Riduzione del canone di locazione: registrazione

Condivisioni

Nel caso in cui locatore e locatario si accordino per la riduzione del canone di locazione non è necessaria la registrazione della modifica del contratto in quanto non deve essere riliquidata l’imposta di registro, e non si ha alcuna risoluzione del contratto precedentemente registrato. 

L’accordo intervenuto tra locatore e locatario per la riduzione del canone di un contratto di locazione in corso di esecuzione, non deve essere obbligatoriamente comunicato all’Agenzia delle Entrate, e quindi non deve essere obbligatoriamente soggetto a registrazione.

Tuttavia, per esigenze di certezza dell’atto e per avere un documento comprovante ai fini del minore imponibile da indicare in dichiarazione dei redditi è buona norma procedere comunque alla registrazione dell’integrazione del contratto originario, per attribuire data certa all’atto (Circolare Agenzia delle Entrate n. 60/E del 2010).

Riduzione del canone di locazione

Ad oggi è sempre più frequente nel mercato degli affitti ad uso residenziale e commerciale che venga pattuita una riduzione del canone di locazione precedentemente inserito nel contratto di locazione registrato presso l’Agenzia delle Entrate.

Ebbene, sono solo le cessioni, le proroghe e le risoluzioni del contratto originario che, ai sensi dell’articolo 17 del DPR n. 131/86, vanno registrate in termine fisso, anche se stipulate verbalmente, con il versamento dell’imposta di registro di €. 67,00 da versare entro 30 giorni.

L’articolo 19 del T.U.R. richiede inoltre di denunciare solo quegli eventi “che danno luogo ad ulteriore liquidazione d’imposta“, perciò per esempio il caso di aumento del canone. Pertanto, le parti che risolvono un contratto in essere ovvero ne modificano alcuni elementi (soggetti, termine finale di efficacia) devono comunicarlo all’Agenzia delle Entrate, pagando la relativa imposta.

Atto di riduzione del canone

Per verificare se l’accordo di riduzione del canone di locazione implica la novazione del contratto originario (quindi, la sua risoluzione), i tecnici dell’Agenzia si rifanno all’orientamento della Corte cassazione, secondo cui “…le sole variazioni del canone non sono di per sé indice di una novazione di un rapporto di locazione, trattandosi di modificazioni accessorie della correlativa obbligazione…” (sentenza 5576/2003).
Quindi, va escluso che l’accordo di riduzione del canone debba essere obbligatoriamente comunicato all’Amministrazione finanziaria ai sensi del sopra citato articolo 17 del DPR n. 131/86.

Tuttavia, nonostante come abbiamo visto non vi sia alcun obbligo di registrazione può comunque essere interesse delle parti attribuire data certa al documento, in modo che questo possa rispondere ad eventuali finalità probatorie. Infatti, la diminuzione del canone determina una riduzione della base imponibile ai fini dell’imposta di registro, dell’Iva e delle imposte sui redditi.

Esenzione da bollo e da imposta di registro

L’articolo 19 del D.L. n. 133/14 ha esentato dall’assoggettamento a imposta di registro e a imposta di bollo le registrazioni degli accordi con i quali locatore e locatario dispongono la riduzione dei canoni di un contratto di locazione immobiliare in essere.  Sono, infatti, previste:

  • L’esenzione dal pagamento dell’imposta di bollo (apposizione della marca da bollo da €. 16,00 su ogni copia, per ogni 4 facciate scritte e, in ogni caso, ogni 100 righe);
  • L’esenzione dal pagamento dell’imposta di registro (che avveniva mediante la presentazione agli uffici dell’Agenzia delle Entrate di un modello F24 Elide con la ricevuta di versamento di €. 67,00).

13 comments

  1. “Quando il locatore decide di concedere una riduzione del canone di locazione inizialmente
    pattuito, e il contratto è ancora in essere, per la registrazione dell’atto con il quale viene
    formalizzato esclusivamente tale accordo non sono più dovute l’imposta di registro (67 euro) e
    l’imposta di bollo (16 euro per ogni foglio)”. Questo è quanto riporta la guida dell’Agenzia delle Entrate sulle locazioni. Non si fa alcun riferimento al fatto che riguardi solo l’abitativo, e non l’immobile strumentale.
    Tale riduzione è stata introdotta dall’articolo 19 del decreto sblocca italia Dl n. 133/14, in vigore dal 12 settembre scorso. In particolare all’articolo 19 è scritto “La registrazione dell’atto con il quale le parti dispongono esclusivamente la riduzione del canone di un contratto di locazione ancora in essere è esente dalle imposte di registro e di bollo”.
    A meno che l’Agenzia non esca con un parere ufficiale non si fa alcun riferimento nella norma di legge che la riduzione vale solo per gli immobili abitativi. E nemmeno sulla loro guida fanno questo riferimento.
    Io cercherei maggiori spiegazioni presso di loro, per farti avere qualche evidenza della loro ragione, che per me attualmente non c’è.

  2. nell ultimo paragrafo del tuo articolo parli dell’esenzione da registro e bollo per le variazioni (a ribasso) dei canoni di locazione, mi chiedevo: vale solo per le locazioni abitative o anche per quelle non strettamente abitative? (es. uso studio da parte di un professionista).
    All’agenzia delle entrate dicono che l’esenzione valga solo sull’uso abitativo, dall’art. 19 però non risulta chiaro.. sai darmi delucidazioni?

  3. Ma se non lo registri, come giustifichi la riduzione di imponibile nella dichiarazione dei redditi?

  4. Fiscomania

    La registrazione non è obbligatoria, ma comunque è consigliata, visto che se riduci il canone in dichiarazione dei redditi l’Agenzia ti accerta immediatamente. Poi naturalmente puoi dimostrare con la scrittura privata di riduzione del canone il motivo, ma dovresti provare che tale scrittura aveva data certa (magari perchè inviata via PEC tra le due parti). In ogni caso, è utile registrare comunque l’atto.

  5. infatti la registrazione della riduzione canone viene fatta soprattutto ai fini della dichiarazione dei redditi, appunto per evitare accertamenti, mi sembra strano che qui si scriva che non è necessaria.

  6. Fiscomania

    Non è obbligatoria, ma questo non significa che non sia necessaria.

  7. Buongiorno;, come avviene la registrazione dell’accordo di modifica ?
    Sul suo sito (https://assistenza.agenziaentrate.gov.it/assistenza/index.asp?idFolder=1156&idServ=1) l’Agenzia delle Entrate specifica che la registrazione dell’accordo di riduzione del canone non è possibile attraverso il canale telematico, ma io (conduttore) mi trovo all’estero (ho pero’ PEC & firma digitale)

  8. Fiscomania

    Deve recarsi presso un ufficio dell’Agenzia delle Entrate per la registrazione.

  9. Salve, vorrei sapere dove trovare il modulo da compilare per la riduzione del canone.

  10. Fiscomania

    Non c’è un modulo standard, deve essere effettuata una scrittura privata.

  11. buongiorno, nel caso che le sottopongo l’accordo di riduzione del canone d’affitto(si tratta di locale commerciale) e’ stato siglato dalle parti a decorrere dalla data 01/01/2016 e a tuttora non ancora registrato.l’imposta annuale di registro e’ stata versata aggiornando l’importo al nuovo canone ribassato e cosi’ anche le tasse relative.le chiedo allora se e’ opportuno registrarlo e se incorro in sanzioni per la mancata registrazione.grazie

  12. Fiscomania

    L’accordo di riduzione del canone deve essere registrato, con il pagamento della relativa imposta di registro. Il rischio è che poi l’Agenzia si muova per chiedere il pagamento dell’imposta sul canone pre riduzione, visto che non ha informazioni sul nuovo canone ribassato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *