Bollo su fatture e ricevute fiscali: le regole

Condivisioni

La disciplina fiscale prevede l’applicazione di una marca da bollo da €. 2,00 per le fatture e le ricevute fiscali di importo superiore a €. 77,47. Tutte le informazioni utili nella nostra guida per la corretta applicazione della marca da bollo su fatture e ricevute fiscali.

Quando ci troviamo a dover emettere una fattura o una ricevuta fiscale dobbiamo fare attenzione ai casi nei quali è obbligatorio apporre la marca da bollo nella misura fissa.

Infatti, alcune tipologie di documenti, come le fatture e le ricevute fiscali, in alcuni casi, possono essere soggette a tale imposta. Le fatture emesse da soggetti passivi del tributo (professionisti e imprese) sono soggette a bollo, quando non è prevista l’applicazione dell’Iva. Mentre per le ricevute, soltanto quelle fiscali, emesse da operatori economici, sono soggette all’applicazione del bollo.

L’articolo 13 della Tariffa allegata al DPR n.642/72, che disciplina l’imposta di bollo, prevede che siano assoggettate al tributo nella misura di €. 2,00 le seguenti categorie di documenti contabili:

  1. Le fatture, note, conti e simili documenti, recanti addebitamenti o accreditamenti, anche non sottoscritti, ma spediti o consegnati pure tramite terzi;
  2. Le ricevute e quietanze rilasciate dal creditore, o da altri per suo conto, a liberazione totale o parziale di una obbligazione pecuniaria.

 Mentre, al contrario l’imposta di bollo non è dovuta nei seguenti casi:

  • Quando la somma dei beni o servizi venduti non supera (complessivamente) la soglia di €. 77,47, a meno che si tratti di ricevute o quietanze rilasciate a saldo per somma inferiore al debito originario, senza l’indicazione di questo o delle precedenti quietanze, ovvero rilasciate per somma indeterminata;
  • Per la quietanza o ricevuta apposta sui documenti già assoggettati all’imposta di bollo o esenti;
  • Per le quietanze apposte sulle bollette di vendita dei tabacchi, fiammiferi, valori bollati, valori postali e dei biglietti delle lotterie nazionali.

Vediamo, quindi, i principi che regolano l’applicazione dell’imposta di bollo su fatture e ricevute.

Bollo

Alternatività tra Iva e imposta di bollo

L’imposta sul valore aggiunto (Iva) e l’imposta di bollo sono imposte tra loro alternative, come precisato dall’articolo 6 della Tabella (allegato B) al DPR n.642/72.

Quando le fatture, le ricevute, le quietanze, le note, i conti, le lettere e i documenti di addebitamento o di accreditamento riguardano pagamenti di corrispettivi assoggettati ad Iva, gli stessi sono esenti dall’imposta di bollo.

Al contrario, nel caso in cui il documento rechi una prestazione imponibile Iva, non deve mai essere applicata l’imposta di bollo. Questo come regola generale.

Ad esempio, se una fattura è emessa da un soggetto che applica un regime fiscale per il quale non si applica l’Iva, come i soggetti in regime forfettario, l’imposta di bollo deve essere apposta sul documento da parte del soggetto passivo. Stessa cosa nelle ricevute dei medici e dei soggetti che prestano attività sanitarie.

Vi è l’obbligo di applicare l’imposta di bollo, su ogni documento (ricevuta) rilasciato ai clienti se supera la soglia di €. 77,47.

Quando non si applica il bollo?

In particolare, l’esenzione dell’imposta di bollo opera:

  • Quando l’Iva è esposta sul documento;
  • Quando viene riportata una dicitura che affermi che il documento è emesso con riferimento al pagamento di corrispettivi assoggettati ad Iva;
  • Per le fatture relative a esportazioni di merci (sia dirette, sia triangolari);
  • Tutte le fatture relative a operazioni intracomunitarie;
  • Per le fatture con Iva assolta all’origine, come nel caso della cessione di prodotti editoriali;
  • Per le operazioni in reverse charge (Circolare n. 37/E/2006 Agenzia delle Entrate).

Quando si applica la marca da bollo?

Viceversa, sono soggette a imposta di bollo tutte le fatture (o documenti) emessi sia in forma cartacea sia in forma elettronica che abbiano un importo complessivo superiore a €. 77,47 non gravato da Iva.

Tra tutti questi documenti possiamo ricordare:

  • Le fatture fuori campo Iva, per mancanza del requisito oggettivo o soggettivo (articoli 2, 3, 4 e 5, DPR n.633/72);
  • Tutte le fatture fuori campo Iva, per mancanza del requisito territoriale (articolo 7 e seguenti, DPR n.633/72);
  • Le fatture non imponibili, per cessioni ad esportatori abituali, cioè relativamente ad operatori che emettono la c.d. “dichiarazione di intento” (articolo 8, comma 1, lettera c), DPR n.633/72); in tal senso, si veda la risoluzione n. 432734 del 22.7.1975;
  • Fatture non imponibili, in quanto operazioni assimilate alle cessioni all’esportazione, quali cessioni di navi, aeromobili, apparati motori o componenti destinati a navi e aeromobili e prestazioni di servizi destinati a questi ultimi (articolo 8-bis, DPR n.633/72);
  • Le fatture non imponibili, per servizi internazionali o connessi agli scambi internazionali (articolo 9, DPR n. 633/72). A tal riguardo, fanno eccezione e quindi sono esenti da bollo, le fatture relative a servizi internazionali che siano diretti esclusivamente a realizzare l’esportazione di merci (n.290586/78);
  • Le fatture esenti ex articolo 10, DPR n.633/72;
  • Fatture con importi esclusi Iva ex articolo 15, DPR n.633/72;
  • Le fatture emesse dai contribuenti in regime di vantaggio (c.d. “contribuenti minimi”), come chiarito dalla Circolare n. 7/E/08 Agenzia delle Entrate.

Fatture “miste

Se nella fattura sono esposti importi in parte assoggettati ad imposta sul valore aggiunto e in parte non assoggettati, ai fini dell’imposta di bollo si deve considerare l’importo non assoggettato ad Iva.

Se quest’ultimo è superiore a €. 77,47 bisognerà assolvere l’imposta (Risoluzione n. 98/E/01 Agenzia delle Entrate).

Copie conformi

Talvolta può capitare che per diversi motivi (mancato recapito, perdita, o altro) sia necessario inviare nuovamente un documento precedentemente emesso.

In tal caso, la “copia conforme” segue il medesimo trattamento del documento originale: se la fattura era assoggettata a bollo, lo sarà anche la copia, se la fattura non lo era, non lo sarà neppure la copia.

Riaddebito dell’imposta di bollo

In alcuni casi chi emette il documento non desidera sopportare il costo della bollatura, quando questa è obbligatoria.

Un diffuso comportamento è quello di inviare il documento privo del contrassegno. In tal modo, l’emittente obbliga il ricevente ad assolvere l’imposta mediante l’applicazione del contrassegno.

In realtà, tale modo di agire non appare corretto, poiché il documento, se soggetto ad imposta di bollo, lo è sin dall’origine.

Altri soggetti, invece, preferiscono assolvere l’imposta di bollo, ma addebitandone l’importo in fattura al cliente.

Ciò è possibile, a patto che sia espressamente previsto nel contratto stipulato fra le parti. In tal caso non si tratta di una cessione di beni, indipendentemente dal soggetto che pone in essere la cessione (Circolare n.13/478125 del 30 gennaio 1993).

Valori bollati e imposte dirette

I costi sostenuti per l’acquisto di valori bollati e postali sono deducibili dal reddito d’impresa o di lavoro autonomo,  se documentati e se correttamente indicati in Conto economico.

In tal senso, si dovrà ottenere dal cedente le marche da bollo apposita ricevuta/distinta con l’indicazione dei valori acquistati.

Sanzioni

Per l’omesso, insufficiente o irregolare versamento dell’imposta di bollo dovuta, si applica la sanzione amministrativa del pagamento di un importo da 1 a 5 volte l’imposta evasa (ex articolo 25, del DPR n. 642/72).

La nostra consulenza

Se hai un dubbio riguardante la corretta applicazione dell’imposta di bollo su una fattura o una ricevuta fiscale, contattaci attraverso il servizio di consulenza online.

Potrai contare sulla consulenza di un professionista preparato.




Check Also

Esterometro

Esterometro per le operazioni transfrontaliere: guida pratica

A partire dal 1º gennaio 2019 è obbligatorio l’invio telematico dell’Esterometro. Comunicazione che riguarda le …

Bitcoin

Criptovalute e Bitcoin: tassazione delle monete virtuali

Tassazione di Criptovalute, e gestione IVA di Bitcoin e monete virtuali. Il regime fiscale di …

Termini di accertamento

Termini di accertamento in caso di dichiarazione integrativa

I termini di accertamento ripartono dal momento in cui viene inviata la dichiarazione integrativa. Tuttavia, …

Decadenza dalla rateazione

Decadenza dalla rateazione di una cartella: ecco cosa fare SUBITO

Il mancato pagamento di cinque rate, anche non consecutive, determina la decadenza dalla rateazione delle …

Locazione di immobile in comodato

Locazione di Immobile in comodato: chi dichiara il reddito?

Nella locazione di immobile in comodato il reddito deve essere dichiarato dal soggetto comodante. Ovvero …

Certificazione Unica per redditi di lavoro autonomo

Certificazione Unica per redditi di lavoro autonomo

La Certificazione Unica per redditi di lavoro autonomo comprende prestazioni occasionali, provvigioni e compensi  a …

51 comments

  1. Buon giorno a tutti. Esercizio commercio abbigliamento al dettaglio in regime forfettario. E’ chiaro che sulle fatture e ricevute fiscali superiori a 77 va applicata la marca da bollo, ma se emetto solo scontrini con il registratore di cassa? come ci si comporta con gli scontrini che superano i 77 euro? com’è la regola in questo caso?

  2. Sullo scontrino non si applica il bollo.

  3. Buongiorno, ho emesso 2 fatture a fine luglio 2017 ma esse non sono mai arrivate al mio cliente. Ora mi trovo nella condizione che devo rimandarle ma non ho Marca da Bollo antecedenti. La fattura è del 28 Luglio e le marche da bollo sono di settembre…che faccio? Sono passati 2 mesi. Appongo un doppio bollo? E le rispedisco?

  4. Applichi la sanzione con un nuovo bollo.

  5. Buongiorno,
    emetto una fattura per prestazioni esenti Iva art.10 per € 100,00, applico il dovuto bollo di € 2,00, per un totale di €102,00.
    COn quale articolo di esenzione devo registrare in contabilità gli € 2,00 del bollo?

    Grazie.

  6. Sono operazioni escluse ex art. 15 DPR n. 633/72.

  7. Grazie per la celere risposta!

  8. Buongiorno!
    Il dentista mi ha rilasciato diverse fatture del tipo: “acconto prestazione”…200 euro + 2 di bollo…tot 202. Solo ieri mi ha specificato che spetta a me apporvi il bollo. Il problema è che le marche da bollo che acquisterei oggi riportano una data posteriore a quella delle fatture. Posso apporre le marche di oggi (pur con data successiva) e portare in detrazione le fatture o incorro in sanzioni e se si di che tipo (considerando che l’importo complessivo delle prestazioni supera i 1000 euro potrebbe comunque valerne la pena). Grazie.

  9. Non è corretto quello che dice il medico. Il bollo è a carico congiuntamente di chi emette il documento (medico) e di chi lo riceve (paziente). E’ una facoltà del paziente chiedere al medico l’applicazione del bollo sulla ricevuta. Se il medico decide di non apporre il bollo, allora sarà onere del paziente apporlo con data precedente a quella di emissione del documento. Altrimenti ci sono le sanzioni indicate nell’articolo. Sanzioni che saranno comminate ad entrambi, perché entrambi sono responsabili del pagamento del bollo.

  10. Salve,
    gestisco un sito e-commerce di vendita indiretta con regime forfettario. Con la vendita telematica non sono obbligato ad emettere fattura salvo richiesta del cliente e devo annotare tutto nel registro dei corrispettivi.
    Il bonifico e gli altri metodi di pagamento telematici possono valere anche come ricevuta di avvenuto pagamento? In questo modo posso evitare l’emissione delle ricevute e di conseguenza anche l’imposta di bollo da 2 euro.

    Grazie

  11. Il consiglio che posso darle è affidarsi ad un Commercialista esperto nel settore in modo che possa indicarle come operare. Se vuole siamo a disposizione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Condivisioni