Elenco oneri deducibili e detraibili per la dichiarazione dei redditi

Condivisioni

Ecco una breve sintesi sui principali oneri deducibili e detraibili di cui potete usufruire nella vostra dichiarazione dei redditi.

Nel bel mezzo della campagna dichiarativa può essere utile fare il punto della situazione su quali sono i principali oneri deducibili e detraibili utili per la dichiarazione dei redditi.

Di seguito vi propongo una sintesi dei principali oneri da inserire sia nel quadro P del modello 730, che nel quadro RP del modello Redditi P.F, aggiornate per l’anno di imposta 2016.

Per maggiori informazioni sulle singole deduzioni o detrazioni vi rimandiamo ai singoli articoli di approfondimento, il cui link è disponibile in corrispondenza dei singoli oneri riportati qui sotto:

ELENCO DEI PRINCIPALI ONERI DEDUCIBILI E DETRAIBILI AI FINI IRPEF

Oneri deducibili dal reddito imponibile Irpef:

  • Contributi previdenziali versati a casse professionali di appartenenza o all’Inps;
  • Gli assegni periodici per il mantenimento del coniuge separato o divorziato;
  • Contributo sugli immobili ai consorzi obbligatori per legge (p. es., consorzio bonifica e canone concessione ex demaniale);
  • Erogazioni liberali a favore di istituzioni religiose;
  • Erogazioni liberali a favore delle organizzazioni non governative;
  • Erogazioni liberali a favore di organizzazioni non lucrative di utilità sociale, di associazioni di promozione sociale e di alcune fondazioni e associazioni riconosciute;
  • Erogazioni liberali a favore di università, enti di ricerca ed enti parco;
  • Rendite, vitalizi, assegni alimentari ed altri oneri;
  • Gli oneri dei contributi previdenziali versati per gli addetti ai servizi domestici ed all’assistenza personale o familiare, per un importo non superiore a €. 1.549,37.

Oneri detraibili dall’imposta Irpef:

Si possono detrarre dall’imposta Irpef, con detrazione dall’imposta del 19%, quali oneri detraibili:

Nell’interesse proprio o dei familiari fiscalmente a carico

  • Le spese sanitarie per un importo che deve essere superiore a €. 129,11, purché documentate da scontrino fiscale cd. parlante, cioè con già impressi, sia il proprio codice fiscale che il codice del farmaco o del dispositivo medico o della quota ticket;
  • Le spese sanitarie per disabili, senza limiti di importo;
  • Le spese per acquisto e riparazione veicoli per disabili, per un importo non superiore, per ogni veicolo, a €. 18.075,99;
  • Le spese per l’istruzione secondaria e universitaria, per un importo non superiore a quello previsto per gli istituti statali;
  • Le spese per attività sportive praticate da ragazzi (minorenni), per un importo non superiore a €. 210 per ogni ragazzo;
  • Le spese per canoni di locazione sostenute da studenti universitari fuori sede, per un importo non superiore a €. 2.633,00;
  • Le spese sostenute dai genitori per la frequenza di asili nido da parte dei figli, per un importo non superiore a €. 632,00;
  • Gli oneri dei contributi versati per il riscatto del corso di laurea, il quale non ha iniziato ancora l’attività lavorativa e non è iscritto ad alcuna forma obbligatoria di previdenza;

Nell’interesse proprio del contribuente

  • Le spese sanitarie per patologie che danno diritto all’esenzione dalla partecipazione alla spesa sanitaria pubblica, per un importo superiore a €. 129,11;
  • Le spese funebri per ciascun decesso di un familiare, per un importo non superiore a €. 1.549,37;
  • Le spese per intermediazione immobiliare, per un importo non superiore a €. 1.000,00;
  • Le spese veterinarie, per un importo  superiore a €. 129,11, con un limite max di €. 387,34;
  • Interessi per mutui ipotecari per l’acquisto dell’abitazione principale, per un importo non superiore a €. 4.000,00;
  • Interessi per mutui ipotecari stipulati per costruire l’abitazione principale, per un importo non superiore a €. 2.582,28;
  • Interessi per prestiti o mutui agrari, per un importo che non può essere superiore a quello dei redditi dei terreni dichiarati;
  • Premi assicurazioni sulla vita e infortuni, per un importo non superiore a €. 530,00;
  • Le erogazioni liberali a favore di: partiti politici, onlus, società sportive ed associazioni sportive dilettantistiche, società di mutuo soccorso, associazioni di promozione sociale, società di cultura “La Biennale di Venezia“, attività culturali ed artistiche, enti operanti nello spettacolo e fondazioni operanti nel settore musicale.
Spese di recupero edilizio con detrazione fiscale del 50% (recuperabili in 10 anni)

Per le spese effettuate fino al 31 dicembre 2015  la detrazione fiscale è del 50%, Il limite di spesa riferito a ogni unità immobiliare su cui applicare la percentuale è pari a €. 96.000. Fra le tipologie di spese detraibili, abbiamo:

  • Le spese per gli interventi di recupero e di ristrutturazione edilizia, fino a un max di €.  96.000 per ogni unità immobiliare e recuperabili in 10 anni;
  • Le spese, purché effettuate dal 6 giugno 2013 al 31 dicembre 2015, per la sostituzione sia dei mobili che dei grandi elettrodomestici di classe A+ (di classe A per i forni), anche se non legate alle spese per gli interventi di recupero e di ristrutturazione edilizia, fino a un max di €. 10.000 per ogni unità immobiliare e recuperabili in 10 anni.
Spese di risparmio energetico con detrazione fiscale del 65% (recuperabili in 10 anni)

Per le spese effettuate fino al 31 Dicembre 2016 la detrazione fiscale è del 65%. Fra le tipologie di spese detraibili, abbiamo:

  • Le spese per interventi di riqualificazione energetica di edifici esistenti, fino a un max di €. 181.818,18 per ogni unità immobiliare;
  • Le spese per l’installazione di pannelli solari, fino a un max di €. 109.090,91 per ogni unità immobiliare;
  • Le spese per la sostituzione di impianti di climatizzazione, fino a un max di €. 54.545,45 per ogni unità immobiliare, compresi anche quelli cd. a pompa di calore.
Detrazioni per i canoni di locazione
  • Detrazione per gli inquilini di alloggi adibiti ad abitazione principale;
  • Detrazione per i giovani di età compresa tra i 20 e i 30 anni che stipulano un contratto di locazione per l’abitazione principale;
  • Detrazione per i lavoratori dipendenti che trasferiscono la propria residenza per motivi di lavoro.

Informazioni aggiornate per l’anno di imposta 2016

Check Also

Esterometro

Esterometro per le operazioni transfrontaliere: guida pratica

A partire dal 1º gennaio 2019 è obbligatorio l’invio telematico dell’Esterometro. Comunicazione che riguarda le …

Bitcoin

Criptovalute e Bitcoin: tassazione delle monete virtuali

Tassazione di Criptovalute, e gestione IVA di Bitcoin e monete virtuali. Il regime fiscale di …

Termini di accertamento

Termini di accertamento in caso di dichiarazione integrativa

I termini di accertamento ripartono dal momento in cui viene inviata la dichiarazione integrativa. Tuttavia, …

Decadenza dalla rateazione

Decadenza dalla rateazione di una cartella: ecco cosa fare SUBITO

Il mancato pagamento di cinque rate, anche non consecutive, determina la decadenza dalla rateazione delle …

Locazione di immobile in comodato

Locazione di Immobile in comodato: chi dichiara il reddito?

Nella locazione di immobile in comodato il reddito deve essere dichiarato dal soggetto comodante. Ovvero …

Certificazione Unica per redditi di lavoro autonomo

Certificazione Unica per redditi di lavoro autonomo

La Certificazione Unica per redditi di lavoro autonomo comprende prestazioni occasionali, provvigioni e compensi  a …

19 comments

  1. Salve, pensionato Inps versa alla ex moglie 600 euro mensili a titolo di mantenimento. Non credo sia possibile ma da qualche parte avevo letto che ci sarebbe modo di attribuire questa incombenza direttamente al sostituto d’imposta Inps, che provvederebbe in automatico a decurtare dalla pensione questi 600 euro e a versarli alla ex moglie. In tal modo finendo il pensionato come ogni anno a credito irpef(grazie alla deducibilità dell’assegno), ci sarebbe il vantaggio di beneficiare di esso mese x mese senza dover aspettare il rimborso annuale sul 730 in agosto? E’ veramente possibile tutto ciò?

  2. Salve,
    purtroppo non sono a conoscenza di questa possibilità da parte dell’Inps. In ogni caso il soggetto che finisce a credito per recuperarlo deve obbligatoriamente aspettare il rimborso dopo aver presentato il 730, non ci sono altre possibilità più veloci.

  3. Eppure con le detrazioni per carichi di famiglia (moglie e figli a carico) il contribuente può scegliere se prenderli tutti in una volta nella busta di Luglio/Agosto oppure se prenderli mese per mese in busta paga incrementando così lo stipendio mensile. Allora dico, se vale per le detrazioni, potrebbe valere anche per le deduzioni?

  4. Le detrazioni per carichi di famiglia sono detrazioni che spettano al lavoratore dipendente o al pensionato e sono erogate direttamente dall’ente che eroga il reddito. Quelle di cui stiamo parlando sono deduzioni che vengono certificate attraverso la dichiarazione dei redditi.

  5. desideravo sapere se come oneri detraibili per le spese universitarie posso inserire oltre alle rate ordinarie,anche l’imposta di bollo per conseguimento Laurea triennale e il contributo di pre-iscrizione alla laurea magistrale
    Grazie

  6. Tali voci non rientrano tra le ipotesi di detraibilità.

  7. Buongiorno,
    io e mia moglie ci stiamo separando, dal 9 giugno 2012 vivo in affitto con contratto di locazione transitoria.
    La locazione è situata a 5 km dalla casa in cui essa vive con i nostri figli.
    Essendo proprietario al 50% della casa, per non perdere la deducibilità del mutuo, non ho cambiato la residenza. Vorrei sapere se nella dichiarazione 730 di quest’anno, oltre che agli interessi passivi del mutuo posso detrarre il canone d’affitto, e nel caso, anche tutti gli affitti arretrati a partire dal 2012.
    Cordiali saluti

  8. Salve, assolutamente no, se lei ha deciso di lasciare la residenza nell’immobile dove viveva per non perdere la detrazione degli interessi sul mutuo, mi pare ovvio che non può beneficiare della detrazione per canoni di locazione, visto che la stessa è legata alla residenza nell’immobile. Visto che la residenza non è nell’immobile preso in affitto, non è possibile beneficiare della detrazione. Deve valutare quale sia per lei la detrazione più conveniente, a mio avviso quella legata agli interessi sul mutuo.

  9. Buongiorno,
    ho acquistato casa lo scorso anno ed ho ricevuto dal notaio due distinte fatture relative rispettivamente al mutuo ed alla compravendita.
    Se ho ben capito solo la prima, quella di mutuo, può essere portata in detrazione.
    Le mie domande sono:
    – posso portare in detrazione l’intera fattura di mutuo che compende i seguenti campi: imponibile (cassa naz. notariato, tassa consiglio notariato, compensi notaio) e non imponibili (imposta registro, visure, tassa archivio, spese postali)?
    – questi oneri accessori in quale campo della dichiarazione dei redditi vanno inseriti? nello stesso campo in cui sono specificati gli interessi passivi e sommati a questi ultimi?

  10. La fattura del notaio non è onere agevolabile per il mutuo, ma soltanto in caso di vendita, per ridurre l’imposta di registro, non ai fini Irpef.

  11. Buongiorno,
    mi trovo a dover inserire due spese diverse che secondo le istruzioni del 730 richiedono codici diversi entrambi nel rigo e26. In particolare una donazione a una onlus che vuole codice 8 e spese corrisposte a un ente per adozione internazionale che vuole codice 21. Nel 730 precompilato c’è un unica casella a disposizione. In fase di modifica è possibile moltiplicare gli spazi? Altrimenti come posso procedere?

    Grazie

  12. Buonasera, volevo sapere se posso inserire come onere detraibile il contributo versato con bonifico a favore di una società sportiva dilettantistica a nome della figlia a carico.
    Grazie.

  13. C’è una specifica detrazione per questo.

  14. Buonasera come si indica nel 730/ 2018 l’abbonamento ai mezzi pubblici? Grazie e buon lavoro

  15. C’è uno specifico rigo nel quadro delle detrazioni.

  16. Buonasera,
    può aiutarmi ad interpretare ciò che l’AdE afferma a proposito delle erogazioni liberali in denaro a favore di Onlus quando dice che “il contribuente non può fruire sia della detrazione che della deduzione né per le medesime erogazioni (e fin qui mi è ben chiaro) né per erogazioni distinte effettuate anche a diversi beneficiari”? Mi riferisco alla circolare n.7/E del 27/4/18. Il riferimento mi è stato dato da un Caf, che mi ha dato anche la sua interpretazione, che io però non condivido perché non capisco cosa l’Agenzia intenda.

    Mi affido alla sua espererienza. Grazie.

  17. Per le erogazioni liberali il contribuente può scegliere se usufruire di una deduzione dal reddito o di una detrazione dall’imposta. Spetta a lui scegliere la detrazione più conveniente. Naturalmente si può usufruire di una sola di queste due agevolazioni alternative.

  18. Su questo sono d’accordo.
    Però poniamo il caso che per un contribuente con aliquota marginale del 23% si vogliano detrarre 300,00 euro per erogazioni ad onlus (il 26% è più vantaggioso) e si vogliano dedurre 200,00 euro per erogazioni a fondazioni ed associazioni riconosciute.
    Lei la riterrebbe una cosa possibile?
    Grazie ancora.

  19. E’ possibile a patto che uno stesso importo non sia dedotto e detratto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Condivisioni