Imprenditore agricolo: il regime di esonero

Condivisioni

L’imprenditore agricolo, in virtù dell’attività svolta, può beneficiare di un regime di vantaggio ai fini Iva. In particolare, per loro è possibile scegliere tra tre diversi regimi Iva, ciascuno dei quali caratterizzato da uno specifico modo di calcolare l’imposta da versare. Soprattutto per chi intende avviare questo tipo di attività è importante conoscerli per saper scegliere al meglio quello da adottare.

L’imprenditore agricolo, o il soggetto che si appresta a diventarlo, deve necessariamente conoscere quali sono i regimi fiscali ai fini dell’Imposta sul valore aggiunto applicabili, e quali sono le condizioni per le quali è possibile scegliere quale regime adottare.

Il codice civile italiano ha definito la figura diimprenditore agricolo all’articolo 2135, che nella versione originaria recitava: “È imprenditore agricolo colui che esercita un’attività diretta alla coltivazione del fondo, alla silvicoltura, all’allevamento di animali e attività connesse“.

In particolare, specialmente al fine di monitorare l’andamento dell’attività agricola, è importante valutare quale dei regimi Iva previsti per l’agricoltura si addica maggiormente alle caratteristiche della produzione agricola effettuata, in ragione anche di poter raggiungere il miglior carico fiscale.

Vediamo, quindi, i regimi previsti per il settore agricolo ai fini dell’Imposta sul valore aggiunto.

I regimi Iva per il settore agricolo

L’imprenditore agricolo, ai sensi dell’articolo 34 del DPR n. 633/72 possono adottare a scelta uno tra tre diversi tipi di regimi Iva, ovvero:

  1. Il regime di esonero, il regime naturale per gli imprenditori agricoli con volume d’affari annuo non superiore a €. 7.000;
  2. Il regime speciale, il regime naturale per gli imprenditori agricolo con volume d’affari annuo superiore a €. 7.000 che effettuano cessioni di prodotti di cui alla Tabella A, parte I, DPR n. 633/72;
  3. Il regime ordinario, adottabile per opzione qualora l’imprenditore agricolo ceda beni non presenti nella tabella A sopra indicata.

Il regime di esonero

Il regime di esonero, disciplinato dal comma 6 dell’articolo 34 del DPR n. 633/72, è il regime fiscale naturale per gli imprenditori agricoli con volume di affari annuo non superiore a €. 7.000 costituito per almeno due terzi dalla cessione di prodotti agricoli.

Questo regime consente all’imprenditore agricolo di essere esonerato da qualunque adempimento ai fini Iva se non quello di conservare e numerare progressivamente tutte le fatture di acquisto, e conservare copia delle autofatture emesse da parte degli acquirenti in quanto sono essi stessi che emettono autofattura in luogo dell’emissione della fattura dal parte del soggetto cedente che adotta questo particolare regime di esonero.

Il suddetto regime consente anche l’esonero dalla presentazione della dichiarazione Iva e Irap. Nel caso di vendita diretta a privati non vi è l’obbligo di emettere né lo scontrino né la ricevuta fiscale. Inoltre l’agricoltore in regime di esonero non è tenuto all’iscrizione al Registro delle Imprese tenuto a cura delle Camere di Commercio (articolo 2 della Legge n. 77 del 25/3/1997).

Attenzione, però, qualora l’imprenditore agricolo nell’anno avesse effettuato prestazioni di servizi con per un valore superiore ad un terzo rispetto alla cessione di prodotti agricoli non potrebbe usufruire di questo speciale regime.

Autofattura per il cessionario

Il fatto che l’imprenditore agricolo venga esonerato da alcuni adempimenti, come nel caso del regime di esonero, dall’emissione della fattura, la normativa fa ricadere tale adempimento sul soggetto cessionario o committente. Tali soggetti, infatti, quando acquistano beni o utilizzano i servizi dell’imprenditore agricolo in regime di esonero Iva, sono tenuti ad emettere autofattura, in luogo del cedente che è esonerato.

Nell’autofattura deve essere indicata la relativa imposta, determinata applicando le aliquote corrispondenti alle percentuali di compensazione. L’Iva dovrà, quindi, essere scorporata dall’importo totale pagato all’imprenditore agricolo ed eventualmente documentato dal documento di trasporto redatto dal cedente.

L’agricoltore cedente ha l’obbligo di conservare l’autofattura emessa dal cessionario o committente e ha il beneficio di “trattenere” l’Iva indicata nell’autofattura, essendo esonerato dall’obbligo di versamento.

Il cessionario o committente provvederà a registrare la fattura emessa per conto del produttore agricolo separatamente nel registro degli acquisti.

Perdita del regime di esonero

L’efficacia del regime di esonero cessa:

  • Dall’anno solare successivo, in caso di superamento del limite di €. 7.000, ma non del limite di 1/3 delle cessioni di altri beni;
  • Dallo stesso anno, in caso di superamento del limite di 1/3 delle cessioni di altri beni, indipendentemente dall’ammontare del volume d’affari realizzato.

Superamento del limite di 1/3

Nel caso in cui venga superato il limite di 1/3 delle cessioni di altri beni, resta ferma, fino alla conclusione dell’anno (C.M. 24 dicembre 1997, n. 328/E) sia l’applicazione, alle cessioni di prodotti agricoli e ittici, delle percentuali di compensazione, sia l’obbligo di autofatturazione da parte dei cessionari/committenti.

Nel caso in cui a fine anno risulti confermato il superamento del limite di 1/3 delle cessioni di altri beni, la C.M. n. 328/E/1997 impone al produttore agricolo:

  • Alcune specifiche annotazioni, da effettuare entro il termine di presentazione della dichiarazione Iva relativa all’anno in cui è cessata l’efficacia del regime di esonero;
  • Entro lo stesso termine, la liquidazione e il versamento dell’Iva dovuta per l’intero anno solare, riferito alle operazioni diverse da quelle agricole effettuate nello stesso periodo, per le quali sono state applicate le aliquote proprie dei beni e servizi ceduti.

Il regime speciale

Il regime speciale per l’imprenditore agricolo, disciplinato dall’articolo 34 del DPR n. 633/72, prevede la detrazione dell’Iva, non sulla base degli acquisti effettuati, bensì sulla base di percentuali di compensazione determinate da apposito Decreto Ministeriale (D.M. 23 dicembre 2005).

L’imprenditore agricolo che adotta questo particolare regime è chiamato ad applicare alle cessioni di prodotti agricoli l’aliquota prevista per il bene ceduto versando solamente l’Iva che risulta a debito dopo l’applicazione della percentuale di compensazione.

Le fatture di vendita vengono emesse applicando le aliquote Iva ordinarie (4%, 10% e 22%), tuttavia all’Amministrazione finanziaria viene versata la differenza fra l’aliquota ordinaria e quella di compensazione, che è più bassa o al massimo uguale a quella ordinaria. Aspetto importante riguarda il fatto che suddetto regime si applica solamente alla cessione di prodotti agricoli di cui alla Tabella A, parte I, del DPR n. 633/72.

Il regime ordinario

Il regime ordinario, si applica solo a seguito di apposita opzione da effettuare in sede di dichiarazione Iva, e comporta l’adozione di tale regime per almeno tre esercizi. Il regime si caratterizza per il fatto che l’Iva dovuta si determina sulla base della differenza tra l’Iva a debito derivante dalla cessione di beni o servizi e l’Iva a credito sugli acquisti, anche di beni strumentali, inerenti tali cessioni.

Per valutare la convenienza per il regime normale occorre considerare l’ammontare delle spese che si ritiene di dover sostenere, e confrontare l’ammontare dell’Iva detraibile in base alle percentuali di compensazione con l’Iva sulle fatture di acquisto. In generale, nel caso di investimenti, quali l’acquisto di un trattore o la costruzione di stalle, risulta conveniente applicare il regime normale Iva.

Il regime per le imprese agricole miste

Oggi, sempre più spesso assistiamo al fatto di vedere l’imprenditore agricolo che oltre a vendere i propri prodotti effettua anche altre attività come ad esempio la produzione di energia elettrica, magari sfruttando energie rinnovabili.

Ebbene, in questi casi non possiamo parlare di attività agricola tradizionale, bensì di attività agricola mista. In questo caso se l’impresa adotta il regime speciale ed effettua una prestazione diversa dalla cessione di prodotti elencati nella tabella A, occorre distinguere due ipotesi: se la cessione è a carattere occasionale, l’impresa versa l’Iva relativa a tale cessione e non deve compiere particolari adempimenti.

Qualora invece tali cessioni siano sistematiche si configura, ai fini Iva, una vera e propria attività e quindi diventa necessario optare per l’applicazione del regime normale oppure adottare la cosiddetta contabilità separata che prevede la possibilità di avere, con riferimento allo stesso numero di partita Iva, due regimi diversi tra loro con riferimento alle rispettive cessioni o prestazioni.

21 comments

  1. mi trovo da pensionata inps nella casistica di regime di esonero per impresa agricola fino a € 7.000,00
    ma questo importo va indicato nel 730 come reddito ??
    grazie

  2. salve, lavoro nelle forze armate.posso aprire una partita iva agricola per produzione e vendita nocciole?inoltre il limite di 7000 euro non era per i comuni montani sotto i 1000 abitanti?grazie

    • Fiscomania

      Salve,
      non vi è alcuna preclusione. Può esercitare l’attività agricola con partita Iva e contemporaneamente conservare la sua attività nelle forze armate. Il limite di €. 7.000 esonera dalla tenuta della contabilità e dai registri Iva (non ci sono soglie per i comuni). Si ricordi però che dovrà conservare tutte le fatture di acquisto e vendita.

  3. Salve, volevo chiedere se un imprenditore agricolo che si trova nel regime di esonero deve comunque indicare nel modello unico il numero di partita iva o se invece non è necessario indicare il possesso di P.IVA agricola in quanto non va dichiarato alcun reddito. grazie Teddy

    • Fiscomania

      Salve,
      il Fisco non considera soggetti dotati di partita Iva (anche se in realtà ne sono dotati) i produttori agricoli esonerati da tutti gli obblighi contabili, dichiarativi e di versamento di cui all’articolo 34 del DPR n. 633/72. Quindi non deve indicare nessuna partita Iva nel modello Unico.

  4. Buonasera sono un imprenditore agricolo in regime di esonero. Sono coltivatore diretto ma non sono iscritto alla previdenza agricola ( mi dicono che non ci sia l obbligo di iscrizione). Dato l avvicinarsi della scadenza IMU volevo sapere se in qualità di coltivatore diretto sono tenuto o meno al pagamento del IMU sui terreni di mia proprietà .
    Grazie mille per le vostre

    • Fiscomania

      Salve,
      la norma prevede che i terreni parzialmente montani (secondo l’elenco dei Comuni pubblicato dall’Istat), consentano l’esenzione dal pagamento dell’Imu se condotti da coltivatore diretto o imprenditore agricolo, iscritti nella previdenza agricola (Risoluzione 2/DF del 3.2.2015).

  5. Risposte esaurienti e precise.Evangelista

  6. Salve. Sono un imprenditore agricolo in regime di esonero e vorrei vendere un trattore ad un altro imprenditore agricolo in regime di esonero come me. Volevo sapere, se basta una dichiarazione di vendita e come mi devo comportare ai fini IVA. Grazie

  7. Salve,sono un imprenditore agricolo con partita Iva e camera di commercio, questo è stato il mio primo anno di attività ed ho fatturato 8000 euro ricevuti tramite bonifico da una cooperativa agricola di trasformazione del pomodoro da industria,in oltre ho speso circa 7000 euro tutti fatturati per la produzione , devo fare la dichiarazione dei redditi entro la fine del 2016?
    Grazie.

  8. Salve, una domanda. Ho dei terreni dove coltivo ortaggi e non ho la P.Iva. Posso vendere i miei prodotti fino ad un massimo di 7000 euro senza partita Iva? Il commerciante può emettere autofattura a mio conto se non ho la partita iva? Vorrei capire in pratica se sono abbligato o no all’apertura di una partita iva.
    Grazie

    • Fiscomania

      Lei è obbligato ad aprire partita Iva come imprenditore agricolo. Poi potrà beneficiare del regime di esenzione, ma senza partita Iva sta operando fuori dalle regole.

  9. buonasera,
    sono casalinga e vorrei acquistare un immobile (D10)da un imprenditore agricolo con relativo terreno. l’immobile e per uso fini agrituristici.
    se volessi diventare anch’io imprenditore agricolo l’acquisto dell’immobile si puo’ fare direttamente?
    grazie

  10. Salve, ho aperto da poco p.I e cam.commer. e vorrei acquistare trattore, mi spiega gentilmente perchè mi converrebbe il regime ordinario invece che di esonero visto che non fatturerò nulla il primo anno. Grazie

  11. Da tre anni sono imprenditore agricolo, produco uva, che conferisco in una cantina. Nei primi due anni non ho superato i 7000,00 euro, ma quest’anno gli ho superati! Per quest’anno sarò sempre in auto fatturazione e dal prossimo anno in regime ordinario, mi è stato detto questo è corretto?

    In attesa di riscontro, ringrazio anticipatamente.

    Roberto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condivisioni