo di emissione di fattura.

Iscrizione previdenziale alla gestione “Ex ENPALS

Il musicista che ha aperto partita Iva per l’esercizio delle propria attività è obbligato all’iscrizione alla gestione contributiva ex Enpals, in qualità di lavoratore autonomo esercente attività musicale. Le categorie di professionisti che possono iscriversi sono le seguenti:1.

  • Un cantante;
  • Un disc-jokey;
  • Un musicista.

L’iscrizione alla gestione ex Enpals da diritto a richiedere il certificato di agibilità, che deve essere chiesto dal musicista prima dello svolgimento dello spettacolo, a compilare la denuncia contributiva e versare, con modello F24, i contributi in maniera autonoma.

L’avvio dell’attività dei lavoratori autonomi esercenti attività musicali è preceduta dal rilascio di una matricola necessaria per ottemperare gli adempimenti contributivi e di un codice di identificazione (PIN). A tal fine, il lavoratore è tenuto a consegnare alla Sede Inps competente per territorio, il mod. 032/AUT (disponibile sul portale), debitamente compilato e sottoscritto, sulla base delle indicazioni fornite nella circolare n. 17 del 2004.

I contributi

Il certificato di agibilità, rilasciato dall’Ente Previdenziale, deve essere necessariamente richiesto dai musicisti al fine di poter effettuare l’esibizione in pubblico. Il suo rilascio è essenziale in quanto anche l’ente o l’azienda che ospita l’evento di spettacolo, prima di consentire l’esibizione dell’artista deve pretenderlo.

L’Inps rilascia tale certificato solo in presenza di regolarità contributiva da parte del lavoratore. La richiesta del certificato deve essere corredata dall’attestazione di regolarità contributiva (quello che per le imprese artigiane o di costruzioni viene chiamato D.U.R.C.). I lavoratori iscritti all’Inps nella gestione previdenziale ex Enpals sono tenuti obbligatoriamente al versamento dei seguenti contributi, calcolati sul compenso annuo.

  • Contributo: 33% del compenso pattuito di cui il 9,19% a carico del lavoratore (da applicare in fattura o nella ricevuta per prestazione occasionale, trattenuto dal committente) ed il 23,81% a carico del committente;
  • Contributo di solidarietà: 5% del compenso pattuito per meta’ a carico del lavoratore e per meta’ a carico del committente (dovuto per compensi giornalieri superiori ad €. 300,07);
  • Contributo aggiuntivo a carico del lavoratore pari all’1% della parte del compenso giornaliero eccedente la somma di €. 137,95.

Esonero dal certificato di agibilità

L’Inps ha previsto alcune cause di esonero dalla richiesta del certificato di agibilità, versamento del contributo e dichiarazione mensile. Tali cause di esclusione riguardano:

  1. studenti fino a 25 anni di età;
  2. minorenni, pensionati con più di 65 anni;
  3. artisti non professionisti che abbiano già altra occupazione con cassa previdenziale di pertinenza;

l’esenzione è prevista per le sole esibizioni musicali dal vivo, con un compenso annuo massimo per tale attività “marginale” non superiore ad €. 5.000 (non rientrano in questa ipotesi i DJ, vedi articolo ENPALS).

Tale esonero è facoltativo per il lavoratore ed è suo onere autocertificare al committente la sussistenza dei requisiti soggettivi ed oggettivi per l’esenzione. Per quanto riguarda i suddetti casi, per i quali non vi è obbligo del certificato di agibilità occorre fare riferimento allo svolgimento di manifestazioni da parte di formazioni dilettantistiche o amatoriali (complessi bandistici comunali, gruppi folkloristici, gruppi parrocchiali, compagnie teatrali amatoriali/dilettantistiche, complessi corali amatoriali/dilettantistici, cortei e rappresentazioni storiche, etc.), che, essenzialmente allo scopo di divertimento e/o per tramandare tradizioni popolari e folkloristiche, a fini educativi oppure allo scopo di diffondere l’arte e la cultura, si esibiscono in pubblico senza alcuna forma di retribuzione, neppure sotto forma di rimborso spese forfettario.

La manifestazione artistica deve essere svolta a titolo gratuito, ovvero non devono esservi incassi da presenza di pubblico pagante, né compensi diretti erogati a corrispettivo dell’allestimento della manifestazione stessa

Inoltre, non è dovuta contribuzione quando gli Enti pubblici locali, nonché le Pro-Loco associate alla Unione Nazionale Pro Loco d’Italia, organizzano manifestazioni per fini culturali, ricreativi o educativi, rappresentazioni storiche e folkloristiche, purché gli artisti non vengano retribuiti, neppure attraverso le formazioni sociali (bande, ecc) ingaggiate per l’evento, anche se vi è presenze di pubblico pagante.

L’esclusione dall’obbligo contributivo, nonché l’esclusione dall’obbligo di richiedere ed esibire il certificato di agibilità, opera anche con riferimento ai saggi di danza o saggi di altre arti, effettuati da bambini e giovani frequentanti corsi didattici, oppure con riferimento a manifestazioni organizzate a fini socio-educativi da oratori, associazioni con riconoscimento ecclesiale o comunque da associazioni religiose riconosciute dalle confessioni con le quali lo Stato ha stipulato patti, accordi o intese, nonché da associazioni di volontariato di cui alla Legge n. 266 del 1991, da associazioni di promozione sociale di cui alla Legge n. 383 del 2000 e da cooperative sociali di cui alla Legge n. 381 del 1991, purché non si riscontri una vera e propria attività di spettacolo.

E-commerce per la vendita dei brani

Ultimo aspetto, ma sicuramente non trascurabile dell’attività di un musicista è quello legato alla vendita, on-line dei suoi brani. Per questo è possibile avvalersi di molte piattaforme, da iTunes e Spotify a SoundCloud e CDBaby, passando per ReverbNation e TuneCore.

E’ opportuno ricordare che la vendita di beni anche se avviene sul web, è un’attività commerciale e come tale per essere esercitata in maniera abituale richiede necessariamente l’apertura di una partita Iva, per l’esercizio di una attività imprenditoriale.

In questo caso alla partita Iva che avete già aperto come lavoratore autonomo (per l’attività di musicista), deve aperto anche un nuovo codice attività “479110 – commercio al dettaglio di prodotti via internet”, e deve essere effettuata la comunicazione in Camera di Commercio per comunicare l’inizio dell’attività. Solo a partire da questo momento sarà possibile aprire il proprio sito internet (nel caso vi ricordo che dove esporre la ragione sociale e la partita Iva della vostra attività), oppure ospitare su altre piattaforme la propria musica, programmando e gestendo la propria attività di vendita sul web.

Aspetto sicuramente non trascurabile è che per questo tipo di attività, di tipo commerciale, è richiesto il versamento dei contributi Inps alla gestione commercianti, che consistono in contributi fissi trimestrali, di almeno €. 3.000 annui, a prescindere da quale sia stato il vostro fatturato annuo, per l’attività di vendita. Insomma, si tratta di un’attività che deve essere ponderata con attenzione per valutare se sia effettivamente conveniente iniziarla.

Per questo, è sicuramente consigliabile rivolgersi ad un dottore Commercialista, in modo che possa predisporvi un budget iniziale al fine di stimare e valutare la convenienza di questo tipo di attività, in relazione alla vostra situazione personale. Per maggiori informazioni, e per il regime Iva da applicare alle cessioni di beni in E-commerce, vi rimando a questo contributo: “Aprire partita IVA per la vendita di beni in E-commerce“.

About Fiscomania

Fiscomania
Federico, 31 anni, mi occupo di consulenza verso imprese e professionisti e della loro pianificazione fiscale. Dal 2013 gestisco Fiscomania.com. Se volete approfondire la vostra situazione personale da un punto di vista fiscale oppure se avete un quesito personale contattatemi direttamente. Grazie

Check Also

Prestazione occasionale 2017: funzionamento e limiti

Limiti funzionamento e tassazione della prestazione occasionale per il 2017. Quali soggetti possono usufruire delle …

autofattura

Autofattura: guida ai casi di emissione

Cos’è l’autofattura? Chi la deve emettere? Quali sono i termini di emissione? Vediamo in cosa …

27 comments

  1. lionello pontoni

    articolo interessante; sarebbe opportuno una chiarezza illustrativa per le Bande musicali per prestazioni occasionali e costituita da suonatori volontari e non professionisti.- Grazie di eventuali risposte.- Lionello Pontoni cell. 33/3351685 –

    • Fiscomania

      Salve,
      per i soggetti che fanno parte di bande musicali come volontari non professionisti, la prestazione occasionale può riguardare un rimborso spese, in tal caso dovranno essere documentate le spese effettivamente sostenute, con scontrino o ricevuta. E’ prevista una specifica agevolazione fiscale che prevede la non applicazione della ritenuta d’acconto per compensi e rimborsi percepiti nell’anno fino a €. 7.500 lordi annui. Dai €. 7.500 ai €. 28.158,28 è prevista l’applicazione di una ritenuta a titolo di imposta del 23%. Per importi annui superiori ai €. 28.158,28 è prevista una ritenuta a titolo di acconto del 23%. Magari dedicheremo un prossimo articolo per approfondire meglio l’argomento.

  2. Bell’articolo, ma dal 2016 cambia qualcosa come è avvenuto per le prestazioni occasionali o resta invariato tutto per le prestazioni artistiche?

    • Fiscomania

      Salve,
      mi dispiace contraddirla, ma le prestazioni occasionali non sono affatto cambiate nel 2016. Il Jobs Act non ha modificato le prestazioni di lavoro autonomo occasionale, ma soltanto le prestazioni di lavoro equiparate al lavoro dipendente. Anche per le prestazioni artistiche, non ci sono novità entrate in vigore nel 2016.

  3. Articolo chiaro che fuga tanti dubbi. Come cambiano le cose se ad aprire partita Iva è un compositore? E se si lavorasse contemporaneamente come esecutore e compositore, quale Codice Ateco bisognerebbe scegliere?

    • Fiscomania

      Salve,
      la disciplina sopra descritta riguarda i compositori che gli esecutori, in quanto entrambe le attività presentano caratteristiche simili. Lavorare contemporaneamente come compositore ed esecutore è possibile: basterà abbinare alla propria partita Iva entrambi i codici attività indicati nell’articolo, in quanto relativi all’attività dei compositori e degli esecutori.

  4. Sono un operaio dipendente in una piccola ditta artigiana con reddito netto annuo che non supera le 12.000 euro e come documenti ricevo buste paga e cud.
    Per passione faccio il compositore suonando in una band musicale tra amici e vorrei vendere la nostra musica su siti tipo cdbaby, zimbalam ecc. questi siti si occupano di inserire le canzoni nei maggiori store musicali online tipo itunes ecc gestendo il tutto ed di tanto in tanto a seconda delle vendite nei vari store versano su conti paypal o bancari i guadagni ricavati rilasciando fatture ad personam o ricevute
    il mio dubbio è questo, se per mia fortuna o capacità i guadagni delle royalties o diritti d’autore sulle canzoni fossero consistenti, ipotizziamo 3000 euro annui, come dovrei fare per essere in regola e pagare le tasse?
    Per il fisco anche se ricavo solo 1000 euro l’anno vendendo online sarei classificato come musicista che svolge un attivita abituale?
    Vorrei evitare di aprire una partita iva altrimenti sarebbe più la spesa che il resto ,noi lo facciamo solo per hobby e siamo una piccola band che cerca di emergere ma ho paura che anche qui lo stato voglia troncarci le gambe senza darci possibilità di provare, purtroppo il nostro mercato può essere solo all’estero e per questo dobbiamo provare la vendita online e comunque tutto il nostro ricavato sarebbe usato tutto sulla band e solamente per mandare avanti il nostro sogno

    Spero potrà aiutarmi
    Grazie della disponibilità

    • Fiscomania

      Salve, se si tratta di cessione a terzi di diritti di sfruttamento economico di un’opera intellettuale come può essere uno spartito musicale, allora quello che deve fare è seguire la disciplina fiscale della cessione dei diritti di autore (a questo link trova il nostro contributo). Altrimenti se si stratta di attività di musicista che esegue canzoni, effettua serate, etc, allora è obbligatoria la partita Iva. Purtroppo non vi sono soluzioni alternative.

      • la ringrazio molto della sua risposta è stato gentilissimo, è davvero un peccato che non ci siano alternative perchè chiaramente per vendere un misero album amatoriale fatto con i miei amici che tanto non ci fara guadagnare piu di 100 euro all anno si deva in italia aprire una partita iva che chiaramente ci costerebbe di spese annuali molto di piu.
        Poi si chiedeno perchè le cose in italia non vanno se anche a delle persone che suonano per hobby sperando che il sogno si avveli vengano complicate cosi le cose
        Senta se posso le vorrei chiedere un altra cosa ma anche nel caso di associazioni culturali musicali , del tipo fatta proprio per la band dove tutti i profitti li spendiamo solo per essa c’è bisogno se vendiamo online di partita iva?
        e se lo mettiamo in download gratuito sui store e dai nostri seguitori chiediamo solo se gli piace di farci tipo una mancia su un conto corrente dedicato , anche in quel caso dovremmo aprire una partita iva?
        non so proprio piu cosa inventarmi per stare in regola con il fisco
        grazie

        • Fiscomania

          Purtroppo il Fisco italiano per evitare che le persone evitino di aprire partita Iva esercitando attività autonome, prevede che all’esercizio abituale di una attività si debba aprire partita Iva. Voglio però sfatare un falso mito, ovvero che aprire partita Iva sia costoso e non alla portata anche di chi vuole avviare una nuova attività. Con il Regime forfettario, è possibile aprire partita Iva e pagare le tasse soltanto sui compensi effettivamente percepiti, senza dover applicare Iva o essere soggetti a ritenuta di acconto. Ci sono requisiti di ingresso e di permanenza da rispettare, ma se siamo all’interno di questi limiti i costi di gestione, e anche quelli di consulenza del Commercialista sono davvero minimi, con qualche centinaio di euro all’anno si può contare sull’assistenza di un consulente fiscale e si può avviare l’attività, che se fattura zero, avrai perso solo i costi per la consulenza. Come tutte le attività economiche o professionali, almeno all’inizio un piccolo investimento deve essere fatto. Questo le permetterebbe di essere in regola con il Fisco e iniziare a fatturare gli introiti che derivano dalla vendita del suo album.

          • grazie ancora della sua disponibilità e del suggerimento sulla partita iva a regime forfettario, non sono molto preparato sul fisco, lo si è capito 🙂 e di conseguenza non conoscevo questa possibilità, ora manca la cosa piu importante un buon consulente fiscale preparato sul campo dei diritti d’autore, royalties e commenrcio online , non sarà facile perchè è un campo non molto diffuso in provincette come la mia e giutso in citta grandi come roma che mi è vicina forse posso trovare una persona adatta che mi aiuti e mi segua
            grazie ancora

  5. Buongiorno, ottimo articolo grazie. Una cosa però non mi è chiara: un compositore che firma un contratto con una casa discografica che gli riconosce un tot annuo per la realizzazione di un certo numero di opere è soggetto al pagamento dell'”enpals”? O è soggetto solo in caso di esibizioni live? Grazie ancora.

    • Fiscomania

      Salve, anche nel caso di contratto di collaborazione con una casa discografica è necessaria l’iscrizione Enpals in quanto anche in questo caso trattasi di attività da svolgere come professionista con partita Iva. A meno che non si tratti di contratto da lavoro dipendente per la casa discografica.

  6. Buonasera, articolo interessante che mi ha lasciato alcuni dubbi. Da quel che ho capito effettuando l’attività di DJ (ed il karaoke credo rientri in questa fascia) occasionalmente, seppur avendo già un lavoro con cui verso contribuzione INPS, non posso godere dell’esenzione per compensi inferiori ai 5.000 €/anno. Chiaramente effettuando questa attività come hobby e non come un lavoro e ricevendo compensi annui ampiamente inferiori a 5.000 € non avrei nessuna intenzione di aprire una PIVA. Quale sarebbe la strada legale alternativa? Alcuni locali propongono il pagamento in voucher, è possibile? Grazie.

    • Fiscomania

      Salve, non vi sono soluzioni alternative alla partita Iva. Se lei intende avviare questa professione allora pensi alla partita Iva seriamente, altrimenti l’unica strada, se il committente aderisce all’iniziativa dell’Inps sono voucher. Ma non si va molto lontano visto che il limite annuo è di €. 3.000. A mio avviso dovrebbe pensare di fare una scelta, se dedicarsi effettivamente a questa attività agendo professionalmente, sfruttando anche i vantaggi di una partita Iva.

  7. Anna Notarianni

    Salve, ma un maestro che insegna in una scuola occasionalmente e deve emettere fattura elettronica per essere retribuito, deve indicare il cig?

  8. Buongiorno e grazie per questo interessantissimo articolo.
    Io ho gia un lavoro e, dieci volte all’anno, mi esibisco assieme ad un cantante professionista. Io, non ricevo alcun compenso, se non i baci delle fans. Per essere in regola cosa sono tenuto a fare?
    Grazie e buona giornata.

    • Fiscomania

      Salve, direi che se non percepisce compensi, non ci sono adempimenti fiscali da effettuare. Ad oggi, i baci, sono ancora esenti da tassazione 😉

      • Grazie molte per l’esaustiva e celere risposta. Vado a guadagnarmi un po’ di baci prima che anch’essi vengano tassati. Buona domenica e buona musica a tutti

  9. Salve, svolgo da anni lavori di arrangiamento musicale per tramissioni tv, molto più raramente anche di composizione. Sono iscritto alla gestione separata e da anni pago regolarmente i contributi INPS ed ho una partita iva con codice 900309 fatturando annualmente circa 25k.
    Tuttavia non sono iscritto all’ex ENPALS, sarebbe possibile secondo Lei iscrivermi e fare alcune delle fatture solo con il 9,19 dell’ ENPALS e altre come fatto finora interamente all’INPS?
    Grazie per il gentile aiuto,
    Roberto

    • Fiscomania

      Certamente è possibile, farà di volta in volta la fattura in modo diverso a seconda dell’attività svolta.

      • Grazie mille per la gentile risposta, e sarebbe regolare se continuassi a non essere iscritto all ex enpals in quanto regolarmente contribuente con la gestione separata dell’inps, e continuassi ad emettere fatture come fatto fino ad ora?
        Grazie ancora,
        Roberto

        • Fiscomania

          Quello che deve verificare e la cosa migliore è farlo con l’Inps è verificare se in concreto la sua attività rientra tra quelle per cui è obbligatoria l’iscrizione alla gestione previdenziale ex enpals.

  10. Buongiorno. Sono un operaio(in regola) e per hobby suono in un gruppo,noi siamo iscritti ad una agenzia che ci fa le fatture per le prestazioni nei locali,vorrei sapere se la fattura che fanno al locale la devo dichiarare sul 730.
    Grazie Lucio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condivisioni