Il grande crollo: il libro di J.K. Galbraith

Condivisioni

Il grande crollo è il titolo della versione italiana del libro The Great Crash, scritto da John Kenneth Galbraith, pubblicato per la prima volta a Boston, nel 1954.

Il grande Crollo“, un libro facile da leggere che fa capire tante cose sulla più grande crisi economica che il mondo ricordi. Un saggio che ripercorre come un racconto quelle interminabili giornate che hanno portato all’ormai famoso “Giovedì Nero“; il tutto spiegato in maniera semplice, anche per chi di certi argomenti non è troppo aggiornato. Vi lascio con un piccolo abstract del capitolo forse più interessante:

 “Il martedì, 29 ottobre 1929, fu la giornata più rovinosa del mercato azionario newyorkese, anzi forse la più rovinosa giornata della storia delle borse. Presentò insieme tutte le caratteristiche negative delle cattive giornate precedenti. La quantità scambiata fu immensamente superiore a quella del Giovedì Nero; la caduta dei prezzi fu quasi eguale a quella del lunedì. Incertezza e allarme raggiunsero l’intensità di entrambe le giornate. Le vendite iniziarono non appena aperto il mercato, su scala enorme.

Grossi pacchi di azioni venivano offerti per quello che si poteva prendere; nella prima mezz’ora le vendite mantennero un ritmo da 33 milioni di dollari al giorno. Le falle, che i banchieri volevano tappare, si allargarono. Ripetutamente e in molti comparti si accumulò una pletoria di ordini di vendita, ma non si presentò nessun compratore. La peggiore giornata di Wall Street alla fine si concluse. Anche questa volta le luci rimasero accese tutta la notte.”

John Kenneth Galbraith (1908-2006) ha insegnato nelle università di Princeton, Cambridge e Harvard, dove è stato Professor Emeritus di economia. All’attività accademica e di ricerca, Galbraith ha costantemente affiancato una partecipazione attiva alla vita politica e istituzionale degli Stati Uniti, consigliere economico dei presidenti americani Franklin D. Roosevelt, John Fitzgerald Kennedy e Bill Clinton, uno degli autori più letti nella storia delle scienze economiche illustra la crisi del 1929.

Tra le sue opere ricordiamo Storia dell’economia (1988), Breve storia dell’euforia finanziaria (1991), Soldi (Rizzoli 1997), Facce note (Rizzoli 2000), Il grande crollo (BUR 2003).

Condivisioni