Mancata compilazione del quadro RW: il ravvedimento operoso

Condivisioni

La mancata compilazione del quadro RW del modello Redditi Persone Fisiche comporta l’applicazione di una sanzione fissa di €. 258 se l’omissione viene sanata entro i 90 giorni dal termine di presentazione della dichiarazione dei redditi. Successivamente si applicano le sanzioni percentuali dal 3% al 15% di quanto non dichiarato (raddoppiate se le attività sono in Paesi Black List).  

Il quadro RW del modello Redditi Persone Fisiche, ai sensi dell’articolo 4 del D.L. n. 167/1990 deve essere compilato dalle persone fisiche, enti non commerciali e società semplici, ex articolo 5 del DPR n. 917/86, residenti in Italia, nonché dai soggetti titolari effettivi dell’investimento secondo quanto previsto dall’articolo 1, comma 2, lettera u) del D.Lgs. n. 231/2007, che detengono investimenti all’estero e attività estere di natura finanziaria a titolo di proprietà o di altro diritto reale indipendentemente dalle modalità della loro acquisizione, e in ogni caso, ai fini delle imposte patrimoniali sugli immobili all’estero (Ivie) e delle imposte sulle attività finanziarie all’estero (Ivafe), di cui al D.L. n. 201/2011.

In pratica, attraverso la compilazione del quadro RW l’Amministrazione finanziaria intende andare a monitorare annualmente le attività patrimoniali e finanziarie che le persone fisiche fiscalmente residenti in Italia detengono in Paesi esteri. Non sempre, tuttavia, a causa di negligenza e scarsa informazione, i contribuenti effettuano la compilazione di questo particolare e specifico quadro della dichiarazione.

Per questo motivo, in virtù delle tantissime domande che ci arrivano su questo argomento ho deciso di andare ad analizzare con particolare dettaglio quali sono le conseguenze legate alla mancata compilazione del quadro RW del modello Redditi Persone Fisiche e come sia possibile intervenire, in particolari situazioni, applicando il ravvedimento operoso.

Mancata compilazione del quadro RW

Potrebbe accadere che, entro il termine di scadenza per la presentazione della dichiarazione dei redditi 30 settembre di ogni anno, il contribuente, per errore (volontario o meno), ometta la compilazione del quadro RW.

Sul tema l’Agenzia delle Entrate con la Circolare n. 38/E/2013 ha chiarito che le violazioni riguardanti il quadro RW hanno natura tributaria, e per le stesse è quindi possibile provvedere alla regolarizzazione mediante lo strumento del ravvedimento operoso.

Tuttavia la mancata compilazione del quadro RW ha un duplice risvolto sanzionatorio, che possiamo così riassumere.



Sanzioni ai fini del monitoraggio fiscale

La mancata compilazione del quadro RW nel caso in cui la presentazione dello stesso è richiesta ai fini del monitoraggio fiscale costituisce una violazione formale. A tale omissione si ritiene applicabile il regime sanzionatorio previsto dall’articolo 5 del D.L. n. 167/90, modificato dalla Legge n. 97/2013 (“Legge Europea 2013”), che ha così differenziato le sanzioni:

  • €. 258 in caso di presentazione del quadro RW tardivo, entro 90 giorni dal termine ordinario;
  • Dal 3% al 15% di quanto non dichiarato è detenuto in Paesi non Black List;
  • Dal 6% al 30% di quanto non dichiarato è detenuto in Paesi Black List.

Sanzioni per mancato versamento Ivie e Ivafe

La mancata compilazione del quadro RW nel caso in cui sia dovuto il pagamento di Ivie e Ivafe comporta l’applicazione del regime sanzionatorio delle imposte sui redditi, stante il rinvio dell’articolo 19 del D.L. n. 201/2011.

Sanzioni da ravvedimento

Naturalmente tutte le sanzioni sopra riportate devono essere lette con il combinato disposto dalla Legge n. 190/2014 che ha modificato l’istituto del ravvedimento operoso anche per le violazioni del quadro RW.

In questo ambito la Circolare n. 38/E/2013 dell’Agenzia delle Entrate afferma che è possibile effettuare il ravvedimento operoso per l’omessa compilazione del quadro RW, confermando l’applicazione del principio del favor rei: le violazioni relative alla omessa od infedele compilazione della sezione II del quadro RW commesse e non ancora definite alla data del 4 settembre 2013, sono soggette alla sanzione amministrativa dal 3 al 15 per cento degli importi non dichiarati e tra il 6 ed il 30 per cento in caso di detenzione degli investimenti ovvero delle attività in Stati o territori a fiscalità privilegiata. Le violazioni per omessa compilazione della sezione III non sono più sanzionabili.

Vediamo adesso quali sono le sanzioni applicabili alle principali casistiche di dichiarazione tardiva o integrativa relativamente al quadro RW.

Quadro RW: dichiarazione tardiva o integrativa entro 90 giorni

Si tratta del caso in cui si presenti una dichiarazione entro 90 giorni della scadenza del termine ordinario della dichiarazione dei redditi (30 settembre), in quanto è stata originariamente omessa la presentazione della dichiarazione oppure nel caso in cui si voglia integrare la dichiarazione originaria col modello RW non presentato alla scadenza o presentato incompleto.

In questo caso le sanzioni applicabili, legate alla mancata compilazione del quadro RW, saranno, alternativamente:

  • Sanzione per dichiarazione tardiva (nel caso in cui non si sia presentato nei termini il modello Redditi Persone Fisiche):
    • Se non sono dovute imposte – Sanzione di €. 25,00 ( 1/10 di €. 250 con ravvedimento operoso, applicando il troncamento);
    • Se sono dovute imposte – Sanzione del 3,33% (sanzione del 30% ridotto ad 1/9 con ravvedimento operoso) della maggiore imposta dovuta oltre a imposta e agli interessi di mora;
  • Sanzione per omessa compilazione quadro RW e modello Redditi presentato: Sanzione di  €. 25,00 (1/10 di €. 250 con ravvedimento operoso).

La sanzione dovuta per la dichiarazione tardiva, non si applica nel caso in cui si debba sanare esclusivamente il quadro RW in una dichiarazione tardiva.

Per il versamento della sanzione relativa alla dichiarazione tardiva e per quella relativa alla compilazione del quadro RW il versamento deve essere effettuato con modello F24, utilizzando il codice tributo8911“, riportando l’anno nel quale è avvenuta la violazione, e non l’anno di imposta della dichiarazione. Tale codice tributo si ritiene applicabile anche per il versamento delle sanzioni derivanti dal quadro RW, in quanto non sono stati approvati dall’Agenzia delle Entrate specifici codici tributo.



Quadro RW: dichiarazione integrativa entro l’anno successivo

Si tratta del caso in cui venga presentata una nuova dichiarazione dei redditi (integrativa rispetto a quella già presentata) oltre il termine di 90 giorni dalla scadenza ma entro la data di presentazione della dichiarazione per l’anno successivo rispetto a quello in cui è stata commessa la violazione (30 settembre dell’anno “x+1”), legata alla mancata compilazione del quadro RW.

In questo caso le sanzioni saranno le seguenti:

  • Sanzione per dichiarazione integrativa:
    • Se non sono dovute imposte –  Sanzione di €. 31,25 ( 1/8 di €. 250 con ravvedimento operoso);
    • Se sono dovute imposte da redditi non Black List – Sanzione del 15% (sanzione base del 90% dell’imposta dovuta aumentata di 1/3 in quanto redditi prodotti all’estero (comma 8, articolo 1, D.Lgs. n. 471/97) ridotta a 1/8) dell’imposta dovuta oltre al pagamento dell’imposta e interessi;
    • Se sono dovute imposte da redditi in Paesi Black List – Sanzione del 32,50% (sanzione base del 180% (sanzione raddoppiata rispetto alla precedente, articolo 12 D.L. n. 78/2009 in quanto reddito derivante da Paese Black List) dell’imposta dovuta, aumentata di 1/3 in quanto redditi prodotti all’estero, ridotta a 1/8 con ravvedimento) se i redditi esteri sono prodotti in un paese Black List oltre al pagamento dell’imposta dovuta e interessi di mora.
  • Sanzione per omessa presentazione del quadro RW:  sanzione dello 0,375% o 0,75% (3 o 6 per cento degli importi non indicati nel quadro RW sezione II ridotti a 1/8 a seconda che le attività siano situate in paesi non black list o in paesi black list). La sanzione si applica sul valore dell’attività patrimoniale o finanziaria non dichiarata.

Dichiarazione integrativa entro i due anni successivi

Si tratta del caso in cui venga presentata una nuova dichiarazione dei redditi (integrativa rispetto a quella già presentata), entro la data di presentazione della dichiarazione del secondo anno successivo a quello in cui è stata commessa la violazione (30 settembre dell’anno “x+2”), legata alla mancata compilazione del quadro RW.

In questo caso le sanzioni saranno le seguenti:

  • Sanzione per la dichiarazione integrativa:
    • Se non sono dovute imposte – Sanzione di €. 35,71 ( 1/7 di €. 250 con ravvedimento operoso);
    • Se sono dovute imposte da redditi non Black List – Sanzione del 17,14% (sanzione base del 90% dell’imposta dovuta aumentata di 1/3 in quanto redditi prodotti all’estero (comma 8, articolo 1, D.Lgs. n. 471/97) ridotta a 1/7) dell’imposta dovuta oltre al pagamento dell’imposta e interessi;
    • Se sono dovute imposte da redditi in Paesi Black List – Sanzione del 34,29% (sanzione base del 180% (sanzione raddoppiata rispetto alla precedente, articolo 12 D.L. n. 78/2009 in quanto reddito derivante da Paese Black List) dell’imposta dovuta, aumentata di 1/3 in quanto redditi prodotti all’estero, ridotta a 1/7 con ravvedimento) se i redditi esteri sono prodotti in un paese Black List oltre al pagamento dell’imposta dovuta e interessi di mora.
  • Sanzione per omessa presentazione del quadro RW: sanzione dello 0,43% o 0,86% (3 o 6 per cento degli importi non indicati nel quadro RW sezione II ridotti a 1/7 a seconda che le attività siano situate in paesi non black list o in paesi black list). La sanzione si applica sul valore dell’attività patrimoniale o finanziaria non dichiarata.

Dichiarazione integrativa presentata in anni successivi

Si tratta del caso in cui venga presentata una nuova dichiarazione dei redditi (integrativa rispetto a quella già presentata), successiva al secondo anno rispetto a quello in cui è stata commessa la violazione (30 settembre degli anni “x+3” “+4” “…”), e fino al termine del periodo di accertamento.

In questo caso le sanzioni applicabili saranno:

  • Sanzione per la dichiarazione integrativa:
    • Se non sono dovute imposte – Sanzione di €. 41,66 (1/6 di €. 250 con ravvedimento operoso):
    • Se sono dovute imposte da redditi non Black List – Sanzione del 20% (sanzione base del 90% dell’imposta dovuta aumentata di 1/3 in quanto redditi prodotti all’estero (comma 8, articolo 1, D.Lgs. n. 471/97) ridotta a 1/6 con ravvedimento operoso) oltre al pagamento dell’imposta dovuta e interessi di mora;
    • Se sono dovute imposte da redditi in Paesi Black List – Sanzione del 40% (sanzione base del 180% (sanzione raddoppiata rispetto alla precedente, articolo 12 D.L. n. 78/2009 in quanto reddito derivante da Paese Black List) dell’imposta dovuta, aumentata di 1/3 in quanto redditi prodotti all’estero, ridotta a 1/6 con ravvedimento) se i redditi esteri sono prodotti in un paese Black List oltre al pagamento dell’imposta dovuta e interessi di mora.
  • Sanzione omessa presentazione del quadro RW : sanzione dello 0,1% o 0,5% (3 o 6 per cento degli importi non indicati nel quadro RW sezione II ridotti a 1/6 a seconda che le attività siano situate in paesi non black list o in paesi black list). La sanzione si applica sul valore dell’attività patrimoniale o finanziaria non dichiarata.

Dichiarazione omessa e ravvedimento operoso

Nel caso in cui la dichiarazione dei redditi originaria sia stata omessa, non è possibile fare il ravvedimento operoso, perché la Legge n. 190/2014 non è andata a modificare la lettera c) del comma 1 dell’articolo 13 del D.Lgs. n. 472/1997, che sana l’omissione della dichiarazione solo nell’ipotesi di presentazione della stessa entro 90 giorni dalla scadenza del termine originario.

34 comments

  1. Buongiorno,
    se io ho acquistato delle quote di una società estera nel 2015 ma non mi hanno ancora fruttato nessun guadagno devo compilare il modello? Grazie mille.

    • Fiscomania

      Salve, lei è tenuta a compilare il quadro RW di Unico per il solo fatto di detenere azioni di società estere, a prescindere dal guadagno. Il quadro RW riguarda il patrimonio estero dei soggetti residenti fotografato alla fine dell’anno. Dovrà compilare il quadro per ogni anno di detenzione delle azioni estere. Se ha problemi nella compilazione del quadro mi faccia sapere.

  2. Sono residente da tanti anni in Italia.Ho una casa al mio paese al costo di 35000euro,comprata nel 2011.Fino ad oggi non ho compilato mai il quadro RW per le tasse sulle case al estero. Ho deciso di mettere tutto in regola ,devo fare dichiarazione integrativa ? Cosa mi aspeta a pagare se lo faro?

    • Fiscomania

      Le conviene sicuramente fare il ravvedimento del quadro RW per tutte le annualità ancora accertabili, pagando l’imposta e le sanzioni ridotte.

  3. Salve, vorrei sapere se non sono stati fatti delle dichiarazioni RW per l’anno 2014 e 2015 a quali sansioni si va incontro? l’articolo e’ ben fatto ma ci sono molti numeri e non capisco se quelle percentuali vanno applicate alle 258Euro (oltre i 90 giorni) o sono percentuali che vanno sulla giacenza media di ogni anno non dichiarato??

    se potete aiutarmi a capire bene questo ne sarei molto grato.

    grazie mille

    • Fiscomania

      Sanzione del 16,66% delle imposte dovute sui redditi e sanzione dello 0,375% sulle imposte patrimoniali per il 2015. Sanzione del 19% per il redditi e dello 0,43% delle patrimoniali per il 2014.

      • Le spiego la situazione: lavoro con una compagnia estera la quale lavora con una compagnia di crociera (battente bandiera bahamas) dalla quale vengo pagato su una carta di credito/debito con relativo conto on line. Io facendo alcune ricerche mi sembra di aver capito di essere definito “un lavoratore mattimo su navi battenti bandiera estera” il che esenta dalle tassazione in Italia giusto?

        la mia situazione non è facile da capire se devo o no fare questa dichiarazione del quadro RW, lei cosa pensa?

        In secondo luogo,mettiamo il caso che devo fare questa dichiarazione, mi puo far un esempio pratico della sanzione?

        La sanzione sui redditi non dichiarati Cosa significa che la percentuale della sanzione sarà applicata alla giacenza media annua (perche nel quadro rw occorre mettere la giacenza media)??

        Grazie mille

  4. Il paese black list o meno rileva al momento della omessa dichiarazione o al momento del ravvedimento operoso? Es. Svizzera oggi non piu in black list, ma per il 2014 o il 2015 come si considera la sanzione? 0.86 e 0.75% oppure 0.43 e 0.375%?

  5. Buongiorno, versamento di euro 1000 su un c/c croato intestato al broker che mi ha fruttato euro 250 di plusvalenza con i forex. Cosa devo dichiarare? Devo versare il 26% di euro 250 giusto? poi i 250 vanno indicati anche nel quadro RT dell’UNico? Devo compilare anche l’RW? Eventualmente cosa indico nell’RW?
    Grazie per la risposta

  6. Incompleta compilazione quadro RW (dichiarato solo c/c, omessa dichiarazione di una polizza) per anno 2015 in paese WhiteList, no Ivafe.
    0.375 % su importo non dichiarato
    ma anche 31,00 sanzione fissa per dichiarazione integrativa??
    Grazie anticipatamente

  7. Buonasera,nel 2012 ho omesso la presentazione del quadro rm e rw devo versare sia l imposta dovuta con sanzioni e interessi,sia sanzioni per omessa dichiarazione e il ravvedimento con codice 8911 di 41,66?

    • Fiscomania

      Deve versare l’imposta dovuta con le sanzioni da dichiarazione omessa. Il ravvedimento in caso di omissione non è applicabile. Non faccia da sola, rischia solo di commettere ulteriori errori.

  8. Buonasera, nel febbraio 2017 abbiamo acquistato 8/24 carati (pari al 33%) di una barca a vela battente bandiera belga ed ormeggiata in Italia costo complessivo E.44.000. Da quanto abbiamo appreso dalle Vostre esaustive spiegazioni, dobbiamo compilare il quadro RW entro il 30 settembre 2018.
    Va segnalato l’intero costo oppure solo il 33%.
    L’intestataria è pensionata e non ha altri redditi nè possidenze, il fatto che possiede il 33% della barca gli produce qualcosa da pagare oppure è meramente informativo?
    Grazie.

    • Fiscomania

      Dovrà essere compilato il quadro RW indicando la percentuale di possesso dell’imbarcazione ed il relativo valore. Non ci saranno, a questi fini, imposte da pagare.

  9. Buonasera,nel 2015 o omesso la presentazione del quadro rw per un conto corrente cointestato al 50%. devo pagare le sanzioni e interessi in funzione della mia quota di capitale?

    • Fiscomania

      Certamente, dovrà pagare in ragione della sua quota di partecipazione al conto corrente. Dovrà presentare una dichiarazione integrativa.

  10. Buongiorno. a settembre 2015 ho ricevuto del denaro di una una eredità dagli stati Uniti , nel 2016 ho presentato la dichiarazione di successione che è stata regolarmente accettata e per la quale ho pagato tutte le imposte dovute, pensavo che tutto fosse stato fatto bene ma pochi giorni fa ho ricevuto una comunicazione dall’ufficio controlli che mi fa notare la mancata la compilazione del quadro RW (sinceramente non sapevo di doverla fare).
    Ora le chiedo a quali sanzioni vado incontro? Per quale periodo è calcolata la sanzione visto che il capitale è entrato in mio possesso solo a settembre 2015?

    La lettera fa riferimento ad una procedura di collaborazione volontaria entro il 30 settembre 2017, ma la lettera mi è arrivata solo il 20 ottobre e il timbro di invio è del 4 ottobre.

    La ringrazio anticipatamente per la sua risposta.

    • Fiscomania

      La sanzione probabilmente riguarda l’anno 2015, considerato che il quadro deve essere compilato ogni anno, le consiglio di di provvedere a compilarlo a partire dal 2016. Per maggiori info mi contatti in prativato per una consulenza.

  11. Buongiorno, ho un fondo pensione 401K americano. Deve essere dichiarato nel quadro RW insieme agli altri miei conti correnti americani? Quali sono le sanzioni se devo optare per un ravvedimento operoso? Grazie.

  12. Buongiorno.
    Per il 2015 non ho presentato Mod. Unico in quanto titolare di solo reddito da pensione; ho però omesso la presentazione del quadro RW; in questi giorni ricevo lettera da Agenzia Entrate per ravvedermi.
    Posso fare il ravvedimento?
    Grazie
    Nik

  13. Buongiorno. Complimenti per il sito, davvero ben fatto ed utilissimo. Ciononostante, riguardo a questo argomento, alcuni dettagli mi risultano di difficile comprensione per quello che riguarda l’applicazione.
    Facciamo un esempio pratico. Supponiamo che oggi voglia ricorrere al ravvedimento operoso per la mancata compilazione del riquadro RW in relazione ad un investimento del 2015 in UK di 10000£ che ha avuto una rendita di 1000£ e che non è stato dichiarato nell’ UNICO del 2016 e del 2017. A quanto ammonterebbe la sanzione totale? Da quanto leggo si dovrebbe pagare il 17,14% dell’imposta dovuta, ossia il 26% di 1000£ quindi 44,56£ (mi si perdoni la semplificazione nel calcolo). A questa sanzione andrebbero aggiunte le 260£ di imposta dovuta più gli interessi moratori che mi risultano essere 42,84£. Fino a qui abbiamo circa 350£. A questo punto mi sembra di capire che vada aggiunta anche la sanzione per la mancata compilazione del riquadro RW, ossia, in questo caso, lo 0,43% del capitale non dichiarato (10000£) quindi 43£ In questo modo il totale complessivo delle sanzioni ammonterebbe a circa 393£ (444€ al cambio attuale). Il calcolo da me effettuato a titolo di esempio è corretto oppure non ho compreso quanto esposto nell’articolo? Grazie. Saluti.

    • Fiscomania

      Salve Mauro, grazie per i complimenti. Per rispondere alle sue domande e capire se il calcolo è corretto dovrei simulare la costruzione del quadro RW e calcolare le sanzioni. Ci sarebbe da vedere se è omessa o infedele dichiarazione, e poi applicare anche le sanzioni per il quadro RW. Posso fare tutti questi calcoli per lei, se vuole, usufruendo del servizio di consulenza a questo link:s “consulenza fiscale online“.

  14. Salve volevo un chiarimento,

    nel 2015 ho percepito solamente un reddito estero di meno di 7200 euro accredito su un conto estero in Europa. Il reddito e’ relativo solamente a 3 mesi di lavoro.

    Essendo l’unico mio reddito ero esentato dal fare la dichiarazione dei redditi nel 2016. Giusto?

    La giacenza media del conto estero nel 2015 non ha superato i 5000 euro. Quindi non ho nemmeno compilato il quadro RW perche non dovevo pagare l’Ivafe. Pero’ il saldo al 31/12 era circa 6000 euro. Conta la giancenza media del periodo o al 31/12?

    Sono nel giusto? Nel caso avessi sbagliato, faccio ancora in tempo a regolarizzare la posizione? Cosa dovrei fare per mettermi in regola?

    Grazie.

    • Fiscomania

      Salve Andrea, per rispondere alle sue domande occorre analizzare in dettaglio la sua situazione. Non è detto che il lavoro estero non vada dichiarato in Italia. Poi per l’Ivafe è da verificare la giacenza media e il valore magsimo di giacenza. Se vuole mi contatti attraverso il servizio di consulenza fiscale online dedicato.

  15. Il Fisco mi ha irrogato una sanzione di 75.000 euro per la proprietà (50%) di una barca a vela situata in Italia (Sardegna) ma acquistata da una persona fisica belga (del valore attuale di circa 190.000).
    Ho conservato la bandiera estera per mera semplicità. Con iscrizione in registro belga, paese comunitario.

    Agenzia Entrate sostiene essere “investimento estero” che avrei dovuto indicare nel quadro RW (pur essendo bene sempre detenuto in Italia ad uso esclusivamente personale). Con svariato materiale probatorio (compreso controlli Finanza in maere, pagamento tassa regionale stazionamento, ormeggio stabile in porto sardo…..

    Oltretutto la mia proprietà è solo per la quota del 50% e mi è stata irrogata la sanzione per l’intero.
    In quanto l’ufficio ritiene che la sanzione deve rapportarsi al valore del bene per intero.

    Mi sembra una vicenda che ha dell’incredibile.
    Che ne pensate ?

    • Fiscomania

      Vista nel modo in cui la descrive è corretto quanto fatto dall’Amministrazione finanziaria. Gli investimenti patrimoniali e finanziari esteri devono essere dichiarati in RW, altrimenti quelle che ha indicato sono le sanzioni.

  16. Ho un conto corrente all’estero dal 2014 con una giacenza media di circa 50.000€. Posso fare il ravvedamento operoso. se sì quanto costa sanare la situazione? Grazie

    • Fiscomania

      Se vuole possiamo aiutarla ad analizzare la situazione per indicarle come compilare il quadro RW e le sanzioni che ci sarebbero da pagare per sanare la situazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condivisioni