Conti deposito: investire in modo sicuro

Condivisioni

Qual’è oggi il migliore strumento per investire al meglio i propri risparmi e proteggerli nel tempo? I conti deposito consento di fare crescere il valore dei propri risparmi proteggendoli da eventuali rischi. Sono uno strumento utile e semplice per investire i risparmi della famiglia in modo sicuro e con un rendimento soddisfacente. Ecco la nostra guida ai conti deposito.

Investire al meglio i propri risparmi, farli crescere e al tempo stesso tenere sempre i propri soldi al sicuro. Questo è quanto vorrebbero la maggior parte dei risparmiatori italiani. Naturalmente ottenere un rendimento elevato da un investimento finanziario vuol dire esporre i propri investimenti ad un rischio, maggiore sarà questo grado di rischio che siete disposti a correre, maggiore sarà il vostro ritorno economico. Naturalmente conoscere oggi il grado di rischio di un investimento finanziario non è mai semplice, né banale. Per questo negli ultimi anni, sempre più risparmiatori stanno decidendo di investire i propri risparmi nei conti deposito.

Sicuramente chi investe in conti deposito non vuole rischiare, ma predilige un investimento semplice e sicuro che consenta comunque di ottenere un ritorno soddisfacente in termini di rendimento netto. Ecco quindi, la nostra semplice guida all’utilizzo e alla scelta dei conti deposito.

Conti deposito: cosa sono?

I conti deposito costituiscono uno degli strumenti più importanti per poter investire i propri risparmi senza correre rischi elevati. Si tratta di una soluzione estremamente sicura ed efficace che perette di ottenere un ritorno economico soddisfacente sulle somme che si tengono ferme sul proprio conto corrente. Naturalmente il ritorno economico è legato da due fattori:

  • Il vincolo del capitale investito (maggiori sono i vincoli, maggiore è il rendimento);
  • La quantità di capitale investito (maggiore è il capitale vincolato maggiore è l’interesse).

Quando il risparmiatore lascia i propri risparmi su un normale conto corrente bancario, infatti, non solo non ottiene niente come interesse ma, al contrario, ha soltanto dei costi di gestione tutt’altro che indifferenti da dover pagare. I conti deposito nascono proprio per sopperire a questa mancanza e offrire, a chi dispone di una somma di denaro di cui non necessita, di ottenere un rendimento certo annuo. In pratica, quindi, i conti deposito sono dei prodotti bancari che hanno come unico scopo quello di far fruttare maggiori interessi rispetto al deposito sul normale conto corrente.

Il vantaggio per il risparmiatore nello scegliere un conto deposito è quello di poter sapere in anticipo quale sarà il tasso di interesse lordo e netto di cui si potrà beneficiare nel corso dell’anno (prima di sottoscrivere il contratto saprai già quanto riceverai alla scadenza), permettendo così di confrontare molto semplicemente i vari rendimenti offerti tra i vari istituti, ma anche di paragonare questo rendimento con altri investimenti relativamente sicuri (es. Bot, o altri titoli di stato a breve o medio periodo).

Conti deposito: il funzionamento

I conti deposito in relazione al vincolo del capitale investito, si distinguono in due diverse categorie, molto importanti:

  • Conti deposito a vincolo libero – non c’è alcun vincolo di lasciare depositati i risparmi, è sempre garantita la disponibilità della somma per il prelievo;
  • Conti deposito vincolati – vi è un vincolo della somma depositata. Il risparmiatore ha facoltà di ritirare la somma investita solo alla scadenza di un determinato periodo di tempo (“durata del vincolo“), solitamente compreso tra  uno e 36 mesi.

Naturalmente scegliere un conto deposito vincolato assicura il vantaggio di un maggiore rendimento netto per il risparmiatore, ma anche l’impossibilità di disporre della somma di denaro investita per tutta la durata del vincolo. In ogni caso, il guadagno ottenuto da questo strumento bancario, anche se si sceglie di investire somme modeste e per brevi periodi, sarà difficilmente raggiungibile con altri strumenti finanziari che garantiscano lo stesso livello di rischio (assai ridotto).

Grazie a questa caratteristica i conti deposito rappresentano una valida alternativa di investimento per la maggior parte di piccoli investitori, rappresentati dalle famiglie, che possono essere allettate dalle possibilità di ottenere tassi di interesse più elevati rispetto ad un normale conto corrente bancario.

Conti deposito: ci sono rischi?

Abbiamo parlato dei conti deposito come strumenti bancari pressoché privi di rischio, ma è davvero così? L’unico rischio in cui può incorrere il risparmiatore è quello legato al fallimento dell’istituto di credito con il quale è stato firmato il contratto. Si tratta di un’ipotesi pressoché remota, specialmente se si fa affidamento su istituti di grandi dimensioni e diffusi capillarmente sul territorio nazionale.

In ogni caso, anche qualora questa ipotesi dovesse concretamente verificarsi, il rischio di insolvenza, ovvero che l’istituto di credito non sia in grado di restituire al risparmiatore capitale e interessi di sua spettanza, la Direttiva Comunitarie n. 2009/14/CE, ha previsto che anche i conti deposito siano garantiti dal sistema di garanzia dei depositi, per importi fino a €. 100.000 per ogni risparmiatore. In pratica, per garantirvi maggiore sicurezza sarà sufficiente +evitare di investire su un singolo conto deposito una cifra non superiore a €. 100.000. Diversificare i conti, magari su diversi istituti vi consentirà di ottenere una maggiore sicurezza.

Per approfondire: Depositi bancari: quanto sono protetti?

Conti deposito: come aprirne uno?

Per aprire un conto deposito è necessario stipulare un contratto con un istituto di credito di fiducia. Sono sufficienti il documento di identità del dichiarante, il codice fiscale e un conto corrente ordinario da utilizzare come conto di appoggio (anche presso un diverso istituto di credito). Si tratta di una procedura relativamente veloce, che non richiede tempi o oneri particolari. Anche questa caratteristica è stata un elemento che ha favorito la diffusione capillare di questo strumento bancario negli ultimi anni.

La semplicità di apertura, è bene ribadirlo, è data dal fatto che non essendo concesso ai titolari del conto deposito di prelevare oltre la liquidità in esso disponibile, non è richiesta dall’istituto di credito la concessione di alcuna garanzia per l’apertura del conto.

Conti deposito: come scegliere il migliore?

La convenienza di un conto deposito è legata a due fattori: il tasso di interesse che sarà applicato al deposito e il costo di gestione per l’istituto di credito. Considerato il fatto che i costi di gestione (costi di mantenimento del conto e imposte di bollo) sono pressoché identici per tutti i principali istituti di credito, il vero elemento da considerare è il tasso di interesse effettivo netto.

Il tasso di interesse effettivo netto rappresenta l’importo promesso dall’istituto di credito per poter disporre dei tuoi risparmi per un certo periodo di tempo. Solitamente troverai questa informazione indicata al lordo, quindi tieni presente due informazioni:

  • Il tasso di interesse lordo è soggetto a variazioni periodiche (specialmente se hai aderito ad un conto deposito tramite offerte promozionali);
  • Il tasso di interesse netto si ottiene togliendo l’importo della ritenuta a titolo di imposta dovuta sul rendimento, pari al 26%.

Una volta individuato e calcolato il tasso di interesse netto, non vi resta che individuare e confrontare i vari conti deposito alla ricerca di quello con il rendimento migliore, naturalmente a parità di costi annui di gestione.

Un ultimo aspetto su cui dovete riflettere quando scegliete un conto deposito è la logica di capitalizzazione degli interessi. Questo perché minore è il tempo con il quale vi capitalizzano gli interessi, maggiore sarà il vostro guadagno. Tenete conto che gli interessi maturati, possono essere reinvestiti generando ulteriori profitti per voi.

I nostri consigli

In linea generale, sul mercato non esiste un conto deposito in assoluto migliore degli altri, ma una serie di strumenti bancari validi e affidabili che possono essere scelti per mettere a rendita i vostri risparmi. La scelta che dovete fare dipende, quindi, da una serie di fattori diversi secondo le esigenze di ciascuno. A titolo esemplificativo è bene tenere presenti alcuni consigli:

  • Pianificare l’utilizzo del capitale – I risparmi accumulati mi serviranno nei prossimi mesi? Porsi questa domanda, anche se banale, è fondamentale prima di fare l’investimento. Nel caso, con quale frequenza dovrò ritirare periodicamente le somme. Ad esempio se si ha la necessità di ritirare denaro regolarmente ogni mese sarà indispensabile scegliere un conto deposito che non preveda costi per le operazioni di prelievo sul conto;
  • Tipo di rendita – Si preferisce un conto con una rendita anticipata oppure possiamo anche basarci su istituti che corrispondono gli interessi soltanto alla fine del periodo di capitalizzazione? Anche in base a questa domanda è possibile scegliere conti deposito diversi;
  • Flessibilità – Meglio un conto deposito libero o vincolato? Non esiste una risposta unica, sicuramente lasciare vincolati i vostri risparmi vi garantirà un maggiore tasso di interesse netto. L’ideale sarebbe comunque quello di non andare oltre i 18 mesi di vincolo, a meno di non avere l’assoluta certezza di non avere bisogno dei soldi prima della scadenza dell’investimento. Il rischio, infatti, è quello di perdere parte degli interessi maturati.

Soltanto attraverso la risposta a domande come queste è possibile andare a scremare la lista dei migliori conti deposito e capire quale strumento è più adatto alle proprie esigenze e quale, invece, è preferibile scartare perché ritenuto non idoneo. Per aiutarti in questa scelta di seguito puoi trovare il link per arrivare ad un motore di ricerca che può metterti a disposizione il confronto dei migliori conti deposito presenti sul mercato finanziario.

Confronto conti deposito

Vuoi far rendere al meglio i tuoi risparmi ma non sai come? Apri un conto di deposito e scopri quanto è facile ottenere ottimi rendimenti dal tuo capitale. A questo link potrai confrontare le offerte di conti deposito disponibili.

CONFRONTA I MIGLIORI CONTI DEPOSITO

Conto Widiba a 0 spese e carte gratis in 34 stili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condivisioni