Spese di istruzione: la detrazione nel modello 730

Condivisioni

Quali sono le spese di istruzione detraibili dalla dichiarazione dei redditi? Quali sono i documenti da conservare? La nostra guida con tutte le informazioni utili per la detrazione delle spese di istruzione nel modello 730. Nella detrazione del 19% per le spese di istruzione dei figli rientrano anche i costi per gite scolastiche, per l’assicurazione della scuola e ogni altro contributo scolastico finalizzato all’ampliamento dell’offerta formativa (ad esempio corsi di lingua, teatro) deliberato dagli organi d’istituto.

All’interno del Quadro E del modello 730 trovano spazio gli oneri deducibili e detraibili, tra i quali anche la detrazione Ipref per le spese di istruzione. La lettera e) e la lettera e-bis) del comma 1 dell’articolo 15 del DPR n. 917/86, disciplinano il diritto alla detrazione fiscale ai fini Irpef, per il  19% delle spese di  istruzione sostenute nel periodo di imposta.

Tra le spese di istruzione agevolabili sono  specificamente elencate quelle per la frequenza di corsi di istruzione secondaria, universitaria, di perfezionamento e/o specializzazione universitaria, tenuti presso istituti o università italiane pubbliche.

Nella detrazione del 19% per le spese di istruzione dei figli rientrano anche i costi per gite scolastiche, per l’assicurazione della scuola e ogni altro contributo scolastico finalizzato all’ampliamento dell’offerta formativa (ad esempio corsi di lingua, teatro) deliberato dagli organi d’istituto.

Di seguito tutte le informazioni utili per ogni tipologia di detrazione.

Detrazione per spese universitarie

La lettera e) dell’articolo 15, comma 1, del DPR n. 917/86  prevede la possibilità di detrarre dall’Irpef il 19% delle c.d. “spese universitarie”, ovvero:

le spese per frequenza di corsi di istruzione universitaria presso università statali e non statali, in misura non superiore, per le università non statali, a quella stabilita annualmente per ciascuna facoltà universitaria con decreto del Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca da emanare entro il 31 dicembre, tenendo conto degli importi medi delle tasse e contributi dovuti alle università statali

Sulla base di quanto disciplinato dall’articolo 15, comma 1, lettera e) del DPR n. 917/86, è possibile portare in detrazione le spese universitarie, nelle seguenti misure:

  • L’intera spesa sostenuta per la frequenza di università statali;
  • Per le università non statali la spesa detraibile sarà determinata in misura non superiore a quella stabilità annualmente da ciascuna facoltà con specifico decreto ministeriale.

Sono quindi detraibili le spese sostenute nel periodo di imposta, anche se riferibili a più anni, per la frequenza di corsi di istruzione secondaria, universitaria e di specializzazione universitaria, tenuti presso istituti o università italiane o straniere, pubbliche o private.

Sono detraibili sia le tasse di immatricolazione ed iscrizione, anche se riferibili a più anni (compresi gli anni fuori corso) che le soprattasse per esami di profitto e di laurea.

Detrazione per la frequenza scolastica

La lettera e), del comma 1, dell’articolo 15 del DPR n. 917/86 disciplina la detrazione per le spese di istruzione universitaria, mentre la successiva lettera e-bis) disciplina la detrazione delle spese:

per la frequenza di scuole dell’infanzia, del primo ciclo di istruzione e della scuola secondaria di secondo grado del sistema nazionale di istruzione di cui all’articolo 1 della legge 10 marzo 2000, n. 62

In particolare, la lettera e-bis) dell’articolo 15, comma 1, del DPR n. 917/86 prevede quindi la detrazione fiscale, per le spese di istruzione sostenute per la frequenza delle seguenti tipologie di istituto sia per istituti statali, che per istituti paritari privati. Si tratta di:

  • Di scuole dell’infanzia (c.d. “scuola materna“);
  • Del primo ciclo di istruzione (comprende la scuola primaria, per un ciclo di 5 anni e la scuola secondaria di primo grado, per un ciclo di 3 anni);
  • Della scuola secondaria di secondo grado (ciclo scolastico della durata di 5 anni),

del sistema nazionale di istruzione di cui all’articolo 1, della Legge n. 60/2000, nel limite di €. 400 per alunno o studente.

La stessa lettera e-bis prevede poi che tale detrazione non sia cumulabile con quella prevista per le erogazioni liberali alle istituzioni scolastiche per l’ampliamento dell’offerta formativa, prevista invece dall’articolo 15, comma 1, lettera i-octies) del DPR n. 917/86.

Per chiarire meglio questa differenza, occorre andare ad analizzare brevemente la disciplina riguardante la detrazione per erogazioni liberali alla scuola.

Detrazione per contributi ad istituti scolastici

Sono detraibili infatti, sempre nella misura del 19% della spesa sostenuta (ma senza limite di importo), le erogazioni liberali a favore degli istituti scolastici di ogni ordine e grado,statali e paritari senza scopo di lucro appartenenti al sistema nazionale di istruzione di cui alla Legge n. 62/2000 e in favore delle istituzioni dell’alta formazione artistica, musicale e coreutica e delle università, finalizzate all’innovazione tecnologica, all’edilizia scolastica e universitaria e all’ampliamento dell’offerta formativa.

La detrazione spetta a condizione che il versamento di tali erogazioni sia eseguito tramite banca o ufficio postale ovvero mediante gli altri sistemi di pagamento quali bancomat, carte di credito prepagate, assegni bancari e circolari.

Il Ministero dell’Istruzione dell’Università e della Ricerca (MUIR), interpellato sulla questione, ha precisato che, alla luce del combinato disposto delle lettere e-bis) e i-octies) dell’articolo 15 i contributi volontari consistenti in erogazioni liberali finalizzati:

  • all’innovazione tecnologica (ad esempio acquisto di cartucce stampanti);
  • all’edilizia scolastica (ad esempio pagamento piccoli e urgenti lavori di manutenzione o di riparazione);
  • all’ampliamento dell’offerta formativa (ad esempio l’acquisto di fotocopie per verifiche o approfondimenti);

Nella detrazione del 19% per le spese di istruzione dei figli rientrano anche i costi per gite scolastiche, per l’assicurazione della scuola e ogni altro contributo scolastico finalizzato all’ampliamento dell’offerta formativa (ad esempio corsi di lingua, teatro) deliberato dagli organi d’istituto.

Tali erogazioni, ricordiamo, possono essere portati in detrazione nel modello 730, senza limiti massimi di spesa.

Altre spese di istruzione

Di seguito proponiamo alcuni casi particolari di spese di istruzione con le relative possibilità di detrazione fiscale ai fini Irpef

Asili nido – Spesa deducibile. Sono deducibili le spese sostenuti per la frequentazione ed il pagamento delle rette mensili degli asili nido sia pubblici sia privati ma nel limite di €. 632 annue per figlio.

Dottorati di ricerca – Spesa detraibile. Infatti, il dottorato di ricerca rappresenta un titolo conseguito a seguito di uno specifico corso previsto dall’ordinamento universitario per consentire ai laureati di acquisire un grado di preparazione necessaria per svolgere attività di ricerca di alta qualificazione. Pertanto, anche i corsi di dottorato di ricerca possono considerarsi “corsi di istruzione universitaria” al fine di poter usufruire della detrazione. Si tratta di una conclusione coerente con la precedente prassi amministrativa che ha riconosciuto la detrazione per le spese di iscrizione ai corsi di perfezionamento, ai corsi di specializzazione e ai master post universitari, contemplati, insieme ai dottorati, dall’art. 3 del decreto n. 270/2004 tra i titoli e i corsi di studio universitari (risoluzione n. 11/E/2010).

Frequentazione di master – Spesa detraibile, a condizione che il master: sia assimilabile, per durata e struttura dell’insegnamento, a corsi universitari o di specializzazione; sia gestito da istituti universitari, pubblici o privati (circolare n. 101/E/2000).

Corso per laureati presso la scuola di specializzazione per l’insegnamento secondario – Spesa detraibile. Il corso seguito dai laureati presso la scuola di specializzazione per l’insegnamento secondario può essere considerato un corso di istruzione universitaria (risoluzione n. 77/E/2008).

Test di accesso ai corsi di laurea – Spesa detraibile. Le spese per la partecipazione ai test di accesso ai corsi di laurea possono essere considerate spese per istruzione e come tali detratte dall’imposta: lo svolgimento della prova di preselezione, laddove richiesto dall’ordinamento universitario, costituisce infatti una condizione indispensabile per l’accesso a corsi di istruzione universitaria (risoluzione n. 87/E/2008).

Contributi pagati all’università pubblica per il riconoscimento del titolo di studio conseguito all’estero – Spesa non detraibile. Non sono detraibili i contributi pagati all’università pubblica per il riconoscimento del titolo di studio conseguito all’estero, in quanto non possono essere assimilati alle “spese per frequenza di corsi di istruzione secondaria e universitaria”, ammesse invece al beneficio fiscale (circolare n. 39/E/2010).

Spese di iscrizione ai conservatori musicali –  Spesa detraibile. Più precisamente:

· le spese sostenute per l’iscrizione ai nuovi corsi istituiti ai sensi del D.P.R. n. 212 del 2005 presso i Conservatori di Musica e gli Istituti musicali pareggiati risultano detraibili al pari delle spese sostenute per l’iscrizione ai corsi universitari;

· le spese sostenute per l’iscrizione ai corsi di formazione relativi al precedente ordinamento possono, invece, considerarsi equiparabili a quelle sostenute per la formazione scolastica secondaria.

Il predetto Ministero ha, infatti, fatto presente che, in attesa che trovi piena attuazione la riforma della scuola secondaria che prevede l’istituzione dei licei musicali, i Conservatori sono obbligati per Legge ad assicurare a tutti la formazione base in materia musicale (circolare n. 20/E/2011).

Per quanto riguarda, invece, le spese per l’iscrizione a corsi pre-accademici, ovvero fruibili per l’iscrizione al Conservatorio, le stesse non possono essere considerate detraibili, in quanto riferite a corsi non equiparabili a quelli accademici.

Spese per corsi di laurea in teologia – Spesa detraibile. Le spese sostenute per la frequenza di corsi di laurea in teologia sono detraibili nella misura stabilita per corsi di laurea a indirizzo umanistico tenuti presso l’Università statale italiana più vicina al domicilio fiscale del contribuente che, per materie trattate e contenuto del piano formativo, presentino le maggiori analogie con il corso di laurea in teologia (circolare n. 13/E/2013).

Spese sostenute per familiari a carico

Le spese di istruzione sono detraibili anche se sostenute dal contribuente nell’interesse del coniuge, di figli e altri familiari a carico.

In particolare: se il documento è intestato ad uno solo dei genitori, la detrazione compete al genitore stesso; se il documento indica solo il nome dello studente a carico, la spesa può essere suddivisa in parti uguali tra i genitori dichiaranti; se essi intendono ripartire la spesa in misura diversa dal 50%, devono annotare la percentuale di ripartizione nel documento; inoltre, se un coniuge è fiscalmente a carico, l’altro può detrarre integralmente la spesa.

Documentazione delle spese di istruzione

La documentazione utile per la detrazione fiscale ai fini Irpef del 19%, legata alle spese di istruzione, si può ottenere tramite uno dei seguenti documenti:

  • Copie di bonifici bancari effettuati verso l’istituto scolastico;
  • Copie di bollettini postali rilasciati dall’istituto;
  • Copie dei MAV di pagamento.

In mancanza delle ricevute di pagamento sopra indicate è possibile farsi rilasciare dalla segreteria dell’istituto scolastico un apposito attestato di pagamento su cui deve essere apposta una marca da bollo i cui importi sono indicati nella Circolare n. 29/E/2005 dell’Agenzia delle Entrate.

In questo modo la spesa sostenuta potrà essere comunque portata in detrazione dalla dichiarazione dei redditi.

Compilazione del quadro E del modello 730

Le spese di istruzione devono essere indicate nel quadro E del modello 730, precisamente nei righi che vanno da E8 a E12.

Deve essere utilizzato il codice12” se stiamo portando in detrazione le spese legate alla frequenza scolastica, di cui alla lettera e-bis), mentre dovrà essere indicato il codice13” per le spese legate alla frequenza universitaria, di cui alla lettera e) del comma 1, dell’articolo 15 del DPR n. 917/86.

Devono essere indicate nei presenti righi anche le spese di istruzione indicate nella Sezione “Oneri detraibili” della Certificazione Unica.

Spese non detraibili

Non sono detraibili le spese di istruzione sostenute per l’acquisto di testi scolastici, di strumenti musicali, di materiale di cancelleria come chiarito dalla Risoluzione ministeriale n. 8/803 e per i per i viaggi ferroviari, vitto e alloggio necessari per consentire la frequenza alle scuole come chiarito dalla Risoluzione ministeriale n. 2/1184).

Per quelli potrete chiedere più che altro l’assegno socio scolastico alla vostra azienda se lo prevedere oppure in base la modello Isee delle agevolazioni fiscali.

La nostra consulenza

Hai bisogno di aiuto per la detrazione fiscale riguardante le spese scolastiche? Lasciaci un commento con i tuoi dubbi o le informazioni che cerchi, saremo lieti di risponderti nel più breve tempo.

Se, invece, hai bisogno di una consulenza per la compilazione della dichiarazione dei redditi puoi contattarci nell’apposita pagina dedicata alla consulenza online.

299 comments

  1. Michela Dedonato

    Mia figlia dopo il diploma si è iscritta al NID di Perugia. Le spese di iscrizione sono deducibili ?

    • Fiscomania

      Salve, il NID di Perugia sembra essere un istituto privato, non equiparabile ad una università privata, pertanto il relativo costo di iscrizione non è deducibile. Se per caso l’istituto fosse equiparato ad università privata le cose cambierebbero. Le consiglio di provare ad informarsi presso l’istituto.

  2. Buonasera, Vorrei sapere se è possibile dedurre/detrarre dal 730 i costi sostenuti per i corsi di recupero scolastici. Si tratta di strutture private che consentono agli studenti di recuperare anni scolastici senza frequentare una scuola pubblica ma sostenendo presso di queste o in scuole paritarie appositi esami di idoneità. In pratica questi corsi sono di preparazione per sostenere detti esami.

    Grazie

  3. Buonasera.
    La tassa regionale per il diritto allo studio è detraibile? E, se si, va indicata in aggiunta o separatamente
    dalla detrazione delle tasse universitarie?
    Grazie.

    • Fiscomania

      Salve, è detraibile l’intera rata pagata per le tasse universitarie, comprendente i contributi, la tassa regionale per il diritto allo studio universitario e le spese accessorie. Non deve essere indicata separatamente.

      • Salve nel 730 precompilato dalla Sapienza è stato comunicato l’importo delle tasse scolastiche meno le tassa regionale di 140 euro… posso poi modificare inserendo l’intero importo?

        • Fiscomania

          Si, può modificare il 730 inserendo l’importo della tassa regionale. Per poterlo fare deve essere in grado di mostrare la documentazione relativa al pagamento sostenuto da lei.

  4. Buongiorno, la Sapienza di Roma rilascia il bollettino di pagamento con l’importo tassa universitarie ed importo tassa regionale, causali 01 e 02, il pagamento avviene con pagamento in Banca Intesa . Posso scaricare il totale oppure non è possibile?
    Grazie

  5. Ho notato che nel 730 Precompilato l’Agenzia delle Entrate ha indicato un importo detraibile per le tasse universitarie decurtato della tassa regionale e dell’imposta di bollo virtuale. Ovunque si dice che è detraibile l’intero importo della rata pagata, mi pare strano che abbiano sottratto esattamente questi importi. Se voglio includerli devo modificare l’importo precompilato e probabilmente questo comporterà una verifica. Vorrei essere sicuro che questi importi siano effettivamente detraibili.

    • Fiscomania

      Salve, non ci sono indicazioni che dicano il contrario, ovvero che la tassa regionale non sia detraibile. Tuttavia se modifica il 730 precompilato è possibile che l’Agenzia chieda un controllo. Veda lei in base all’importo della spesa cosa è più opportuno fare.

    • Buongiorno, mi trovo nella medesima situazione, con l’aggiunta che non è riportata nemmeno la spesa per il certificato di laurea (laurea, iscrizione ecc). Vorrei chiedere se, in particolare, questa ultima spesa può essere detraibile.
      Grazie

      • Fiscomania

        Salve, la spesa per il certificato di laurea non è detraibile. Le spese sostenute per la frequenza sono detraibili.

      • Sul sito dell’Agenzia delle Entrate relativo al 730 precompilato ho trovato una risposta tra le FAQ che potrebbe interessare tutti coloro che devono detrarre le spese universitarie:

        Attenzione: Le tasse regionali e i relativi rimborsi potrebbero non essere inclusi nella dichiarazione precompilata. Le Università che non gestiscono anche i rimborsi delle tasse regionali non hanno comunicato queste informazioni, in quanto non a conoscenza della spesa effettivamente rimasta a carico del contribuente. Pertanto, il contribuente deve eventualmente integrare la dichiarazione riportando l’importo delle tasse regionali al netto dei relativi rimborsi.

        Pertanto è possibile variare l’importo precompilato aggiungendo le tasse regionali senza paura di sbagliare. Spero che l’informazione possa essere utile a tutti.

        • Ho parlato al telefono con un operatore dell’Agenzia delle entrate, mi ha riferito che la tassa regionale universitaria non è detraibile. Alcuni qui dicono di si. È possibile avere la norma, con articolo, o magari una circolare o comunicato della agenzia delle entrate ove si riscontra obiettivamente che tale tassa è possibile detrarla? Grazie. Per notizia, tutti i 730 precompilati sono al netto della tassa regionale.

          • Fiscomania

            L’Agenzia delle Entrate non si è mai espressa ufficialmente in merito alla detrazione per le tasse regionali. Tuttavia, in assenza di specifico divieto si ritiene che la detrazione sia possibile, almeno fino a quando non uscirà una circolare che ne vieti la detrazione.

  6. Buongiorno

    la ricevuta dei buoni mensa è intestata a me, il bambino è interamente a carico di mio marito facciamo il 730 congiunto (io non sono a suo carico) la spesa è detraibile lo stesso?

    Grazie

    • Fiscomania

      Salve, il fatto che la detrazione per figli a carico sia al 100% a favore di un coniuge non pregiudica il fatto che le altre spese relative al figlio siano sostenute e quindi “detraibili” da parte dell’altro coniuge. In pratica, suo marito può beneficiare della detrazione per figli a carico di cui all’articolo 12 del Tuir, mentre lei, in qualità di soggetto che ha comunque il figlio a carico può detrarsi la spesa per sostenuta per la mensa del figlio. In questi casi, il soggetto che ha sostenuto la spesa, deve indicare nel quadro “familiari a carico” del modello Unico o del 730, il codice fiscale del familiare nell’interesse del quale ha pagato la spesa, oltre che il numero dei mesi a carico, e nel campo relativo alla percentuale di detrazione del carico di famiglia deve indicare zero, in quanto la detrazione è totale beneficio dell’altro coniuge.

  7. BUONGIORNO,

    L’ UNIVESITA’ HA COMUNICATO ALL’ AGENZIA DELLE ENTRATE PER IL 730 PRECOMPILATO SOLO L’ IMPORTO DEL CONTRIBUTO UNIVERSITARIO. E’ POSSIBILE SCARICARE ANCHE LA TASSA REGIONALE EDISU, IL CONTRIBUTO ATTIVITA’ SPORTIVA, IL CONTRIBUTO MAV, LA MARCA DA BOLLO ?.

    • Fiscomania

      Salve, l’Agenzia delle Entrate non si è mai espressa ufficialmente in merito alla detrazione per le tasse regionali. Tuttavia, in assenza di specifico divieto si ritiene che la detrazione sia possibile, almeno fino a quando non uscirà una circolare che ne vieti la detrazione. Gli altri oneri non sono detraibili.

  8. Buongiorno. Vorrei sapere se è possibile detrarre i costi dello stage all estero.

  9. A partire da quest’anno le spese sostenute per l’istruzione nelle Università non statali sono detraibili integralmente ma solo in misura non superiore a quella stabilita per ciascuna facoltà universitaria con decreto del MIUR annualmente. Il decreto terrà conto degli importi medi e delle tasse dovuti alle Università Statali pertanto se si vuole portare il detrazioni tali spese il 730 precompilato andrà integrato a parte perdendo il beneficio dell’accettazione senza modifiche e integrazioni.

    Il decreto del MIUR al momento ancora non risulta emanato, quindi per inserire tali spese nel 730 precompilato 2016 bisognerà attendere l’emanazione

    Domanda: Conoscete i tempi di emanazione del decreto, o dove reperirlo?
    Economia e Commercio Cattolica di Milano
    Grazie

    • Fiscomania

      Salve, sicuramente il decreto sarà disponibile sul sito del Ministero non appena sarà stato pubblicato. Per i tempi, purtroppo, non posso aiutarla.

  10. Salve,
    volevo chiedere se in dichiarazione per l’istruzione possono essere compilati sia il rigo E12 per la tassa d’iscrizione che il rigo E31 per le il contributo volontario.

    Grazie

  11. Buongiorno mi trovo in Tunisia per lavoro. Mio figlio frequenta la scuola italiana del luogo. Vorrei sapere che importo da detrarre sulla prossima dichiarazione atteso che le spese d’iscrizione é di 200 euro mentre le spese per la frequenza le spese ammontano a circa 2000 euro. La scuola è paritaria con decreto 267 / 3646 del 2004. Grazie per l’aiuto. Giulio

    • Fiscomania

      Salve, può portare in detrazione al massimo €. 400 per la frequenza scolastica. L’agevolazione riguarda sia gli istituti statali che quelli privati paritari.

  12. Vorrei detrarre dal 730 la mensa scolastica di mio figlio; i bollettini sono intestati a me, che non sono fiscalmente a carico di mio marito ma non ho capienza di reddito per poter dedurre nulla, infatti ha sempre fatto il 730 solo lui. Posso inserire queste spese scolastiche nel suo 730 ancorchè intestate a me, o le perdo?
    Grazie

    • Fiscomania

      Salve, la cosa migliore sarebbe che la spesa fosse intestata al figlio o al genitore che poi porterà in detrazione la spesa. E’ possibile fare passare la spesa all’altro coniuge ma è necessario che lo stesso possa dimostrare di aver sostenuto lui la spesa per il figlio.

      • Sì lo so, infatti ne ho fatto modificare l’intestazione adesso, ma siccome finora non era una spesa utile, non era mai giunta questa necessità. Invece, questa attestazione di effettivo sostenimento della spesa da parte del padre, dovrebbe avvenire come? Ad esempio con un autocertificazione? Premetto che sono bollettini postali, quindi non riconducibili ad una persona specifica, come potrebbe essere un bonifico bancario.
        Grazie

        • Fiscomania

          Se non è possibile provare il sostenimento della spesa da parte dell’altro coniuge indichi sul bollettino la percentuale di spettanza del coniuge.

    • Buongiorno, spese mensa per 2 figli so che si possono detrarre , per un figlio sono di € 175,00 per l’altro di 750,00, ora siccome detrazione è 400,00 per figlio io ho indicato nel precompilato totale € 575 perché € 400 per uno e 175 . ma conteggio 19% me lo fa su 400€… ma non è 400 per ogni figlio allora se uno ha 2 figli dovrebbe detrarre € 800,00 totale… ma sito 730 precompilato ade non lo permette… come faccio a inserire che ho 2 figli a carico al 100%
      Grazie

      • Fiscomania

        Pubblico la sua risposta in modo tale che qualcun altro che presenta il 730 precompilato possa darle una risposta. Io avevo ipotizzato in precedenza di inserire tutto in un rigo, ma se mi dice che detrae solo per €. 400 allora non è corretta questa soluzione.

  13. Buonasera, vorrei sapere se il contributo di € 52,00 per il rilascio della pergamena di laurea magistrale (università pubblica) può essere ricompreso tra le spese di istruzione detraibili. Grazie.

  14. Buonasera. Il comune in cui risiedo ha rilasciato per ognuno dei miei tre figli un “Resoconto della situazione contabile” riportante gli importi di tutte le rette emesse e pagate per la frequenza della scuola materna e primaria lo scorso anno. Volendolo utilizzare per la relativa detrazione in alternativa alle ricevute dei bonifici devo applicarvi su una marca da bollo? Grazie

  15. Salve vorrei sapere se nel caso di più figli a carico bisogna compilare per ciascuno una riga indicando sempre il codice 12 e riportando la spesa sostenuta per ciascuno.
    Grazie
    Camilla

    • Fiscomania

      Salve, si la procedura è quella corretta.

      • Elena Massignani

        Nel modello 730 on line non è possibile inserire 2 codici uguali e se si inserisce l’importo totale in un solo rigo viene calcolata la franchigia come se la detrazione spettasse per un solo figlio. non riesco a contattare nessuno dell’agenzia entrate che mi aiuti:
        ho 2 figli quindi doppie spese di mensa e doppie spese sportive.
        Se sapete come posso fare…

        • Fiscomania

          Salve, purtroppo è un problema dell’Agenzia delle Entrate, non so come poterla aiutare. Anche in altri commenti precedenti è venuto fuori questo problema, nemmeno altri nostri lettori nello stesso problema sono riusciti a trovare una soluzione.

  16. Buonasera vorrei chiedere se posso indicare nella sezione E del 730 con codice 12 le spese di frequenza scolastica per mia figlia che frequenta una scuola straniera in Tunisia dove attualmente lavoro. La figlia è fiscalmente a carico. Grazie per la vostra risposta. Giulio

    • Fiscomania

      Salve, per le spese scolastiche non universitarie per la detrazione si fa riferimento alle scuole del “sistema nazionale di istruzione”, quindi nel suo caso non è possibile la detrazione.

  17. Buongiorno posso detrarre anche la tassa scolastica sostenuta in più all’iscrizione di mio figlio a scuola pari a 21,00 euro, effettuata con bollettino postale sul C/C 1016? Grazie in anticipo

    • Fiscomania

      Bisogna vedere a cosa è riferita la tassa scolastica: se non è relativa alla frequenza o all’ampliamento dell’offerta formativa, oppure al pagamento delle tasse regionali. In questi casi è possibile detrarre la spesa.

  18. Buongiorno, sono uno studente universitario e volevo un chiarimento sulle spese da detrarre.
    Io ho pagato la retta annuale di 1500€ e questa la posso detrarre a quanto ho capito.
    Volevo sapere se posso detrarre anche la tassa regionale di 140.00€ (Lazio) e la marca da bollo per l’iscrizione all’università. Se posso vorrei sapere in quale rigo immetterla.

    Grazie mille per la risposta.

    Tommaso

    • Fiscomania

      Salve, può detrarre la spesa per la frequenza scolastica e l’importo della tassa regionale. Nell’articolo è indicata la modalità di compilazione del modello 730 per questa spesa.

  19. Salve, per assicurarmi di agire con correttezza vorrei sapere se posso portare in detrazione nella misura prevista dalla legge, la cosiddetta “Tassa di Funzionamento” versata al Conservatorio Statale di Musica di Bologna per un importo di 750 Euro, versati per l’iscrizione al 4° anno accademico di mio figlio, fiscalmente a mio carico. Stessa domanda anche per la “Tassa di Frequenza” di 21.43 Euro versata sempre per la stessa iscrizione, all’agenzia delle entrate centro operativo di Pescara. Grazie per la vostra risposta. Claudio

    • Fiscomania

      Le spese sostenute per la frequenza dei corsi presso il Conservatorio Statale di Musica sono detraibili nelle dichiarazioni fiscali (Modello 730, Modello Unico), in conformità a quanto previsto dalla Circolare dell’Agenzia delle Entrate n. 20/E del 13 maggio 2011, ove si riporta che: “le spese sostenute per l’iscrizione ai nuovi corsi istituiti ai sensi del DPR n. 212 del 2005 presso i Conservatori di Musica e gli Istituti Musicali Pareggiati risultano detraibili al pari delle spese sostenute per l’iscrizione ai corsi universitari“. Anche la tassa di funzionamento è considerato onere detraibile

  20. Buongiorno, in merito alle spese relative alla mensa scolastica mi chiedo perchè non si possano scaricare gli importi inerenti al bambino senza considerare l’intestatario del bollettino postale. Avendolo saputo prima avrei potuto mettere il nome di mio marito (che ha irpef nel cu) e non ingenuamente il mio che benchè abbia un reddito sui 9000 non ho irpef nel mio cud a seguito di detrazione 50% figlio e bonus renzi.
    Non c’è modo di poter scaricare tali spese mensa in qualche modo???? ho sentito anche il comune per farmi rilasciare una certificazione di spesa a nome bambino ma mi hanno detto che comunque dovrò allegare i bollettini e da li si evincerà che il nome dell’intestatario è il mio. mi sembra un mero errore di forma se si considera che la mensa di fatto è stata pagata dalla famiglia e non da uno dei due.

    • Fiscomania

      Salve, per rimediare è possibile fare una dichiarazione direttamente sul bollettino indicando che la detrazione andrà al 100% all’altro coniuge. Tale dichiarazione dovrà essere firmata da entrambi i coniugi e conservata tra i documenti di entrambe le dichiarazioni dei redditi. In questo modo può dichiarare la spesa anche il coniuge non intestatario dei bollettini.

  21. OSVALDA TREOSTI

    BUONGIORNO, VORREI CHIEDERE SE E’ DETRAIBILE COME SPESE ISTRUZIONE UN CORSO CONVERSAZIONE INGLESE SCUOLA SECONDARIA NEW ENGLISH (COSI’ E’ SCRITTO SULLA FATTURA) TENGA PRESENTE CHE LE RAGAZZE HANNO FREQUENTATO LA IV ELEMENTARE E 2^MEDIA
    GRAZIE

    • Fiscomania

      Salve, è possibile detrarre questa spesa se trattasi di ampliamento dell’offerta formativa. Per evitare contestazioni in caso di controlli le consiglio di farsi rilasciare dalla scuola una dichiarazione riguardante il fatto che la spesa sostenuta è relativa all’ampliamento dell’offerta formativa degli alunni. In questo modo non avrà problemi a detrarre la spesa.

  22. Buonasera, volevo sapere se la tassa di laurea è possibile scaricarla con il 730.
    ringraziando anticipatamente

  23. Salve,
    sto compilando il 730 online nel sito dell’agenzia dell’entrate e per la categoria Altre spese codice di spesa 16 (sport) e codice d spesa 12 (istruzione) ho compilato un rigo per ognuno dei miei figli, ome ho fatto lo scorso anno al CAF, in maniera da rendere evidente il rispetto dei massimali per ongi figlio (210 per lo sport e 400 per le spese di istruzione). Il sistema online però mi segnala erroe il fatto di aver utilizzato lo stesso codice su più righe. Come devo fare?
    Grazie

    • Fiscomania

      Salve, non deve compilare più righi con lo stesso codice di spesa. Ogni codice di spesa può essere utilizzato una sola volta nel quadro. Quindi, se all’interno del rigo non le da la possibilità di dividere la spesa per ogni figlio immagino che dovrà necessariamente inserire il valore complessivo di spesa relativo a tutti di figli.

  24. Buongiorno, ho un dubbio sulle spese universitarie detraibili. Mia figlia si è iscritta alla SSML di Pisa, riconosciuta come università, dopo alcuni mesi ha fatto il trasferimento all’UNIPI di Pisa. La mia domanda è posso detrarre le spese che ho sostenuto e che continuo a sostenere per la SSML,anche se non risulta più iscritta; essendoci una clausola nel contratto dove dice che l’iscrizione è impegnativa per l’intero anno accademico senza facoltà di recesso anticipato per nessuna delle parti.

    • Fiscomania

      Salve, può portare in detrazione tutta la spesa sostenuta nell’anno, in quanto tutta e riferibile a frequenza universitaria.

  25. Salve, domanda probabilmente banale: si possono portare in detrazione solo i pagamenti avvenuti nel 2015, giusto?
    Ovviamente ho anche delle rate pagate nel 2014 e nel 2016, ma immagino che quelle del 2014 siano perse per sempre ai fini della detrazione, e quelle pagate nel 2016 rientreranno nel 730 del 2017, giusto?

    Grazie mille!

  26. Buongiorno,
    nel corso del 2015 ho frequentato l’ultimo anno di università e contestualmente sono stato assunto da una società. Siccome nel 2015 ho superato la soglia di reddito lordo ai fini IRPEF non risulto più a carico dei miei genitori.
    Le spese universitarie versate mediante bonifico da parte dei miei genitori, atteso che loro non possono portarle in detrazione, posso indicarle nel mio 730/2016?
    Oppure il bonifico, effettuato dai miei genitori e non da me, costituisce un limite alla possibilità di indicare tali spese nel mio 730?

    Grazie!!

  27. Buongiorno
    nell’anno 2015 sono stata iscritta al corso di laurea magistrale LM51 in psicologia. Sono di Milano mentre l’università è di Roma.
    In base al dm288 per la deduzione della spesa devo fare riferimento alla mia regione situata a nord (importo massimo di deduzione euro 2.800) oppure al centro (sede dell’università) e quindi euro 2.300?
    grazie

    • Fiscomania

      Il DM 288/2016 fa esplicito riferimento alla sede ove è situato il corso di studi dell’Università, per stabilire l’importo massimo della spesa detraibile.

  28. Buongiorno, l’anno prossimo mia figlia andrà negli Stati Uniti ed effettuerà il quarto anno (medie superiori) all’estero.
    Sarà possibile detrarre i costi sostenuti?
    Grazie

    • Fiscomania

      Sono detraibili “le spese per frequenza di corsi di istruzione universitaria presso università statali e non statali, in misura non superiore, per le università non statali, a quella stabilita annualmente per ciascuna facoltà universitaria con decreto del Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca da emanare entro il 31 dicembre, tenendo conto degli importi medi delle tasse e contributi dovuti alle università statali”. Sono detraibili quindi anche le spese per università estere, nei limiti di quanto previsto dal D.M. 288/2016.

      • Scusate, non sto parlando di corsi universitari ma di Scuola secondaria di 2º grado.
        Infatti mia figlia farà l’equivalente della quarta Liceo Scientifico, in una High School delgli Stati Uniti.
        Grazie

        • Fiscomania

          Per la scuola secondaria la normativa fa riferimento soltanto al sistema nazionale di istruzione, non si tiene conto di istituti stranieri.

  29. Buona sera, due domande.
    Premetto che frequento un’università privata (Unimarconi).
    Vorrei sapere se e dove posso trovare una fonte normativa per verificare il massimo detraibile relativamente al corso di Laurea cui sono iscritta.
    Altra domanda. Sostengo una spesa di € 45 per ogni esame, una sorta di tassa per il sostenimento dell’esame. Posso detrarre anche questo importo?
    Grazie

  30. salve, nel corso del 2015 mio figlio ha frequentato per i primi 6 mesi il nido per una spesa di 480€, mentre da settembre a dicembre scuola dell’infanzia, 720€. posso detrarre io la spesa per la scuola dell’infanzia (400€ plafond) e mia moglie quella per il nido?o fa fede il codice fiscale del bambino e quindi unicamente il massimale di 400€ legato ad esso con la scuola dell’infanzia?grazie

    • Fiscomania

      Salve, la ripartizione è al 50% per tutte le spese sostenute per il figlio, a meno che uno dei genitori non rilasci una dichiarazione nella quale imputa una diversa percentuale all’altro.

  31. Buongiorno, ho frequentato un corso di inglese presso la ASEI (Agenzia Formativa Accreditata dalla Regione Piemonte), per il quale ho pagato 132,00 €. Sono deducibili ? Se sì in quale percentuale e in quale casella del 730 devo inserire il costo? Grazie per la risposta, un saluto
    Marina

    • Fiscomania

      Salve, sono deducibili le spese relativa a istituti universitari o scuole di istruzione secondaria, o primo ciclo di istruzione primario e secondario. Al di fuori di questi casi la spesa non è detraibile. Quindi il suo corso non è detraibile.

  32. Buon giorno, l’università di Trieste rilascia il foglio con i dati relativi al versamento delle tasse universitarie suddiviso in : Imposta bollo virtuale, contributi, tassa di iscrizione, tassa regionale legge 549/95 art.3.
    Da quello che leggo nelle risposte già date alla stessa domanda, le tasse regionale e di iscrizione sono detraibili. I contributi e l’imposta bollo anche?
    Grazie per la risposta

  33. Buongiorno,
    a seguito della pubblicazione della circolare n. 18/E del 06/05/2016 dell’Agenzia delle Entrate chiedo cortesemente se il servizio mensa pagato anticipatamente nei primi mesi dell’anno scolastico 2014/15 (novembre 2014) perché così richiesto dall’agente di riscossione, che opera per conto del Comune di Trieste che gestisce il servizio di mensa scolastica, sia detraibile dal 730/2016 allegando al bollettino postale l’elenco dei pasti fruiti dal figlio minore nel corso del 2015.
    Ringrazio,
    Monica

    • Fiscomania

      Salve, i pagamenti avvenuti prima nel 2014 non sono detraibili per il 730/2016. Vige il principio di cassa, è detraibile ciò che è stato pagato nell’anno oggetto di dichiarazione.

  34. Salve, nel 2015 ho sostenuto erogazione liberale per liceo di mia figlia (130€) oltre a tassa di iscrizione (21,17 €) mentre per la scuola media di mio figlio ho sostenuto erogazione liberale (60 €) e iscrizione al corso di potenziamento inglese (77€).

    Vorrei sapere se posso portare in detrazione tutti i 190€ delle erogazioni liberali (130+60) con codice 31 e inoltre le spese per iscrizione al liceo e al corso potenziamento di inglese (21,17 + 77) con codice 12.

    Grazie

    • Fiscomania

      Salve, certamente è possible portare in detrazione contemporaneamente la detrazione per erogazioni liberali verso istituti scolastici che le spese per frequenza scolastica del figlio.

  35. Buongiorno.
    Cortesemente gradirei la conferma che nel 730 online e’ possibile detrarre le spese di abbonamento dei trasporti pubblici , intestato a mio figlio , studente , a mio carico.
    In caso di risposta affermativa , in che rigo e con quale cosice devo inserirlo ?
    Non sono riuscito a trovare una soluzione , finora.
    Grazie in anticipo .
    Luigi

    • Fiscomania

      Salve, la spesa relativa ai trasporti pubblici, anche se legata al tragitto casa scuola non rientra la spese detraibili ai fini Irpef. Mi dispiace.

  36. Buonasera,
    mi viene sollevato un problema circa la detraibilita’ dal 730 delle spese per mensa scolastica di mia figlia. I bollettini sono intestati alla madre, non fiscalmente a carico mio ma comunque con 730 congiunto, mentre i pagamenti sono stati fatti in parte da me ed in parte da mia moglie. Mi viene detto che i pagamenti effettuati da me non sarebbero detraibili i quanto i bollettini erano intestati alla madre.
    Risponde al vero la problematica sollevatomi.
    Grazie in anticipo.

    Francesco

    • Fiscomania

      Salve, anche se la spesa non è intestata a lei è sufficiente la dichiarazione resa sul documento e firmata da entrambi i coniugi sulle percentuali di detrazione della spesa suddivise tra gli stessi.

  37. buongiorno,
    mio figlio si è laureato a luglio dello scorso anno ed ha iniziato a lavorare a settembre, avendo percepito piu’ di 2840,51 euro nel 2015, ed avendo pagato io come genitore la tassa di iscrizione all’università, volevo sapere se c’è modo di recuperare il 19% delle spese sostenute ed eventualmente chi dovrebbe presentare la richiesta se io come genitore che ha sostenuto la spesa oppure mio figlio

    • Fiscomania

      Salve, purtroppo le spese sostenute per i familiari non a carico non sono in genere detraibili ne per la persona che ha sostenuto la spesa ne da quella che ha beneficiato della prestazione. Lei non può detrarre la spesa in quanto il figlio non è a carico e nemmeno suo figlio può farlo perché non ha sostenuto la spesa.

      • Buongiorno, il discorso fila (anche se personalmente non trovo giusto che in una famiglia dove i soldi sono stati effettivamente spesi “da tutti” nessuno abbia il diritto di recuperarne il 19%), però Vi segnalo che questa risposta è in contrasto con quella che avete dato a Piero il 10 maggio 2016 per un caso analogo: “può portare direttamente lei [ figlio ] la spesa in detrazione”.
        Oppure sono io che non colgo la differenza tra i 2 casi?
        Grazie in anticipo per il chiarimento,
        Cesare

        • Fiscomania

          Da un punto di vista personale sono perfettamente concorde con lei, ma purtroppo la normativa fiscale non è sempre coerente. Il figlio può portarsi in detrazione la spesa soltanto se è possibile giustificare la spesa come da lui sostenuta (forse la risposta precedente peccava di questo appunto, me ne scuso), altrimenti se non è possibile imputare al figlio il sostenimento della spesa, la detrazione non è possibile. Se dovessi dirle cosa farei io in questa situazione: imputerei la spesa al figlio e otterrei la detrazione, in caso di controlli andrei a vedermela con il funzionario, adducendo che comunque per quella detrazione nessuno avrebbe potuto beneficiarne (questo voleva essere il senso della mia risposta precedente, spero di essere stato più chiaro).

  38. Salve. Volevo sapere se è possibile detrarre le spese per un viaggio d’istruzione di mio figlio (nella rivcevuta compare la dicitura “ampliamento dell’offerta formativa”; e la spesa sostenuta per sostenere l’esame per la cerificazione linguistica (non il corso, l’esame). se si, in quale rigo?
    grazie

    • Fiscomania

      Salve, le spese legate ai viaggi di istruzione sono spese accessorie rispetto a quelle della frequenza scolastica, quindi non possono essere portate in detrazione. Vedasi la Risoluzione n. 87/E/2008 delle Entrate. La spesa per sostenere l’esame di certificazione linguistica non è detraibile.

  39. Buonasera,
    sono divorziato , i figli sono a carico di mia moglie ma partecipo almeno al 50% a tutte le spese scolastiche e universitarie, come da sentenza di tribunale.
    Per l’università di mio figlio ho pagato tutte le spese io . Posso detrarre il 19% di tutta la spesa sul mio 730 , in accordo con la mia ex moglie che non detrae nessuna di queste spese ?

    • Fiscomania

      Salve, è possibile per lei detrarre tutta la spesa al 100% ma serve una dichiarazione firmata da entrambi dove si dice che la spesa è al 100% a suo carico.

  40. buongiorno,
    a luglio 2015 mi sono laureata e a settembre 2015 ho iniziato un master di primo livello.
    Posso detrarre gli importi pagati nel 2015 separatamente per il corso di laurea e del master o gli importi concorrono a formare lo stesso massimale per “istruzione universitaria ?”
    Grazie
    Rossella

    • Fiscomania

      Salve, quello che intende fare non è possibile. La detrazione è unica per tutte le spese universitarie sostenute, compreso il master.

  41. Buongiorno! Il Caaf dove mi sono recata, mi ha fatto correggere l’intestazione della certificazione delle spese della scuola dell’infanzia, in quanto erano intestate al bambino e l’ha voluta intestata al papà (che detrae le spese). Mi hanno riferito di circolari attuative emanate dopo la pubblicazione delle istruzioni che richiederebbero l’intestazione al soggetto pagatore…Ho accettato per sfinimento ma ora, leggendo qua e là, mi sembra di capire che non fosse affatto necessario…

    • Fiscomania

      Salve, se la spesa scolastica è intestata al bambino la detrazione va ripartita al 50% tra i genitori. Tuttavia, nel caso in cui si voglia ripartire tutto in capo ad uno dei genitori è necessaria una dichiarazione firmata che modifichi la detrazione. Quello che le hanno detto mi sembra corretto.

  42. LORETTA BRIGHENTI

    La sopratassa pagata per il ritardo nel pagamento di una rata universitaria è detraibile?

  43. Buongiorno! so che per detrarre le spese dell’asilo nido bisogna avere il bollettino, fattura o la ricevuta di pagamento con denominazione dell’asilo nido, i dati anagrafici del bambino e di chi effettua il pagamento più l’importo pagato! Va bene lo stesso il bonifico della banca con il beneficiario (Asilo), ordinante (genitori), descrizione (Iscrizione centro infanzia anno scolastico e il solo nome del bambino) e l’importo pagato? Grazie

    • Fiscomania

      Salve, ai fini della detrazione fiscale è sufficiente anche la sola conservazione del bonifico bancario a patto che vi siano i riferimenti dell’istituto scolastico del soggetto che ha sostenuto la spesa (o del figlio), e la spesa sostenuta.

  44. Buongiorno Vorrei sapere se il corso da OPERATORE SOCIO SANITARIO frequentato presso una struttura privata, cioè l’istituto Fermi di Perugia, è detraibile?? Grazie

  45. È possibile detrarre nella dichiarazione le spese sostenute per l’iscrizione all’Esame di Stato di dottore Commercialista?
    Grazie

  46. Saracino Salvatore

    buonasera, a quanto ho capito, la tassa di iscrizione universitaria (prima, seconda e terza rata…) eventuali sovrattasse per il fuoricorso, tassa regionale e marca da bollo sono tutte detraibili.

  47. Buongiorno,

    avrei bisogno di sapere se le spese che ho sostenuto per mio figlio per il SIS (servizio integrativo scolastico), che ha frequentato alla scuola elementare, rientrano tra le spese detraibli o rientrano solo quelle per mensa scolastica?
    Grazie mille

  48. Buon pomerigggio,
    mio figlio frequenta un corso di musica presso un Centro di Formazione e Perfezionamento Musicale. A quel che dice la scuola posso portare in detrazione la spesa del corso (pari a 1.400 euro per il 2015).
    Leggendo però le istruzioni del 730 non riesco a capire se posso portarla alla voce E8 con codice 12 (che dovrebbe essere quello della scuola secondaria) o con codice 13 (quello per università e conservatorio).

    Potete darmi un aiuto?

    Grazie

    • Fiscomania

      Salve, tutto dipende se la scuola che frequenta suo figlio è un conservatorio o meno. A quello che mi dice sembra di no, quindi la spesa dovrebbe andare nella voce E8 codice 12.

  49. buonasera ,chiedo se posso detrarre spese mensa del figlio anche se le bollette della mensa sono intestate alla mia ex moglie ,ma per un nostro accordo i mav delle bollette li pago io dal mio conto personale online .premetto che la mia ex moglie non fa il 730 perché ha solo un CUD .Grazie

    • Fiscomania

      Salve, serve una dichiarazione firmata che le spese sono al 100% a suo carico, con allegati i versamenti effettuati da lei.

  50. Ho due figli che frequentano il liceo. Uno presso un istituto privato paritario, l’altro presso un istituto pubblico. Ho speso €. 400 di tassa di iscrizione più €. 100 di contributo volontario per l’uno e €. 21,17 di tassa d’iscrizione più €. 320 di contributo volontario per l’altro figlio. Posso portare in detrazione la percentuale prevista sull’intera spesa sostenuta o tassa di iscrizione esclude il contributo volontario? Grazie.

    • Fiscomania

      Certamente, lei ha diritto a portare in detrazione l’intero importo delle spese sostenute per ciascuno dei due figli. Dovrà soltanto porre attenzione alle modalità di compilazione dei righi riguardanti le spese di istruzione e i contributi volontari.

  51. Buongiorno,
    La quota di iscrizione alla scuola di secondaria di mio figlio è descritta in questo modo:
    CONTRIBUTO VOLONTARIO PER ISCRIZIONE A.S. 2015/2016 110 euro, composto da:
    -20 euro per il rimborso spese vive (assicurazione, libretto, pagella)
    -90 euro per il mantenimento e l’ampliamento della qualità dell’istituto (innovazione, ampliamento offerta formativa, edilizia scolastica, fotocopie…)
    Posso detrarre tutto con il codice 12 oppure devo dividere la prima quota con codice 12 e la seconda quota con codice 31 ? E’ stato fatto un bollettino unico di 110 euro.
    Ho inoltre 81 euro di mensa scolastica da inserire con codice 12, ma ” questa detrazione non è cumulabile con quelle indicate con codice 31″. Che cosa significa?
    Grazie e cordiali saluti,
    Anne

    • Fiscomania

      Salve, quello che deve fare è suddividere la spesa nelle varie voci di detrazione. Il fatto che la voce mensa non sia cumulabile con altre detrazioni, significa che il contribuente è tenuto a scegliere tra la detrazione per mensa scolastica e la detrazione per erogazioni liberali agli istituti scolastici. Spetta al contribuente scegliere quale delle due detrazioni sia più vantaggiosa per il suo caso.

  52. Buongiorno,vorrei cortesemente porvi un quesito circa la deducibilità delle spese scolastiche: per l’anno 2015 un banbino ha frequentato fino al 31 luglio il nido con spese documentate oltre 632,00 Euro ela scuola materna da Settembre a Dicembre con spese per la refezione di 300,00 Euro,E’ possibile portare in detrazione entranbe le spese nel limite dei rispettivi massimali?.Grazie Cordiali Saluti

    • Fiscomania

      Salve, certamente è possibile portare in detrazione entrambe le spese sostenute, rispettando i massimali previsti per ciascuna spesa.

  53. salve, vorrei porvi un quesito circa la detraibilità delle spese di trasporto scolastiche forniti da scuolabus comunali con importo complessivo di euro 145,45, può essere detratta e deve essere apposta la marca da bollo da euro 2 sulla certificazione della spesa rilasciata dal servizio scolastico del comune.
    Grazie

    • Fiscomania

      Salve, le spese legate al trasporto scolastico non rientrano tra le spese scolastiche per cui è prevista la detraibilità ai fini Irpef.

  54. Buongiorno,
    ho una figlia iscritta alla SSML Vittoria di Torino (scuola superiore per mediatori linguistici), la scuola è stata riconosciuta dal MIUR con D.M. n. 38 del 10/01/2002 e risulta nell’elenco delle scuole superiori di mediazione linguistica operanti in Italia rilasciata dal Ministero e quindi autorizzata a rilasciare titoli di studio equipollenti a tutti gli effetti ai diplomi di laurea rilasciati dalle università.
    In sede di dichiarazione dei redditi presso un CAF mi è stata negata la possibilità di detrarre le spese sostenute perché non risultante, la suddetta scuola, nell’elenco delle Università non statali.
    Vi risulta corretta questa interpretazione ? Ringrazio anticipatamente Cinzia

    • Fiscomania

      Salve, trattandosi di istituto universitario privato che rilascia diplomi equipollenti a tutti gli effetti ai diplomi di laurea pubblici, può detrarre le relative spese, secondo quanto indicato dal D.M. 288/2016 del MIUR.

  55. Buongiorno, mia figlia ha frequentato il corso di inglese presso la scuola media (pagamento con bonifico) al fine di sostenere il Preliminary English Test della Cambridge English Language Assessment Part of the University of Cambridge (pagamento con bonifico per l’esame finale). Vorrei sapere per cortesia se possano essere inserite nel 730 tra le spese di istruzione in detrazione. Grazie

  56. Buonasera, ho bollettini postali delle mie figlie con dicitura “li ampliamento offerta formativa attività minivolley” nel 730 può essere inserita nel rigo E8 con codice 16 attività sportiva dei ragazzi o va inserita con codice 31?
    Riprendo una risposta di qualche giorno fa; quindi se E8 con codice 12 è indicata un importo inerenti la mensa scolastica non può essere indicato nulla con codice 31 (o viceversa)?
    Grazie e cordiali saluti.

    • Fiscomania

      Tale spesa se ne rispetta i requisiti deve essere inserita con codice 31, tra le erogazioni liberali ad istituti scolastici. Tuttavia, tale detrazione, come già detto non è cumulabile con la detrazione di cui al codice 12 per frequenza di istituti scolastici. Quindi, se ha già utilizzato questa detrazione il codice 31 non è utilizzabile. O meglio, dovrà verificare, tra codice 12 e codice 31 quale detrazione è per lei più conveniente.

      • Grazie della risposta, ora avrei bisogno di un altro chiarimento, anche in previsione del prossimo anno;
        Mi è stato detto che un genitore può portare in detrazione le spese di istruzione (codice 12), mentre l’altro può detrarre l’ampliamento offerta formativa (codice 31), in questo modo non fa cumulo; è esatta questa notizia?
        Un ultima domanda, nel corso del 2015 ho un versamento tramite bancomat per l’attività di nuoto della bimba ma non ho la certificazione della piscina e non posso richiederla perché attualmente la ditta è fallita, secondo Lei posso in qualche modo scaricarla?
        Cordialmente

        • Fiscomania

          Si, certamente le due detrazioni non sono cumulabili per uno stesso soggetto, ma i due coniugi possono suddividersi le due spese e detrarle separatamente.
          Per la spesa legata all’attività sportiva dei ragazzi è obbligatoria la ricevuta con l’indicazione della ASD che ha ricevuto il pagamento. Il solo bonifico non è sufficiente per la detrazione.

  57. dalle tasse universitarie si può detrarre anche l’importo del bollo virtuale?

  58. Paolo Ballardini

    Buongiorno
    mio figlio frequenta il Politecnico di Milano e ho scoperto che viene considerata come università privata. Mi dicono quindi che la quota deducibile è al massimo quella della università statale.
    Come faccio a sapere la quota esatta? Esula dal reddito o deve essere “filtrata” in base all’ISEE?
    grazie

    • Fiscomania

      Salve, per capire quale è la quota detraibile deve andare a vedere i limiti riportati nel D.M. 288/2016. In questo decreto è riportato il limite massimo di spesa detraibile per le università non statali.

  59. Buonasera, per cortesia, sono in difficoltà nella compilazione del 730 in merito alle spese sostenute all’asilo per mio figlio. Ho dei bollettini intestati all’Istituto Comprensivo con le seguenti causali “Progetto scuola materna”, importo del versamento € 30,00 – ” Progetto anno scolastico 2015/2016″ importo del versamento € 40,00 – “Corso di Teatro -si va in scena-” importo del versamento € 30,00.
    Gradirei sapere, gentilmente, se le spese sopra sostenute sono detraibili (a scuola dicono di si), e su quale rigo vanno inserite.

    Grazie

    • Fiscomania

      Salve, per essere detraibile la spesa sostenuta per la scuola materna deve essere legata esclusivamente alla frequenza scolastica, a mio avviso le causali non parlano di frequenza scolastica, sembrano piuttosto progetti formativi, non costi legati alla frequenza. Se dalla scuola le dicono che sono detraibili si faccia rilasciare un documento che attesti quanto pagato per frequenza scolastica nell’anno. Con quel documento potrà detrarre la spesa, ma sono sicuro che non lo rilasceranno.

  60. Salve,

    la nostra figlia ha seguito la scuola materna e la scuola elementare nel 2015.

    La somme che posso portare nel 730 è di 800€ o solo di 400€

    Grazie

    • Fiscomania

      Salve, il limite di spesa è di €. 400 per ogni figlio.

      • Buona sera ho conseguito master con universita telematica Pegaso posso detrarre dalla dichiarazione 730 la cifra pagata? inoltre ho solo ricevute dei bonifici bancari e non una fattura fatta da loro.
        cordiali saluti
        Lucia

        • Fiscomania

          Salve, il master (post-laurea) è una spesa detraibile soltanto se gestito da una università pubblica o privata oppure da istituti che sono riconosciuti come di livello universitario.

  61. buona sera,
    Volevo sapere se la quota pagata al comune per io trasporto scolastico di mio figlio per la frequenza della scuola primaria posso detrarla nel 730, ed eventualmente a quale codice di spesa riferire.

    Grazie.

  62. Buonasera, nel corso dell’anno ho pagato come tasse universitarie 440,00 euro e a novembre ho ottenuto un rimborso di 450,00 euro come borsa di studio. Devo riportare tutte e due le cifre nelle rispettive righe o devo solo inserire i 10,00 euro di differenza nel rigo D7?
    Grazie

    • Fiscomania

      Salve, se l’onere sostenuto le è stato rimborsato non può portare in detrazione la spesa sostenuta. Potrà portare in detrazione la differenza.

  63. Buonasera, mia figlia frequenta la scuola dell’infanzia paritaria e volevo sapere anche se le spese sostenute sono maggiori di 400 euro il tetto massimo da inserire è 400?
    La ringrazio in anticipo per la risposta e per il tempo da lei dedicatomi.

    • Fiscomania

      Salve, la soglia di €. 400 è per ogni figlio. Se la spesa è maggiore la spesa sostenuta oltre la soglia non è detraibile.

  64. Salve!
    Mia figlia sta frequentando un corso privato di preparazione all’esame in magistratura. E’ possibile scaricare il costo del corso nel modello 730?
    Grazie mille!

    • Fiscomania

      Salve, purtroppo si parla si spese legate alla frequenza universitaria, per cui, tale costo non rientra tra quelli detraibili.

  65. Buongiorno, posso scaricare la retta pagata nel 2015 allo IED Istituto Europeo del Design di Milano? Anche se è un istituto privato , leggo sulla documentazione rilasciata che è autorizzato a rilasciare titoli di studio nel comparto dell’alta formazione artistica ed è legalmente riconosciuto dal Ministero dell’istruzione, dell’Università e della Ricerca nel comparto dell’Alta formazione Artistica di cui il DM.10/12/2010 ecc.) Sono un po’ indecisa e non vorrei commetter errori..
    Grazie mille

    • Fiscomania

      Salve, la Circolare n. 11/E/1987, che equipara gli istituti non statali a quelli statali, non riconosce lo IED. Non essendo considerato istituto universitario, non può beneficiare delle detrazioni previste dal DM 288/2016.

      • Lo IED con decreto ministeriale del 10 dicembre 2010 numero 292 è autorizzato dal MIUR a rilasciare Diplomi accademici di I livello come titolo legale , perchè non è possibile detrarre la retta ? il DM numero 11 del 23/5/1987 non è stato annullato dal D.M 288 del 29/4/2016 ?
        Grazie per la risposta

  66. L’Università di Roma 3 rilascia una attestazione delle tasse universitarie pagate con questa dictura:
    “Si rilascia il presente certificato in carta legale per uso dichiarazione dei redditi. Il presente certificato è inefficace fino all’integrazione dell’imposta di bollo, salvo i casi di esenzione previsti dalla legge.” e richiede una marca da bollo di 16 Euro invece che di 2 Euro come indicato sul Vs. sito.
    Chi ha ragione?
    Grazie

    • Fiscomania

      Salve, purtroppo devo dire che il nostro è un refuso che provvediamo immediatamente a correggere. Come riportato nella Circolare n. 29/E/2005 gli atti emessi dalle università sono soggetti a imposta di bollo di €. 14,62 elevata poi nel corso degli ultimi anni a €. 16,00. Grazie per la segnalazione

  67. Gentile staff Fiscomania, grazie per il prezioso contributo, vorrei sapere se si possono scaricare le tasse universitarie fuori corso che sono state pagate nel 2015 ma si riferiscono agli anni accademici 2014 e 2013. Grazie Marianna

    • Fiscomania

      Salve, si è possibile detrarre le spese relative a tasse universitarie fuori corso a patto che siano state pagate nel corso del periodo oggetto di dichiarazione e per gli importi relativi alla frequenza.

  68. graziella guarino

    Il mio dubbio è il seguente: un soggetto (insegnate) può detrarre le proprie spese di iscrizione all’università nel caso si tratta di una seconda laurea presa non so per quale motivo.. non si tratta né di master né scuola di formazione finalizzata all’insegnamento.

  69. damiano santarato

    Buonasera,
    mio figlio, nel 2015 ha frequentato prima l’asilo nido e nella seconda parte dell’anno la scuola dell’infanzia. Le relative detrazioni sono cumulabili?
    Grazie

  70. Cristina Cerreti

    Buongiorno, immagino che la mia richiesta possa interessare più persone. Un mio familiare a carico frequenta, contemporaneamente all’Università, il corso LIS (Lingua Ialiana dei Segni) presso l’Istituto Statale per Sordi a Roma. Ha frequentato il corso intensivo che in due anni rilascia attestato di corso di formazione e aggiornamento con valutazione e consente l’accesso al corso per Interpreti LIS o Assistenti alla comunicazione LIS. Ora la mia domanda, a cui la segreteria dell’Istituto non ha saputo rispondere, è: si possono detrarre le spese di questo corso? In che misura? sotto quale voce? Ovviamente detraggo le spese di Università, interamente, e le indico con il codice 13.
    Grazie per l’attenzione.
    Cristina

    • Fiscomania

      Salve, il corso LIS non rientra tra gli istituti equiparati a quelli universitari e quindi non consente la detrazione della spesa sostenuta.

  71. Buonasera, ho tre figli e sia io che loro siamo a carico di mio marito. Nel 2015 per il figlio più grande ho pagato con un bollettino postale intestato a lui 110 euro con causale: pagamento contributi di laboratorio alla classe terza, a.s. 2015/2016; per il secondo figlio la scuola mi ha rilasciato un attestato (per uso dichiarazione dei redditi) dove dice che mio marito ha versato la somma di 165 euro con la finalità di ampliamento dell’offerta formativa; per il terzo figlio ho la mensa scolastica con addebito in conto corrente di 141 euro (cointestato a me e mio marito) dove il nome dell’utente è quello di mio figlio, mentre nel riquadro ESEGUITO DA c’è il mio nome. Ho provato a tenere separate le tre voci, mettendo quella del secondo con il codice 31, mentre per gli altri due il codice 12. Ovviamente mi da errore, mi sembra però assurdo che non si tenga conto che si possono avere più figli con lo stesso codice. Leggendo alcune risposte, se non ho capito male devo sommare gli importi con lo stesso codice?? E allora perchè l’importo massimo per ogni figlio è di 400 euro e poi non ti danno la possibilità di ripetere lo stesso codice. Chiedo scusa per lo sfogo e se per cortesia mi può dire come devo inserire i tre importi. La ringrazio in anticipo.

    • Fiscomania

      Quello che posso dirle è di contattare l’Agenzia delle Entrate per chiedere come fare in questi casi. Quello che posso dirle è che la detrazione con codice “31” e quella con codice “12” non sono usufruibili contemporaneamente. Dovrà scegliere quella per lei più conveniente.

  72. Figlia UNIVERSITARIA e lavora saltuaria con reddito 1900 (inferiore ai 2840.51) quindi a carico della madre (il padre non esiste). La figlia nella precompilata ha 1699 euro di tasse universitarie. Come si procede? -deve cancellare tale dato e inserirlo nella Dichiarazione della MAMMA? Ma i pagamenti sono stati effettuati con MAV dalla banca della figlia!!

    • Fiscomania

      Salve, in questo caso la madre farà la sua dichiarazione beneficiando della detrazione per la figlia a carico. La figlia, a sua volta dovrà presentare la dichiarazione per beneficiare della detrazione relativa alla spesa universitaria.

  73. Salve, mia figlia studia all Bcm, una scuola di estetica riconosciuta dalla provincia e dicono a livello nazionale: posso scaricare le spese di iscrizione e frequenza della scuola e le varie spese come affitto, viaggio ecc. nel io 730?

    • Fiscomania

      L’articolo 15 del DPR n. 917/86 disciplina la detraibilità delle spese legate esclusivamente alla frequenza scolastica di istituti pubblici e privati legati al primo e al secondo ciclo di istruzione. Se la scuola di sua figlia rientra in queste categorie lei può detrarsi le spese. La scuola di cui fa cenno, a mio avviso non rientra nel ciclo di istruzione, ma è soltanto una scuola accreditata come ente di formazione privato. I relativi costi non possono essere portati a detrazione nel modello 730.

  74. è deducibile il corso Caringella di preparazione al concorso per Magistrati?
    se deducibile può essere detratto da un fratello che paga il corso?

    • Fiscomania

      Sono deducibili le spese legate alla frequenza Universitaria o i dottorati di ricerca. Gli altri corsi non sono detraibili fiscalmente, mi dispiace.

  75. Pollastrini Paolo

    Vorrei sapere se le tasse d’esame per sostenere l’Esame per avvocato sono deducibili/detraibili. Preciso che sono in possesso della Partita Iva e sono praticante abilitato regolarmente iscritto

    • Fiscomania

      Salve, le spese di abilitazione non sono spese detraibili ai fini Irpef. Tuttavia, se ha partita Iva può considerarle come spese deducibili dal suo reddito professionale, in quanto oneri inerenti la sua professione.

  76. buongiorno
    per l’iscrizione all’esame di stato (medico chirurgo) sono stati effettuati i seguenti versamenti:

    1) per contributo iscrizione esame, tirocinio e certificato/diploma abilitazione professionale di € 332,00,
    da effettuarsi sul c/c postale n. 57732000 intestato a Universita’ La Sapienza – Serv. Tesor. Banca di Roma;

    2) per tassa di ammissione di € 49,58, da effettuarsi sul c/c postale n. 1016 intestato a Agenzia delle Entrate
    – Centro Operativo di Pescara – Tasse Scolastiche.

    Questo importi rientrano tre le spese detraibili?

    Invece quello con causale istanza di laurea?

    • Fiscomania

      Salve, queste spese non rientrano tra quelle per le quali è ammessa la detrazione fiscale. Se nell’esercizio della sua attività, lei sarà un lavoratore autonomo con partita Iva, può fare rientrare tali spese tra quelle relative all’attività.

  77. Salva,
    gradirei, cortesemente, un chiarimento circa le detrazioni per Nido / Scuola Materna.
    Mia figlia, nel 2016, ha frequentato da gennaio-giugno il nido e dopo, da Settembre-Dicembre, la scuola materna.
    In questo caso come calcolo le detrazioni?
    Uso il limite del nido, portando in detrazione le rette da gennaio-giugno ovvero quelle della scuola materna (set-dic)?
    Grazie

  78. Salve,
    vorrei sapere se le ripetizioni al di fuori della scuola, con fattura ed i libri di testo (anch’essi con fattura), sono detraibili.

    Grazie in anticipo.

  79. Buonasera, mio figlio frequenta la scuola primaria, vorrei sapere se le spese per i viaggi di istruzione sono detraibili.
    Grazie

    • Fiscomania

      Mi dispiace ma le spese per viaggi di istruzioni non rientrano tra le spese detraibili fiscalmente.

      • Da quello che ho letto su vari siti specializzati le spese relative a gite scolastiche sono detraibili con il codice 12 (con un quota massimo di 564 per il 2016)

  80. Buonasera, ho una figlia di 17 anni (quasi 18 ) che fino allo scorso anno frequentava la terza classe di un liceo linguistico statale. Successivamente ha vinto una borsa di studio biennale che le permette di frequentare all’estero gli ultimi 2 anni della scuola superiore (Liceo). Sta quindi frequentando questi 2 anni scolastici ( 2016-2017 e 2017-2018) in un collegio in Thailandia, precisamente a Phuket.
    Poichè il viaggio aereo ( A/R ) è a carico della famiglia, volevo sapere se il costo del viaggio può essere detratto dalla dichiarazione dei redditi relativa al 2016.

    • Fiscomania

      Mi dispiace, ma la spesa relativa al volo non rientra tra le spese detraibili fiscalmente.

      • Buonasera, la detrazione di cui al rigo E8 cod.12 non è cumulabile, per le medesime spese, con quelle previste per le erogazioni liberali alle istituzioni scolastiche per l’ampliamento dell’offerta formativa di cui al rigo E8 cod.31.
        Nel caso in cui il contributo volontario fosse finalizzato all’innovazione tecnologica
        possono essere considerati entrambe le detrazioni cumulabili?
        Grazie

  81. Massimiliano Triggiani

    Salve,
    riguardo alle spese scolastiche dei miei figli avrei una questione da porre.
    La prima rata relativa all’anno scolastico 2016/2017 andava pagata a ottobre 2016 mentre io l’ho effettivamente pagata a marzo 2017.
    Questa spesa la devo detrarre quest’anno oppure il prossimo.
    Grazie

  82. Buongiorno,
    avrei un dubbio sulla detraibilità delle spese universitarie di mio figlio che è fiscalmente a carico di noi genitori. I bollettini mav sono stati pagati dal marito della mia ex moglie con il suo conto personale, è possibile comunque portare in detrazione le spese al 50% da noi genitori? Grazie mille per il chiarimento.

  83. Buongiorno ho un dubbio amletico, mia moglie è fiscalmente a mio carico ma i bollettini, regolarmente pagati,per le mense scolastiche dei nostri figli sono tutti intestati a lei. Posso scaricare queste spese? Cordiali saluti

  84. Buongiorno,io ho pagato la tassa universitaria su internet,ma ho perso il mav.Quindi ad oggi ho solo un foglio della banca in cui risulta l’importo pagato e il numero identificatico mav ,ma nessuna indicazione evidente che il pagamento è stato fatto all’Università.Questo documento va bene ai fini della detrazione oppure mi conviene presentare l’Autocertificazione uso Dichiarazione dei Redditi ?GRazie

    • Fiscomania

      La cosa migliore sarebbe chiedere all’università una certificazione del pagamento effettuato, dove si vede la sua regolarità dal punto di vista delle tasse universitarie.

  85. Buongiorno,
    nel corso dell’anno 2016 per mio figlio primogenito abbiamo pagato la 2° e la 3° rata del secondo ed ultimo anno di corso di laurea magistrale in Università Cattolica-Milano- Facoltà Scienze Bancarie.
    In base alla circolare Miur n.993 del 23/12/2016 il tetto massimo per la detrazione è:
    euro 2.800,00 tasse universitarie + euro 140,00 tasse regionali= euro 2.940,00 TOTALE
    Nel mese di dicembre 2016 lo stesso mio figlio, dopo il conseguimento della laurea magistrale, si è iscritto ad un master di II livello sempre in Università Cattolica a Milano, ed abbiamo pagato a dicembre la 1° rata di euro 3.500,00.
    In base alla circolare MIUR suddetta, il limite di spessa massima detraibile al Nord per il master è di euro 3,700,00
    Per il figlio secondogenito abbiamo pagato le tasse universitarie per il Politecnico di Milano (Statale).
    Oggi ho scaricato la dichiarazione precompilata mod. 730/2017 e le spese universitarie considerate detraibili dall’Agenzia delle Entrate sono state:
    * la totalità delle tasse universitarie per il Politecnico,
    * euro 3.700,00 per il master, (anche se ne ho pagate euro 3.500,00)
    * NON PRESE IN CONSIDERAZIONE (SEBBENE COMUNICATE DALL’ATENEO) LE TASSE UNIVERSITARIE DEL 2° ANNO DI LAUREA MAGISTRALE.
    Vorrei sapere se per lo stesso studente, per lo stesso anno di competenza, le detrazioni per le tasse universitarie per laurea magistrale e master sono alternative le une alle altre o se possono essere detratte entrambe, nel qual caso dovrò apportare rettifiche alla precompilata, e sicuramente sarò chiamata fra qualche anno ad esibire la documentazione giustificativa di suddette spese.
    Resto in attesa Vostro chiarimento. Grazie. Cordiali saluti.

    • Fiscomania

      Per lo stesso studente per lo stesso anno la detrazione per spese universitarie, e per la frequenza di master sono cumulativamente detraibili, nei limiti indicati.

  86. Buonasera,
    per la stessa figlia posso detrarre per pagamenti effettuati nel corso del 2016 sia le spese per frequenza asilo nido (detrazione 19% sul limite di spesa di € 632) che la spesa per frequenza scuola materna (detrazione del 19% sul limite di € 400,00)?
    In attesa di cortese riscontro, porgo cordiali saluti,

  87. Sono detraibili o sono deducibili i costi sostenuti per le certificazioni Dele, First, pagate con Bonifico bancario il cui beneficiario è il Liceo Linguistico frequentato dalla figlia ? E cosa si intende per gite scolastiche cosi’ come citate in questi gg negli articoli sui giornali ? Gite organizzate dalla scuola in genere o quelle con un fine specifico come quelle relative a scambi culturali ? Grazie.

    • Fiscomania

      Si tratta delle gite scolastiche organizzate dalla scuola. Per potere detrarre le certificazioni linguistiche è necessario che le stesse siano indicate dalla scuola come ampliamento dell’offerta formativa. Altrimenti non si possono detrarre.

  88. Salve. Vorrei un parere rispetto, alla detrazione di un corso d inglese che frequenta mia figlia di due anni e mezzo . Credo di poterlo detrarre mi confermate? Grazie

  89. Buongiorno, vorrei chairimento in merito alla detraibilità o meno del viaggio che mia figlia, frequentante il liceo linguistico, ha sostenuto l’ anno scorso in Spagna. Posseggo ricevute dei bollettini postali che reca come chi effettua il versamento mia figlia stessa. Inotre mia figlia risulta a mio carico (mia moglie lavora anche lei) dovrò dichiararlo nel mio 730 2017 o la detrazione va suddivisa al 50%?
    grazie in anticipo.

  90. Buongiorno, mia figlia frequenta un’università pubblica magistrale per la quale deduco regolarmente le tasse di iscrizione e nel 2016 ha frequentato un corso intensivo di inglese presso una struttura privata che ha rilasciato regolare fattura: posso detrarlo nel 730 come spese di istruzione integrativa?
    grazie codialità

    • Fiscomania

      Se il corso non è considerato dall’istituto come “ampliamento dell’offerta formativa” il costo non può essere detratto.

  91. Buongiorno, vorrei sapere se i corsi di lingua all’estero organizzati da agenzie private come EF sono detraibili nel 730. Grazie

  92. buon giorno, vorrei un chiarimento. Mia figlia è nata nel novembre 2011, e dal 2012 ha iniziato a frequentare il “nido”, a settembre 2015 aveva quindi 3 anni (non ancora 4), ritengo pertanto che a settembre 2015 fosse frequentatrice dell’asilo nido (da 0/3 anni) con spesa detraibile nel rigo E8 codice “33”, valevole quindi da settembre 2015 a luglio 2016 (interno anno scolastico). Dal settembre 2016 a luglio 2017 invece è frequentatrice, nel medesimo plesso scolastico, della scuola dell’infanzia. Per tale motivo vorrei capire se sia corretto, nella dichiarazione 730/2017 indicare per il periodo Gennaio-Luglio 2016 la frequenza dell’asilo E8 – “33” (con detrazione max di € 632,) mentre per il periodo Settembre – Dicembre 2016 la frequenza della scuola d’infanzia E8 – “12” (con detrazione max € 564). Grazie

  93. Buongiorno,
    mia figlia frequenta l’università La Sapienza fuori sede a Roma. Per sostenere gli esami è costretta a prendere i mezzi pubblici di trasporto per raggiungere l’ateneo.
    Sono detraibili i costi per l’acquisto dei biglietti di viaggio dei mezzi pubblici di trasporto?
    Grazie

  94. Buonasera,
    ho sostenuto nel 2016 spese per la mensa scolastica che però si riferiscono anche ad anni precedenti (2014/15 e 2013/14), posso portare il tutto in detrazione nel 730/2017 secondo il cosiddetto “principio di cassa”?

  95. Buon pomeriggio.
    Io sto frequentando un master in counseling e coaching triennale presso un istituto privato (non universitario) che risulta essere provider ecm accreditato miur. Le spese fatturate per il 2016 di tale corso, possono essere inserite nel 730? In quale voce, visto che non rientrano propriamente come spese universitarie?

    • Fiscomania

      Chi decide di frequentare un master o un corso di specializzazione post universitaria ha diritto a ottenere una detrazione fiscale del 19% dalla propria Irpef lorda, purché rispetti condizioni e limiti ben precisi. In primo luogo il master deve essere assimilato per durata e struttura dell’insegnamento a un corso universitario o di specializzazione e inoltre deve essere gestito da istituti universitari pubblici o privati.
      Per i corsi organizzati da enti diversi dalle università, come ad esempio le società private, non spetta invece alcuna agevolazione.

  96. Buongiorno, vorrei sapere se si possono detrarre dal 730 le tassa statale ( 21,17 euro ) per l’iscrizione alla classe V ad un liceo scientifico statale, e se si con quale codice. Grazie

  97. nella dichiarazione di quest’anno mi sono comparse spese universitarie per la cifra di 390( è la 2a rata sostenuta a maggio 2016) euro riferite all’anno accademico 2015-2016. non compare sempre relativamente all’anno accademico 2015-2016 la prima rata di 896 euro(sostenuta a dicembre 2015). la devo inserire io?? oppure devo inserire quella dell’anno accademico 2016-2017 sempre di dicembre ma pagata in ritardo a gennaio 2017??

  98. Anna Pietrosanti

    Buongiorno. Ho un quesito da porre in merito al pagamento di un corso di inglese di mio nipote che frequenta la scuola media. Ho effettuato io (che sono la zia) il bonifico alla scuola per l’iscrizione al corso di inglese organizzato dalla scuola stessa e rientrante nel POF.
    L’ho fatto io su richiesta dei suoi genitori perché loro non avevano materialmente il tempo di poterlo fare e scadeva il tempo per iscriversi, ma sono stata quasi subito rimborsata. I genitori possono detrarre la spesa anche se di fatto il bonifico l’ho fatto io?
    Il pagamento effettuato invece dai genitori per “assicurazione e amplamento offerta formativa” è detraibile al 19%? E anche il pagamento di una gita?
    Ringrazio per l’attenzione.

    • Fiscomania

      Bisogna vedere a chi era intestato il pagamento. Se il pagamento era intestato al ragazzo i genitori possono detrarre la spesa al 50%. L’ampliamento dell’offerta formativa è detraibile, ed anche il pagamento di una gita se rientra nell’offerta formativa.

      • Sì nella causale ho indicato il cognome e il nome del ragazzo (mio nipote) oltre che la motivazione del versamento (iscrizione corso di inglese), ma il conto era il mio e non quello dei genitori. Per questo chiedevo se comunque i genitori possono detrarre la spesa, pur non avendola sostenuta direttamente (come ripeto mi hanno rimborsato successivamente, quindi di fatto loro hanno pagato). In segreteria a scuola hanno detto che solo chi sostiene la spesa può detrarre, quindi io, a detta loro. Ovviamente non è così perché il ragazzo non è mio figlio e non è a carico mio …

        • Fiscomania

          Se è dimostrabile che la spesa è stata pagata da lei, allora i genitori non possono in alcun modo detrarre la spesa.

  99. Buongiorno, mia figlia ha frequentato nel corso dell’anno 2016 la scuola dell’infanzia fino a giugno e a partire da settembre fino a dicembre la prima classe della scuola elementare. Trattandosi di due cicli scolastici differenti il limite massimo detraibile si intende per ogni ciclo di istruzione? Quindi indico due volte il codice 12 con la spesa sostenuta sia per la scuola materna sia per la scuola elementare? Grazie e cordiali saluti

  100. Grazie mille.

    Il fratellino invece ha frequentato per metà anno l’asilo nido e per l’altra metà la scuola dell’infanzia. In questo caso posso usufruire di entrambe le detrazioni (codice 12 per 564 euro e codice 33 per 632 euro) ?

    Grazie e Cordiali Saluti

  101. Buongiorno,
    nel caso di 730 congiunto, se dividiamo in due (50%) le Spese di istruzione bisogna considerare diviso due anche il tetto massimo oppure ognuno dei due coniugi può utilizzare il tetto massimo di 564?
    Grazie

  102. Buongiorno
    Mia figlia di 15 anni frequenta il secondo anno Preaccademico al Conservetorio, posso inserire nel 730 le spese sostenute per l’iscrizione?
    Grazie

  103. 1) Sulle istruzioni del 730 c’è scritto che la detrazione con codice 12 non è cumulabile con quella con codice 31. Quindi non posso portare in detrazione ad esempio la spesa per la mensa e quella per il contributo volontario per l’ampliamento formativo. Ho letto in alcune risposte che si può fare. Ho compreso male?

    2) Io pago una retta per l’indirizzo internazionale (Cambridge) del liceo scientifico statale per mia figlia che prevede delle ore in più di lezione tenute da docenti di madre lingua. Questa spesa non è una erogazione liberale ma obbligatoria. Può essere considerata come spesa d’istruzione e quindi inserita con il codice 12?

    • Fiscomania

      Le due agevolazioni codice 12 e 31 non sono cumulabili. Si deve scegliere la più conveniente per ciascuno. Per la seconda domanda tale spesa può essere detratta con codice 12.

      • Fiscomania

        Si, sempre se per lei non è più conveniente inserire le spese con codice 12, nel caso perderebbe la detrazione del codice 31 (visto che sono alternative).

  104. Buongiorno.
    Mio figlio frequenta un istituto alberghiero situato in un altro comune a circa 110 km da casa e vive nel convitto della scuola 5 giorni a settimana. La retta convittuale include anche i pasti presi alla mensa. Questa retta convittuale è detraibile?
    Grazie della risposta

  105. Salve, vorrei sapere se sono detraibili, e in che misura, le spese scolastiche di enti di formazione professionali parrucchieri accreditati dalla regione.

    Grazie

    • Fiscomania

      No, non è possibile. per le scuole di formazione professionale, infatti, non è prevista alcuna detrazione d’imposta.

  106. Buongiorno.
    Nel corso del 2016 mia figlia ha sostenuto le seguenti spese per istruzione:
    1.100,00 per laurea triennale presso Università di Padova
    4.500,00 per master di 1° livello presso Università statale di Madrid.
    5.600,00 totale.

    Quale importo posso portare a detrazione nel 730/2017:

    3.700,00 come tetto massimo annuale per singola persona, per entrambi i corsi ?
    oppure
    1.100,00 per Università Padova + 3.700,00 per Università Madrid = 4.800,00 ?
    Grazie.

    • Fiscomania

      Sicuramente €. 1.100 poi da verificare se è possibile detrarre le spese del master.

      • Confido nella sua benevolenza e mi permetto un ulteriore approfondimento.
        Tenuto conto che la spesa per la laurea di 1.100,00 è completamente detraibile,
        e appurato che anche la spesa per il master è detraibile (me ne assumo io la responsabilità), desideravo sapere quale importo si deve indicare nel rigo E8 – codice 13:
        3.700,00 perchè è il tetto massimo complessivo per una singola persona, anche se ha seguito più corsi di istruzione nello stesso anno
        oppure
        4.800,00 perchè è la somma delle due diverse spese: 1.100 (università) + 3.700 (importo massimo previsto per i corsi master).

        Grazie per la risposta.

  107. Salve
    Volevo sapere se sono detraibili le spese della scuola pingu’s english School di varese per mia bambina che ha 5 anni

  108. Buonasera, mio figlio ha frequentato lo scorso anno un corso “pre-accademico” presso Istituto di Alta Formazione Musicale, cioè non ha ancora iniziato il corso triennale (ora equiparato a corso universitario) e non fa parte del “vecchio ordinamento” dei Conservatori che portava al Diploma.

    Non riesco a capire dalla circ 7 4.4.2017 che dice
    “La detrazione spetta anche in caso di iscrizione ai corsi istituiti in base all’ordinamento antecedente
    il DPR n. 212 del 2005 presso i Conservatori di Musica e gli Istituti musicali pareggiati. I nuovi
    corsi di formazione istituiti ai sensi del citato DPR n. 212 del 2005 possono, invece, considerarsi
    equiparabili alle spese sostenute per l’iscrizione ai corsi universitari ”

    se i corsi “pre-accademici ” (no triennio universitario – no “vecchio ordinamento”) sono comunque ricompresi nelle spese di istruzioni detraibili
    Grazie mille

  109. Buongiorno,
    nostro figlio ha frequentato nel 2016 uno stage linguistico a Malta organizzato da un’agenzia di viaggi (alla quale risulta pagato l’intero importo), viaggio deliberato dall’istituto di istruzione superiore di secondo grado e facente parte dell’ampliamento dell’offerta formativa.
    E’ possibile detrarre la spesa? Per quale importo massimo? In quale rigo?
    Si può considerare l’intero importo speso comprensivo di biglietto aereo, corso, vitto e alloggio?
    Oppure cosa si può detrarre?
    Grazie

  110. Buon di. Pure noi siamo con il problema degli stage all’estero? se riusciamo a farci dare una fattura per la quota stage sostenuta fattura dove si evincono chiaramente spese accessorie quali viaggio, trasporti, soggiorno limitando la richiesta di detrazione solo il costo sostenuto per l’attività formativa; ciò è fattibile o c’è una esplicita Risoluzione ministeriale che nega a qualsiasi tipo di stage all’estero la possibilità di avere detrazioni, anche se solo alla attività formativa? per ora grazie in anticipo

  111. Salve , vorrei sottoporvi un quesito.
    Dalle varie risposte sull’argomento ho compreso che la tassa regionale per le spese universitarie è detraibile.
    Anche se l’Agenzia delle Entrate non si è mai espressa ufficialmente in merito alla detrazione per le tasse regionali , in caso di accertamento, come posso contrastare un’eventuale sanzione ? .

    Nel frattempo è stata pubblicata qualche circolare che ne vieti la detrazione ?.
    Grazie

    • Fiscomania

      Può contestare la cosa indicando che non vi sono chiarimenti che vietino la detrazione dell’importo. Se le contestano qualcosa dovranno contestarle anche in base a quale riferimento lo fanno.

  112. Buongiorno mi trovo in Tunisia per lavoro. Mio figlio, fiscalmente a carico, frequenta la seconda media presso la scuola italiana del luogo. Vorrei sapere che importo da detrarre posso indicare sulla prossima dichiarazione dei redditi, atteso che la spesa d’iscrizione è di circa 200 euro mentre le spese per la frequenza ammontano a circa 2.000 euro. La scuola è paritaria con decreto 267/3646 del 2004. Grazie per l’aiuto. Giulio

  113. Buongiorno, la mia compagna (Austriaca) si è trasferita in Italia nel gennaio 2016 e prima di iniziare a lavorare in Italia ha frequentato una scuola di lingue a Milano. Sono detraibili o deducibili le spese sostenute per la frequentazione del corso? La scuola presso la quale ha frequentato i corsi è una scuola certificata, utilizzata dall’Università per gli stranieri di Perugia per il rilascio delle certificazioni CELI (certificazione italiano generale)
    Grazie per l’aiuto
    Roberto

  114. Buongiorno. Mio figlio è iscritto alla Civica scuola di musica Claudio Abbado (istituzione autorizzata a rilasciare titoli di alta formazione artistica, musicale e coreutica). So che chi è iscritto a tale scuola può beneficiare del bonus stradivari x acquisto strumenti musicali. È possibile anche beneficiare anche delle detrazioni per spese di istruzione?

  115. sALVE, sulla ricevuta fiscale rilasciata da ENGLISH ADVENTURES c’è scritto: PRESTAZIONE DIDATTICA PER CORSO D’INGLESE ESAME FIORE ROBERTA. SI PUò detrarre dalle tasse; premetto che è stato fatto l’esame mentre mia figlia frequentava l’ultimo anno di Liceo per poi iscriversi all’Istituto L’ORIENTALE di Napoli.
    Grazie per l’eventuale risposta.
    Cordiali Saluti.

  116. Mia figlia, di 17 anni, ha studiato un anno all’estero tramite l’organizzazione Intercultura. Quest’anno le viene riconosciuto dal sistema scolatsico italiano, tant’è che al suo rientro frequenterà l’ultimo anno. La spesa che abbiamo sostenuto è in qualche modo detraibile dalla dichiarzione dei redditi? Grazie

  117. Salve,
    devo fare l’iscrizione dei miei figli per il nuovo anno scolastico. La scuola mi ha mandato una circolare dove mi chiede nel bollettino di specificare:
    Causale: contributo a favore della scuola per l’ampliamento dell’offerta formativa
    Eseguito: nome dello studente e la classe frequentata nell’a.s. 2016/17
    il Caaf non mi fa scaricare i bollettini perche come intestatario ci sono i nomi dei miei figli(come richiesto dalla scuola) e non il mio nome!!! ma è corretto cosi?
    visto che devo fare la nuova iscrizione e non vorrei perdere soldi, come posso ovviare al problema?
    la scuola chiede i nomi dei ragazzi
    i caaf chiedono i nomi di ci detrae!!!
    cordiali saluti

    • Fiscomania

      Dica al Caf che se nel bollettino ci sono i nomi dei figli i genitori detraggono la spesa al 50% ciascuno. Non occorre che le spese dei ragazzi siano a nome dei genitori. Se non vuole perdere soldi (detrazioni) inutilmente si affidi a Commercialisti per la sua dichiarazione dei redditi.

  118. Salve, vorrei conferma che “la ricevuta di bonifici bancari effettuati verso l’istituto scolastico” vale come documentazione di spesa anche per le spese sostenute per una Università privata ma accreditata a rilasciare il titolo di Diploma Accademico di 1° Livello, legalmente riconosciuto dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca nel comparto dell’Alta Formazione Artistica.
    Chiedo conferma perché mi è parso di leggere altrove che per le Università private vale solo la quietanza con applicazione della marca da bollo. Grazie .

    • Fiscomania

      La ricevuta del bonifico da sola non è sufficiente, serva la certificazione della scuola, che attesti il versamento.

  119. Buongiorno, l’ istituto comprensorio di quinto di treviso che frequentano i miei figli organizza ogni anno in estate un corso full immersion di inglese chiamato “english camp” che noi paghiamo con bonifico e l’istituto alla fine del corso ci consegna sempre il documento cartaceo per la detrazione, ma puntualmente il caaf a cui ci rivolgiamo ci dice che non è detraibile, ci date per cortesia un vostro parere? Grazie;

  120. Desidero sapere se posso portare in detrazione spese di istruzione, nella fattispecie tasse di iscrizione a un master universitario che frequento, anche se il bonifico è stato fatto da mia moglie dal suo conto corrente non cointestato?
    Sul bonifico risulta ordinante mia moglie e nella causale appare la sigla del master e il nome e data di nascita del sottoscritto.
    La spesa è stata sostenuta 100% dal sottoscritto, è sufficiente che lo dichiari con una nota sul documento di bonifico facendolo sottoscrivere anche a mia moglie?
    Diversamente, la spesa può essere portata in detrazione da mia moglie anche se non sono fiscalmente a suo carico?
    Grazie per la vostra risposta.

  121. Buonasera avrei un quesito: metteremo la bimba a carico di mio marito poiché guadagna un pelo di più
    Stupidamente abbiamo chiesto di intestare le fatture dell’asilo nido a mio nome (per ora solo l’iscrizione) poiché metteremo il rid sul mio cc e ora mi chiedo: queste spese deve per forza scaricarle mio marito che ha a carico la bambina? e nel caso possono comunque essere intestate a me o devo far cambiare l’intestatario? Oppure posso scaricarle io nella mia dichiarazione dei redditi anche se non ho la bimba a carico? grazie molte per l’eventuale risposta

  122. Buongiorno, siccome nel codice 12 (spese di istuzione) non ho trovato una risposta definitiva, vorrei sapere se é possibile detrarre spese avvenute da un corso preparatorio per la scuola serale organizzato dalla provinca autonoma di Bolzano. Grazie.

  123. Bongiorno. ho una figlia studentessa 4 superiore . fino adesso non ho fato detrazione spese scolastiche . ho perso tutto? grazie.

    • Fiscomania

      Non si possono recuperare a meno di presentare dichiarazioni integrative per gli anni precedenti, ma bisogna vedere se è conveniente farlo.

      • Salve, mia figlia ha frequentato l’università (la triennale) in Inghilterra a partire dal 2011. La retta non è stata pagata contestualmente alla frequenza perchè abbiamo chiesto e ottenuto il prestito d’onore governativo inglese che abbiamo cominciato a ripagare nel 2016. Intendevamo saldare il debito in tre anni portando ogni anno in detrazione la tassa (italiana) per la frequenza a quel corso. Il debito è intestato a mia figlia; possiamo detrarre la spesa solo se la ragazza è a carico nostro oppure possiamo farlo comunque perchè la spesa è riferita ad anni in cui era a carico nostro?

  124. salve vorrei sapere se le rate di iscrizione ad una scuola di osteopatia, corso per laureati, privata a Milano sono deducibili dal 730

  125. Salve, volevo sapere se le tasse pagate all’università per sostenere gli esami di stato sono deducibili dal 730.
    Molte grazie.

  126. Buongiorno,
    mia figlia che frequenta il 2° anno all’università statale di Milano, nel corso del prossimo anno 2018 avrà redditi di poco superiori al limite di 2840,51€ e non sarà quindi più fiscalmente a carico mio; in questo caso io non potrò più detrarre la retta universitaria, ma la stessa retta dovrà essere calcolata nel suo importo avendo come riferimento il reddito di mia figlia? (quindi presumo un valore della retta prossimo allo zero?).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condivisioni