Il modello 770 semplificato e ordinario: soggetti obbligati e scadenza

Condivisioni

Il modello 770, Semplificato ed Ordinario, riepiloga tutti i dati fiscali relativi alle ritenute operate nel 2014 e tutti i dati contributivi ed assicurativi nonché i relativi versamenti e i crediti spettanti.

La dichiarazione modello 770 predisposta dai sostituti d’imposta è composta da due distinti modelli, da presentare esclusivamente in via telematica entro il 31 luglio di ogni anno:

  • il Modello 770 Semplificato: deve essere compilato dai sostituti d’imposta (le società di persone, di capitali, gli enti commerciali e non commerciali, le associazioni, i trust, i curatori fallimentari, i commissari liquidatori, gli eredi), comprese le Amministrazioni dello Stato, per comunicare i dati fiscali relativi alle ritenute operate nell’anno sui redditi di lavoro dipendente e di lavoro autonomo nonché le altre informazioni di carattere contributivo e assicurativo;
  • il Modello 770 Ordinario: deve essere redatto dai sostituti d’imposta, dagli intermediari e dagli altri soggetti che intervengono in operazioni fiscalmente rilevanti, tenuti a comunicare i dati relativi alle ritenute operate su dividendi, proventi da partecipazione, redditi di capitale erogati nell’anno o operazioni di natura finanziaria effettuate nello stesso periodo, nonché i dati riassuntivi relativi alle indennità di esproprio Entrambe i modelli contengono i dati riassuntivi relativi ai versamenti effettuati, alle compensazioni operate ed ai crediti d’imposta utilizzati.

Procedura – I soggetti che presentano solo il modello 770 Semplificato devono includere nel modello i prospetti ST, SV e SX per indicare gli estremi dei versamenti effettuati e riepilogare i crediti e le compensazioni operate. Il contribuente tenuto anche alla presentazione del modello 770 Ordinario e che ha operato compensazioni tra i versamenti attinenti al modello 770 Semplificato e quelli relativi al modello 770 Ordinario deve compilare il modello Semplificato senza i prospetti ST, SV e SX, facendo confluire i relativi dati nei quadri ST, SV e SX del Mod. 770 Ordinario.

Trasmissione – Le dichiarazioni modello 770 Semplificato e modello 770 Ordinario devono essere presentate esclusivamente in via telematica, direttamente o tramite un intermediario abilitato, attraverso l’utilizzo dei servizi telematici Entratel e Fisconline. Nell’ambito di gruppi societari, in cui almeno una società o ente sia obbligato alla presentazione delle dichiarazioni per via telematica, la trasmissione delle stesse può essere effettuata da uno o più soggetti dello stesso gruppo esclusivamente attraverso il servizio telematico Entratel. La dichiarazione dei sostituti d’imposta deve essere trasmessa entro il 31 luglio e si considera presentata nel giorno in cui è conclusa la ricezione dei dati da parte dell’Agenzia delle Entrate.

Il sostituto d’imposta, tenuto alla presentazione di entrambi i modelli, può produrre il 770 Semplificato comprensivo dei quadri ST, SV e SX, qualora non abbia effettuato compensazioni ‘‘interne’’ tra i versamenti relativi al 770 Semplificato e quelli attinenti il 770 Ordinario. Il sostituto d’imposta ha la facoltà di suddividere il 770 Semplificato in due parti: una parte con il frontespizio, le comunicazioni lavoro dipendente e assimilati e i relativi prospetti SS, ST, SV, SX e SY; l’altra parte con il frontespizio, le comunicazioni lavoro autonomo, provvigioni e redditi diversi nonche´ i rispettivi prospetti SS, ST, SX e SY. Tale modalità di trasmissione è possibile se sono soddisfatte le seguenti condizioni:

  • devono essere trasmesse sia le Comunicazioni dati relativi al lavoro dipendente e assimilati, sia le Comunicazioni di lavoro autonomo, provvigioni e redditi diversi;
  • non devono essere state effettuate compensazioni interne tra i versamenti di ritenute attinenti il lavoro dipendente e il lavoro autonomo, né tra tali versamenti e quelli attinenti i redditi di capitale.

Struttura delle dichiarazioni – Le due dichiarazioni, il modello 770 Semplificato e Ordinario, hanno strutture diverse:

  • Composizione del Modello 770 Semplificato – Il Modello 770 Semplificato è formato dalle seguenti parti:
    • frontespizio;
    • comunicazione dati delle certificazioni di lavoro dipendente, assimilati ed assistenza fiscale, da utilizzare per l’indicazione dei dati fiscali, contributivi e assicurativi relativi ai redditi di lavoro dipendente e assimilati, le indennità di fine rapporto ed equipollenti, le altre indennità e l’assistenza fiscale;
    • comunicazione dei dati delle certificazioni lavoro autonomo, provvigioni e redditi diversi;
    • prospetto SS, contenente i dati riassuntivi relativi a quelli riportati nelle comunicazioni del modello di dichiarazione;
    • prospetto ST, contenente i dati relativi alle ritenute alla fonte operate, alle trattenute di addizionali regionali all’IRPEF, alle trattenute per assistenza fiscale e ad alcune imposte sostitutive;
    • prospetto SV, contenente i dati relativi alle trattenute di addizionali comunali all’Irpef e alle trattenute per assistenza fiscale;
    • prospetto SX, in cui deve essere indicato il riepilogo dei crediti e delle compensazioni effettuate;
    • prospetto SY, contenente i dati relativi alle somme liquidate a seguito di procedure di pignoramento presso terzi e ritenute.
  • Composizione del Modello 770 Ordinario – Il Modello 770 Ordinario è composto dalle seguenti parti:
    • frontespizio;
    • quadri staccati, destinati all’esposizione delle somme e dei valori corrisposti in relazione alle diverse tipologie di redditi, esclusi quelli già contemplati nel modello semplificato:
      • quadro SF – Redditi di capitale, compensi per avviamento commerciale, contributi degli enti pubblici e privati, redditi di capitale non imponibili o imponibili in misura ridotta imputabili a soggetti non residenti;
      • quadro SG – Somme derivanti da riscatto di assicurazione sulla vita e capitali corrisposti in dipendenza di contratti di assicurazione sulla vita o di capitalizzazione, rendite delle prestazioni pensionistiche erogate in forma periodica e delle rendite vitalizie con funzione previdenziale;
      • quadro SH – Redditi di capitale, premi e vincite, proventi delle accettazioni bancarie, proventi derivanti da depositi a garanzia di finanziamenti;
      • quadro SI – Utili e proventi equiparati pagati nell’anno;
      • quadro SK – Comunicazione degli utili ed altri proventi equiparati corrisposti da soggetti residenti e non residenti, nonché altri dati delle società fiduciarie;
      • quadro SL – Proventi derivanti dalla partecipazione a OICR di diritto estero e italiano, soggetti a ritenuta a titolo d’acconto;
      • quadro SM – Proventi derivanti dalla partecipazione a OICR di diritto estero e di diritto italiano, soggetti a ritenuta a titolo d’imposta;
      • quadro SO – Comunicazione delle operazioni, da parte degli intermediari e dagli altri soggetti che intervengono in operazioni che possono generare plusvalenze a norma dell’art. 67, comma 1, lettere da c) a c-quinquies), del Tuir e alla segnalazione da parte delle società fiduciarie dei dati utili alla segnalazione dell’Ivie per i soggetti da essi rappresentati;
      • quadro SP – Titoli atipici;
      • quadro SQ – Comunicazione dei dati dei versamenti dell’imposta sostitutiva applicata sui proventi delle obbligazioni (D.Lgs. n. 239/1996), nonché di quella applicata sugli utili derivanti dalle azioni e dai titoli similari immessi nel sistema Monte Titoli spa (DPR n. 600/1973, art. 27-ter)
      • quadro SR – Somme corrisposte a titolo di indennità di esproprio o ad altro titolo nel corso del procedimento espropriativo;
      • quadro SS – Dati riassuntivi relativi concernenti quelli riportati nei diversi quadri della dichiarazione;
      • quadro ST – Ritenute alla fonte operate, trattenute per assistenza fiscale e imposte sostitutive effettuate;
      • quadro SV – Trattenute di addizionali comunali all’Irpef e alle trattenute per assistenza fiscale;
      • quadro SX – Riepilogo dei crediti e delle compensazioni effettuate.

2 comments

  1. Buongiorno,

    una domanda per quanto riguarda il 770ordinario per la distribuzione degli utili di una SRL. il mio dubbio è nella compilazione del quadro SK campo 28, dove bisogna indicare il numero delle azioni o quote.Per quanto riguarda una SRL è sempre pari a uno (perchè ciascun socio è titolare di una sola quota,il cui ammontare è proporzionale al conferimento effettuato), è la percentuale di possesso che cambia. Giusto?

    Grazie

    Sonia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condivisioni