Limited Liability Company in Delaware: i vantaggi

Condivisioni

Quali sono i vantaggi della costituzione di una Limited Liability Company nel Delaware? Il Delaware rappresenta uno degli Stati più dinamici degli USA per l’attrazione delle società americane ed estere in relazione al proprio regime societario e fiscale particolarmente favorevole per gli investitori. La “Delaware limited liability company” (LLC) è la forma giuridica preferita degli imprenditori e molte imprese internazionali. La LLC combina i principali vantaggi della “corporation” e della “partnership”. La caratteristica essenziale della “corporation” è la responsabilità limitata dei proprietari. Quella della “partnership” è la duttilità della gestione e la trasparenza fiscale della società e degli azionisti.

Costituire una società all’estero, è il sogno di molti, sia per trovare una disciplina giuridica e contrattuale meno rigorosa e più attenta alle esigenze imprenditoriali, sia per pianificare al meglio la propria posizione fiscale.

Una delle aree che sta riscuotendo maggiore successo è lo Stato del Delaware. Rispetto ad altri Stati americani, il Delaware offre una serie di vantaggi economici e fiscali di non poco conto, che lo rendono uno dei luoghi preferiti per avviare nuove attività negli Stati Uniti.

In questo contributo voglio indicarti quali sono le principali caratteristiche operative legate alla costituzione di una Limited Liability Company (LLC) in Delaware, e quali sono i vantaggi e la convenienza che si possono trarre da questo tipo di società. Naturalmente, avviare questo tipo di impresa, all’estero, richiede un’accurata pianificazione sia ex-ante che ex-post, per evitare che ci possano essere contestazioni in termini di esterovestizione.

Limited

Lo Stato del Delaware

Il Delaware è uno dei più piccoli Stati degli Usa, tra Maryland, Pennsylvania e New Jersey. E’ la prima delle tredici colonie britanniche ad aver firmato la Dichiarazione d’indipendenza nel 1776. Oggi è la sede legale di moltissime società quotate alla Borsa di New York e al Nasdaq. Ci sono inoltre le sedi di moltissime imprese commerciali che hanno scelto di insediare qui la propria sede per sfruttare una lunga tradizione di ospitalità agli affari, un efficientissimo sistema giuridico e una collaudata rete di servizi per la promozione del business.

Lo avrete capito, il Delaware è il primo Stato Usa nella classifica stilata dalla Camera di commercio americana per capacità di attrazione economica.

Le forme societarie negli USA

Le più comuni forme societarie nel sistema statunitense sono:

  • Corporation Simili alle società per azioni;
  • Limited Liability Company Simili alle società a responsabilità limitata;
  • Limited Partnership Simili alle società in accomandita semplice;
  • Sole Proprietorship Simile alla società semplice.

Detto ciò bisogna aggiungere che negli Stati Uniti le due forme societarie più comunemente utilizzate sono le Corporation (c.d. “Inc.”o “Corp.”) e le Limited Liability Company (c.d. “LLC”). Queste società di capitale hanno caratteristiche che le fanno assomigliare, per grandi linee, rispettivamente alle Spa ed alle Srl del diritto societario italiano. La “Limited Partnership”, invece, è più simile alle Società in accomandita semplice italiane, con la caratteristica limitazione della responsabilità dei limited partner (cioè dei soci accomandanti).

Occorre osservare che dal momento della creazione della LLC, la figura della Limited Partnership viene utilizzata sempre meno frequentemente.

Le società americane sono soggette al potere amministrativo e giurisdizionale dello Stato di costituzione, nonché dello Stato dove l’azienda è domiciliata fisicamente e degli Stati ove l’azienda svolge attività commerciali. Ogni Stato dell’Unione ha un proprio corpo di leggi scritte e giurisprudenza.

Come può operare in USA un’azienda estera?

Una società straniera che intende operare negli Stati Uniti può anche servirsi di una propria filiale anziché costituire una società americana. Infatti, taluni tipi di aziende (ad esempio, gli istituti di credito) tendono ad utilizzare le filiali perché consentono di mantenere un’organizzazione maggiormente integrata con quella della casa madre.

Esistono, tuttavia, degli svantaggi di una certa rilevanza nel voler operare negli Stati Uniti con una filiale anziché una società partecipata. Innanzitutto, la società madre sarà direttamente responsabile per l’operato della filiale in base alle leggi statunitensi.

Ove i giudici americani ritengano che le attività svolte dalla società madre attraverso la propria filiale siano sufficientemente “continue e sistematiche” essi potranno ritenersi muniti di giurisdizione in via generale (c.d. “personal jurisdiction”) con la conseguenza che la società madre potrà essere citata in giudizio in una corte negli Stati Uniti dovendo rispondere con tutti i propri beni (e non soltanto quelli presenti sul territorio degli Stati Uniti) in caso di un verdetto sfavorevole.

In secondo luogo, una società straniera che opera attraverso una propria filiale negli Stati Uniti sarà soggetta direttamente alla giurisdizione fiscale degli Stati Uniti (“IRS”) e degli Stati nei quali operasse, dovrà presentare dichiarazione dei redditi e pagare imposte sul reddito generato negli Stati Uniti. Quale parte del reddito totale della società estera sia attribuibile alla sua attività americana è difficile da stabilire e l’esito delle verifiche delle agenzie tributarie è imprevedibile.

Costituzione di società negli USA

La Corporation viene costituita tramite un documento, il “Certificate of Incorporation” (equivalente per certi aspetti all’atto costitutivo previsto dal codice civile italiano). È sufficiente un singolo socio fondatore o “incorporator”. La società è legalmente esistente dal momento del deposito del Certificate of Incorporation presso la Segreteria di Stato dello Stato prescelto per la costituzione. La costituzione ha spesso effetto in tempi brevissimi (24/48 ore nello Stato del Delaware e New York, ad esempio).

Capitale sociale

Nel sistema societario statunitense non esiste l’obbligo di sottoscrivere e depositare un capitale minimo. In realtà, il capitale di una società ha una funzione più contabile che legale. Quando l’azionista di una società americana versa denaro sul conto di tale società o effettua il pagamento di spese per conto di quest’ultima, si potrà decidere se considerare tale denaro quale capitale oppure come un prestito alla società. La società deve avere un capitale autorizzato (corrispondente al numero massimo di azioni che la società è autorizzata ad emettere). Il capitale autorizzato può consistere anche in azioni senza valore nominale: ciò permette la massima flessibilità e per tale motivo in molti casi è la forma consigliabile.

Dato che non esiste una capitalizzazione minima, il socio di una società americana può decidere di volta in volta se un apporto sia in conto capitale o un prestito. Il rapporto tra capitale e prestiti in linea di massima non dovrebbe essere più di uno a cinque, cioè non più di cinque USD di prestito per ogni dollaro in capitale. Si tenga, tuttavia, presente che gli interessi derivanti da prestito sono soggetti ad una ritenuta il cui ammontare minimo è stabilito mensilmente per legge.

Vi sono due vantaggi nel qualificare un pagamento quale prestito anziché quale capitale. In primo luogo, nel momento in cui si volesse restituire il pagamento alla società straniera, la procedura per la riduzione del capitale sociale è più laboriosa rispetto alla restituzione di un prestito. In secondo luogo, la restituzione del debito offre la possibilità del pagamento di interessi che in alcuni casi può essere un fattore contabilmente rilevante.

Amministrazione

Il Consiglio di amministrazione stabilisce il prezzo che deve essere pagato per l’emissione delle azioni. Normalmente, quando esiste un solo azionista, tutte le azioni autorizzate vengono emesse a favore dell’azionista unico. Qualora si verificasse l’esigenza di emettere ulteriori azioni, si può sempre modificare il Certificate of Incorporation per permettere l’emissione di nuove azioni.

Appena costituita la società, il socio od i soci fondatori che subentrano al “incorporator”, sottoscrivono i verbali dell’assemblea di costituzione oppure semplicemente firmano un verbale in cui nominano il primo consiglio di amministrazione. Il consiglio d’amministrazione può essere composto da uno o più amministratori.

Gli amministratori detti “Director” possono agire solo come gruppo (a meno che non ci sia un Amministratore Unico, “Sole Director”) e comunque non esercitano funzioni esecutive o di gestione che sono rimesse ai funzionari/institori della società, cioè agli “Officer”. Un Officer può ricoprire contemporaneamente anche la carica di amministratore. Il consiglio di amministrazione (c.d. “Board of Directors”), tra le altre cose, elegge gli Officer, autorizza l’apertura di conti correnti bancari per la società, l’emissione di azioni e altre attività stabilite dalla legge. Gli Officer sono generalmente il presidente, il/i vicepresidente, tesoriere e segretario.

Le assemblee degli azionisti sono convocate annualmente per eleggere i Director e la votazione può essere effettuata a mezzo di procura.

In base alla legge statunitense, non è necessario che gli azionisti, gli amministratori o i funzionari di una società statunitense siano cittadini degli Stati Uniti o suoi residenti (al contempo il fatto di essere l’amministratore o funzionario di una società americana non dà automaticamente diritto ad un visto di entrata o alla residenza negli Stati Uniti). Da un punto di vista pratico, tuttavia, è difficile per non dire impossibile pensare di gestire una società commerciale statunitense senza che alcuni dei suoi Officer chiave siano fisicamente presenti negli Stati Uniti.

La Limited Liability Company

La LLC ha una struttura societaria per alcuni aspetti simile alla società a responsabilità limitata italiana. Invece di azioni vengono emesse quote (c.d. “Membership Interests”) ed esiste un solo livello di amministrazione (c.d. “Managers”) invece di due cioè Director ed Officer della Corporation.

Le modalità di costituzione di una LLC sono abbastanza simili a quelle previste per una Corporation. La LLC viene costituita mediante la sottoscrizione dell’atto costitutivo, il cui contenuto varia in base allo Stato di costituzione. L’atto costitutivo viene indicato come “Certificate of Formation” nel Delaware, mentre in altri Stati ci si riferisce agli “Articles of Organization.” La costituzione della LLC può essere eseguita da uno qualsiasi dei soci o un loro rappresentante, e la LLC può avere un socio unico che può, anche, essere nominato successivamente alla costituzione della società stessa. La LLC benché legalmente costituita dal momento del deposito dell’atto costitutivo presso il Segretario di Stato dello Stato prescelto per la costituzione, può operare solo quando abbia almeno un socio.

I soci di una LLC, come gli azionisti di una Corporation, sono responsabili per i debiti contratti dalla LLC entro il limite massimo costituito dal capitale dell’azienda, anche quando vi sia un socio unico.

La Limited Liability Company in Delaware

Per quanto concerne la costituzione di una LLC o di una Corporation, lo Stato del Delaware presenta il sistema giuridico societario e tributario più sofisticato ed evoluto e che consente la gestione più efficiente di tali società.

Negli ultimi anni, la “Delaware limited liability company” (LLC) è diventata la forma giuridica preferita degli imprenditori americani e di molte internazionali. Essa combina i principali vantaggi della “corporation” e della “partnership”. La caratteristica essenziale della “corporation” è la responsabilità limitata dei proprietari. Quella della “partnership” è la duttilità della gestione e la trasparenza fiscale della società e degli azionisti.

La LLC è governata da principi di libertà contrattuale piuttosto che da una normativa statale rigorosa. Secondo il “Delaware LLC Act”, quasi tutti gli aspetti della gestione e dell’organizzazione della società sono variabili e possono essere determinati da un accordo tra i soci. La legge contiene disposizioni tipo, ma esse si applicano soltanto in mancanza d’accordo specifico tra i soci o in caso di mancata applicazione di tale accordo.

Il principale (e forse l’unico) punto debole della LLC del Delaware sta nel fatto che essa può difficilmente trasformarsi in una società che fa pubblico appello al risparmio.

La “Corporation”, e la “Limited Liability Company”, in breve “LLC”, pur presentando notevoli similarità nella gestione e limitazione di responsabilità, hanno una sostanziale differenza nel trattamento fiscale. La LLC, infatti, è assimilata ad una Partnership, cioè ad una società di persone, che evitano una doppia tassazione per i soci.

Regime fiscale negli USA

Il regime fiscale degli Stati Uniti è imperniato sull’imposizione a livello federale, statale e locale. Alle imposte federali vanno quindi aggiunte le imposte statali e quelle di alcuni comuni quale, ad esempio, quello della città di New York.

Le imposte sul reddito “Federali” sono pagate da chiunque produca reddito nel Paese. La “Federal corporate income tax” varia dal 15% al 39% in base al totale degli utili generati, più una quota fissa che varia anch’essa in base al predetto totale. Le imposte sul reddito “Statali” invece differiscono da Stato a Stato, e quelle “locali” sono presenti solo in alcuni comuni.

In via generale, è assoggettata alla giurisdizione fiscale degli Stati Uniti ciascuna persona fisica o giuridica che produca, venda beni o servizi o che sia membro di una Partnership o Limited Liability Company. A livello statale l’imposizione fiscale sulle società varia notevolmente da Stato a Stato e quindi anche le eventuali agevolazioni per le imprese che intendono investire in un determinato Stato possono variare. L’imposta sui redditi d’impresa è generalmente calcolata come una percentuale degli utili ma può basarsi anche sul valore della proprietà e su altre forme di reddito generate dalla società. Si tenga presente, inoltre, che mentre il governo federale non applica alcuna imposta sulle vendite gli Stati ed in alcuni casi anche i comuni, esigono il pagamento di una tassa sulle vendite che hanno luogo nello Stato (c.d. “Sales Tax”).

Secondo quanto previsto dall’Internal Revenue Service (IRS) nel Treasury Regulation alle LLC è offerta, sostanzialmente, la possibilità di scelta (da comunicarsi all’IRS, l’Autorità fiscale statunitense) tra due diversi regimi di tassazione:

  • Quello previsto per le Corporations, che comporta un doppio livello di imposizione fiscale;
  • Quello di cui beneficiano, invece, le Parterships, in cui esiste un solo livello di tassazione.

 

Tassazione di Corporation e LLC

Una Corporation viene tassata direttamente sugli utili societari. Al momento della distribuzione ai soci, i soci americani sono tenuti a pagare le tasse a livello personale ed i soci stranieri sono soggetti a ritenuta alla fonte. L’ammontare della percentuale della ritenuta dipende inoltre da eventuali trattati come è il caso del trattato sulla doppia imposizione tra l’Italia e gli Stati Uniti. In base a tale trattato nell’ipotesi di distribuzioni di dividendi ad un socio italiano di una Corporation, viene applicata una ritenuta del 15%, percentuale che scende al 5% se la socia italiana detiene da oltre dodici mesi, più del 25% del capitale della società americana.

Una LLC attualmente non viene tassata direttamente ma lo sono invece i suoi membri sulla base degli utili della società. Si tenga presente che la legge prevede che gli utili vengano considerati come distribuiti ai membri, e che vi dovranno quindi pagare le relative tasse, anche in assenza di una effettiva loro distribuzione. Il membro straniero di una LLC, è quindi tenuto a presentare una dichiarazione dei redditi negli Stati Uniti, e sarà conseguentemente sottoposto alla giurisdizione delle autorità fiscali statunitensi, le quali autorità potrebbero richiedere di esaminare i libri contabili della società straniera. Questa è una conseguenza di rilievo è da tenere in considerazione. Nel caso in cui gli utili vengano distribuiti effettivamente ai membri, verrà applicata dalla società americana una ritenuta fiscale sugli utili stessi.

Di contro le perdite di una LLC che i soci statunitensi possono accumulare ed utilizzarle nel corso dei venti anni successivi all’anno di riferimento, non possono essere detratte dai soci stranieri sull’ammontare dovuto al fisco statunitense.

Tassazione della Limited Liability Company nel Delaware

Ciascun Stato impone imposte sul reddito delle società in misure divergenti: lo stato del Delaware impone una tassa annua, la “Corporate Franchise Tax,” sulle Corporations pagabili entro il primo marzo. Questa tassa varia in base alle azioni autorizzate all’emissione. La tassa minima è attualmente di $ 35 dollari; il massimale è di $165.000 dollari. Se la tassa da pagare supera USD. 5.000 dollari, sono previsti pagamenti trimestrali: 40% della tassa pagabile entro il primo giugno, 20% entro il primo settembre, 20% entro il primo dicembre ed il residuo pagabile entro il primo marzo. Tale tassa non viene applicata alla LLC.

Lo stato del Delaware richiede la registrazione annua di un rapporto societario, “Corporate Annual Report,” che indica generalmente l’indirizzo della società ed i nomi dei funzionari e degli amministratori della società. La tassa per la registrazione di questo rapporto è attualmente pari a $ 25 dollari. Tale tassa non viene applicata alla LLC, tuttavia la LLC deve pagare una tassa annua fissa di $ 200 allo Stato del Delaware.

Nel Delaware la tassazione dei redditi d’impresa si può così schematizzare:

  • Imposta sul reddito (Corporate Income Tax): 8,7% sul reddito netto;
  • Imposta di concessione o sulle società (Corporate Franchise Tax): minimo di $ 30 e max di $150.000 annui su titoli societari autorizzati o in alternativa su $ 200 per $1.000.000 di capitale supposto fino a $150.000 max. Imposte sulle licenze e imposta sulle entrate lorde: è minima ma per diverse aziende tra cui le manifatture è previsto il pagamento dell’imposta sulle entrate lorde; le manifatture pagano $ 75 annui più 0.18% sulle entrate lorde per tutti i beni prodotti in Delaware; fino a $1.000.000 di entrate lorde mensili non sono tassate;
  • Imposta fondiaria: le contee, i comuni ed i distretti scolastici sono finanziati in parte attraverso le entrate delle imposte immobiliari; i beni immobili sono soggetti alle imposte fondiarie della contea, del distretto scolastico, del distretto delle scuole professionali, e se localizzati entro un’area specifica, anche a quelle del comune. Non ci sono tasse a livello statale sui beni immobili o personali. L’imposta fondiaria totale dipende dal tasso dell’imposta stessa, dalla stima della proprietà e dalla valutazione del rapporto.

L’imposta sui redditi del Delaware colpisce le società in forza del privilegio di guadagnare o ricevere redditi nel Delaware. Tali società sono soggette a tassazione sulla base della presentazione di uno specifico modello.

Trasparenza fiscale

La LLC del Delaware può beneficiare, ai fini della Federal Income Tax, dell’applicazione del regime di trasparenza fiscale, con conseguente tassazione solamente in capo ai soci, e, se non svolge alcuna attività nel Delaware dell’esenzione da ogni altro tributo se non il pagamento dell’Annual Franchise Tax.

Un soggetto non residente negli USA può essere membro di una LLC, usufruendo quindi dei vantaggi in termini di limitazione della responsabilità e di agevolazioni fiscali che la LLC produce.

Una LLC offre il meglio di ogni possibile combinazione giuridica, giacché garantisce la responsabilità limitata delle Corporations, la tassazione come società di persone, nonché la possibilità dei soci di partecipare alla gestione sociale.

Le LLC, quindi, grazie al loro regime fiscale trasparente, permettono ai soci americani di una joint venture operante negli Stati Uniti di evitare la doppia imposizione sugli utili societari ed al contempo permettono a tutti i soci (siano essi americani che italiani) di non essere assoggettati alla responsabilità personale ed illimitata che normalmente è comminata ai soci delle società di persone.

Soggetto italiano della LLC

Per un soggetto italiano, i rapporti economici e finanziari generati dalla partecipazione ad una LLC rientrano nell’ambito applicativo della convenzione in vigore con gli Stati Uniti con particolare riguardo agli articoli 10 (dividendi), 11 (interessi) e 13 (utili di capitale).

Ai fini fiscali italiani, la partecipazione in una Limited Liability Company deve ritenersi quale una partecipazione in una società di capitali, con conseguente tassazione in capo al socio italiano solo all’atto della effettiva distribuzione dei dividendi, beneficiando inoltre (nella maggior parte dei casi) di una totale esenzione d’imposta ai fini dell’imposta regionale sulle attività produttive (Irap) e di una parziale, ma sostanziale, esenzione di imposta ai fini delle imposte sul reddito delle società (Ires);.

Ai fini fiscali americani, invece, la detenzione da parte del socio italiano di una quota in una LLC è da considerarsi come se il socio italiano conduca affari negli Stati Uniti per il tramite di una branch. Sebbene i profitti realizzati negli Stati Uniti da una branch ivi localizzata siano di regola soggetti ad una ritenuta a titolo di imposta del 30% (la c.d. branch profit tax), tale ritenuta non si applica nel caso di socio italiano, dato che il vigente trattato contro le doppie imposizioni tra l’Italia e gli Stati Uniti esonera i soci residenti in Italia da tale ritenuta.

Ovviamente, i redditi conseguiti negli Stati Uniti da una LLC che ivi conduca attivamente affari dovranno essere assoggettati ad imposizione negli Stati Uniti. Tuttavia, le LLC a regime fiscale trasparente non sono, di per sé, assoggettate ad imposta, la quale, proprio in virtù del regime fiscale trasparente, si trasmette ai soci. Pertanto, in tale caso, i soci italiani potranno assolvere il loro obbligo d’imposta o scegliendo di essere trattati come residenti americani ai soli fini della dichiarazione dei redditi conseguiti dalla LLC, oppure la stessa sarà tenuta a pagare in anticipo ogni trimestre i redditi stimati su base annua.

Conclusioni

Di conseguenza, il regime fiscale trasparente delle Limited Liability Companies e la diversa, anzi opposta, qualificazione ai fini fiscali operata dai due ordinamenti, può risultare vantaggiosa per eventuali soci italiani e rende questi enti dei veicoli societari particolarmente attraenti per la conduzione di joint ventures operanti negli Stati Uniti.

Riassumendo:

  1. Per i soci americani, il regime fiscale trasparente ottenibile ai fini fiscali americani evita la doppia imposizione sugli utili societari;
  2. Per i soci italiani, è possibile ottenere sia un significativo differimento di imposta (dato che in Italia gli utili della joint venture condotta tramite il meccanismo di una Limited Liabiliy Company non verranno sottoposti a tassazione se non quando distribuiti) e sia una parziale, ma significativa, esenzione ai fini Ires e totale ai fini Irap;
  3. Per i soci italiani, i redditi delle Limited Liability Companies non vengono, negli Stati Uniti, assoggettati a ritenuta alla fonte all’atto della distribuzione degli utili.

Convenienza per i soci italiani

I soci italiani di una LLC americana possono ottenere un differimento d’imposta in quanto, mentre ai fini fiscali italiani i redditi non si considerano realizzati sino a quando non vengono percepiti, ai fini fiscali americani, in virtù del regime di trasparenza, sono attribuiti immediatamente ai soci esteri.

I redditi di una LLC del Delaware percepiti da un socio italiano possono infine godere, in quanto provenienti da un soggetto non residente, di una esenzione del 95% ai fini Ires ai sensi dell’articolo 89 del DPR n. 917/86 e del 100% ai fini Irap.

Infatti, per quanto riguarda gli utili distribuiti da società non residenti diverse da quelle aventi un regime fiscale privilegiato, la mancata previsione di condizioni più restrittive di quelle applicabili ai dividendi di provenienza domestica permette di realizzare l’equiparazione con il trattamento impositivo degli utili distribuiti da società residenti. In attuazione delle disposizioni ora richiamate, l’articolo 89, comma 2, del DPR n. 917/86 prevede che gli utili distribuiti da società ed enti residenti soggetti all’Ires di cui all’articolo 73, comma 1, lett. a) e b), del DPR n. 917/86 siano esclusi dal concorso alla formazione del reddito imponibile della società ricevente per il 95% del loro ammontare.

Per quanto riguarda le società non residenti è richiamato l’articolo 73, comma 1, lettera d) del DPR n. 917/86 che comprende le società di ogni tipo, con o senza personalità giuridica, comprese, per effetto dell’ultimo periodo del comma 2 dello stesso articolo 73, le società e le associazioni di cui all’articolo 5 del DPR n. 917/86.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condivisioni