Modello 730 precompilato: le date da ricordare

Condivisioni

Il Consiglio dei Ministri ha approvato, il Decreto Legislativo contenente una serie di semplificazioni in attuazione dei principi statuiti dalla riforma fiscale, contenente anche le norme riguardanti l’introduzione del modello 730 precompilato. Vediamo adesso quali sono le principali informazioni sul modello dichiarativo e tutte le date da ricordare. 

L’Agenzia delle Entrate, entro il 15/04 di ciascun anno, rende disponibile on-line il modello 730 precompilato a beneficio di tutti i contribuenti titolari di redditi di lavoro dipendente e assimilati. Per prendere visione del modello dichiarativo ciascun contribuente potrà avvalersi dell’assistenza di un Caf o di un Commercialista abilitato, oppure direttamente tramite i servizi on-line dell’Agenzia delle Entrate (Fisconline).

Vediamo, quindi, cosa è possibile fare dopo aver avuto accesso ai dati del modello 730 precompilato.

730 precompilato: le decisioni da prendere

Dopo aver ricevuto il modello precompilato il contribuente potrà decidere autonomamente se:

  • Accettare in toto la dichiarazione precompilata – In questo caso è prevista l’esenzione dai controlli formali sulla dichiarazione (ex art. 36-bis del DPR 600/73), salvo che per la sussistenza delle condizioni soggettive che danno diritto alle detrazioni, comprese quelle per familiari a carico, e per le agevolazioni, nonché degli oneri certificati dai sostituti d’imposta per i quali gli stessi non hanno effettuato le trattenute. Sono esclusi anche i controlli previsti in caso di rimborso non superiore a 4.000 €;
  • Presentare la dichiarazione precompilata con modifiche – In questo caso, se avviene una presentazione diretta, ovvero tramite il proprio sostituto, tramite Caf o tramite l’assistenza di un Commercialista abilitato la dichiarazione rimane sottoposta al controllo formale;
  • Presentare la dichiarazione modello 730 in forma autonoma – In questo caso il contribuente rifiuta il modello precompilato fornito dall’Agenzia delle Entrate, presentando la dichiarazione dei redditi con le modalità ordinarie. Anche in questo caso il contribuente potrà rivolgersi al proprio sostituto d’imposta, Caf o  Commercialista abilitato, che presenterà per suo conto la dichiarazione dei redditi in forma “autonoma”.

In caso di rilascio del visto di conformità “infedele” da parte del Commercialista abilitato o del Caf saranno richiesti a questi ultimi non solo l’imposta ma anche le sanzioni e gli interessi che sarebbero stati applicati al contribuente ex art. 36-ter del DPR n. 600/73.

In caso di una dichiarazione rettificativa il contribuente deve versare la maggiore imposta dovuta e i relativi interessi. Con riferimento ai soggetti che appongono il visto di conformità ex DM n. 164/99 è disposto l’aumento del massimale minimo della prescritta polizza assicurativa (non inferiore a 3 milioni di €).

Il calendario degli adempimenti

Entro il 28/02 di ogni anno dovrà avvenire la comunicazione all’Agenzia delle Entrate dei dati riguardanti i seguenti oneri deducibili/detraibili sostenuti nell’anno precedente:

  1. Interessi passivi su mutui ipotecari relativi all’acquisto dell’abitazione principale;
  2. Contributi previdenziali e assistenziali;
  3. Contributi versati a forme di previdenza complementare;
  4. Premi per assicurazioni sulla vita e invalidità permanente.

Entro il 07/03 di ogni anno dovrà avvenire la comunicazione all’Agenzia delle Entrate delle certificazioni dei redditi (CUD) da parte dei sostituti d’imposta assieme ai riferimenti per la ricezione dei modelli 730/4.

Viene unificata al 07/07 la presentazione del modello 730 precompilato al proprio sostituto d’imposta, Caf o Commercialista abilitato. Mentre resta fissata al 31/05 la presentazione del modello “in assenza di sostituto” d’imposta.

3 comments

  1. Desidero sapere se potrò autonomamente presentare il Mod 730
    modificato pur essendo un pensionato con redditi di fabbricati e terreni oppure mi debbo obbligatoriamente rivolgermi a un CAF o similari abilitati e pagare per il loro servizio o spedizione. Si ringrazia e si porgono Distinti saluti.

    • Fiscomania

      Può benissimo presentare in autonomia il 730, in forma cartacea entro il mese di giugno. Altrimenti può presentare in autonomia il 730 precompilato dal sito dell’Agenzia delle Entrate.

      • Grazie della gentile e subitanea risposta e chiarimento, potrò presentarlo fino fine Giugno, compilato me e allegare tutte le fotocopie della certificazione unica e ricevute sanitarie e altre spese , ma non essendoci un Ufficio delle entrate dove vivo posso al Comune o potrò spedirlo via posta o mandare con un corriere, grazie,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condivisioni