Business Online: guida alla creazione

Come si crea un business online di successo? In questa guida, completa, troverai tutti i miei consigli, frutto di anni di consulenza ad imprenditori.

Creare un business online

Questa è la domanda che mi viene posta ogni giorno da tantissimi nuovi aspiranti imprenditori. Non solo, tantissimi imprenditori che stanno già operando molto spesso non sanno se stanno procedendo per il meglio o meno.

Per questo motivo ho deciso di realizzare una guida alla creazione ed alla gestione di un business online. Questa sezione raccoglie organicamente i migliori articoli di Fiscomania.com dedicati a questo argomento.

Che tu sia un libero professionista o che tu voglia avviare un sito di E-commerce, in questa sezione troverai tutti i migliori articoli pubblicati. Li ho ordinati per sezione in relazione al riscontro avuto con i miei lettori. 

Questi articoli sono frutto della mia esperienza quotidiana in materia legata alla gestione di Professionisti ed Imprenditori da un punto di vista fiscale. 

Gli articoli che troverai sono tutti datati ed aggiornati costantemente. In questo modo potrai sempre avere sicurezza della loro attendibilità, rilevanza ed inerenza con l’argomento trattato.

La prima parte della guida è di carattere prettamente economico e di marketing, mentre la seconda parte è dedicata agli argomenti fiscali.

Se non riesci a trovare l’argomento che ti interessa ho inserito qui sotto un pratico modulo di ricerca.

LA NASCITA DI UN IDEA DI BUSINESS

In questa prima parte della guida mi voglio concentrare sugli aspetti che portano alla nascita di una idea per un Business Online.

Si tratta di aspetti che vanno dal marketing all’economia aziendale passando da aspetti psicologici e comportamentali.

Non è mia intenzione trattare esaustivamente questi argomenti, non è la mia materia, ma voglio parlartene perché sono fondamentali per la nascita di ogni tipo di business.

Come ho detto in premessa le informazioni che troverai qui sono soltanto frutto della mia esperienza personale sul campo.

Usa queste informazioni per approfondirle e aumentare le tue conoscenze su questo argomento.

Il Mindset di un Imprenditore di successo

Mindset

Inutile partire da altri aspetti, per diventare un imprenditore la prima cosa da fare è impostare il giusto Mindset.

Ma, che cosa significa essere oggi un’imprenditore digitale?

Un’imprenditore digitale, a mio avviso, è colui che è in grado di vedere un tesoro, dove gli altri non vedono niente.

So che può sembrarti banale ma dalla esperienza di consulente, ho visto passare dal mio studio professionale davvero tanti imprenditori (o aspiranti tali).

Posso dirti che è riuscito ad avere successo soltanto chi ha creduto davvero nel suo progetto (a discapito di tutto e tutti), applicando la pratica ad un suo sistema di credenze.

Per capire cosa voglio dire è necessario dare una definizione al mindset.

Che cos’è il Mindset di un imprenditore?

Il Mindset non è altro che il sistema di credenze e di valori che un soggetto si coltiva nel corso del tempo.

Il Mindset non riguarda solo il mondo imprenditoriale o professionale, ma ad esempio anche il mondo dello sport agonistico.

Allenare la propria mente con un sistema di credenze corretto, può fare la differenza.

“Ho un’idea di successo, ma c’è troppa concorrenza non riuscirò mai a realizzarla”

“Ci sono tanti imprenditori che prima di me hanno fallito, vale la pena rischiare?!”

Queste sono due frasi che ho sentito dire a dei potenziali clienti (che naturalmente non sono diventali tali), quando ho posto loro una semplice domanda. “Quali sono gli aspetti critici del tuo modello di business”?

Vuoi sapere, invece, quali sono state risposte di clienti che sto seguendo. Vediamole:

“Monitoro costantemente il mercato, perché voglio anticipare quello che potrebbero inventarsi i concorrenti”

“Mi preoccupa l’investimento che devo fare, ma so che è necessario al mio business, e rischiare significa anche poter avere successo”

Pensa a queste due modalità diverse di rispondere e confrontale con quelle precedenti. Noti qualcosa di diverso?

Esatto, l’approccio mentale alla questione.

Non posso insegnarti il mindset, non è il mio mestiere, ma quello che posso dirti è che il tuo sistema di credenze dipende dalla conoscenza si se stessi.

Tutto dipende dalla tua capacità di tramutare in atti pratici i tuoi pensieri.

Senza questo presupposto, tutto quello che ti indicherò di seguito non ha alcun senso.

L’idea di business

Mindset

Il punto di partenza, operativo del tuo business, è la concretizzazione della tua idea.

Trovare l’idea di business da sviluppare è il primo passo per diventare imprenditore. Ma come si trova un’idea di successo?

Non è semplice, se leggi online, tutti dicono che è facilissimo, ma se così fosse in giro ci sarebbero molti più imprenditori.

La realtà è che le cose semplici non esistono.

Trovare un’idea di business vincente significa, come ti accennavo vedere qualcosa dove gli altri non hanno visto niente.

Pensa a Jeff Bezos, quando è partito con la sua idea di business, non aveva idea di quello che sarebbe diventata la sua azienda oggi, ma è riuscito a vedere più lontano degli altri, prima degli altri.

Il consiglio che posso darti è quello di leggere il passato. So che anche questo consiglio può sembrarti banale, ma leggere significa apprendere le nozioni che altri imprenditori di successo hanno avuto prima di te.

Leggere la storia di questi imprenditori può aiutarti ad allenare il tuo mindset, a capire come hanno operato e quali errori hanno commesso.

Tutto questo ti aiuterà a capire come muoverti.

L’importanza dell’esperienza nelle idee di business

Sento dire molto spesso che un business nasce da una propria passione.

Non sono molto d’accordo, perché se sono appassionato di qualcosa, non è detto che quello diventerà per me un business di successo. Se ad esempio sono appassionato di animali, potrò diventare un bravo veterinario, ma non è detto che quel mestiere sia davvero un “business di successo”.

Quello a cui credo, invece, è che si debba partire dagli argomenti che ci appassionano e che si conoscono meglio per trovare la propria idea di business.

Tutto parte dalla conoscenza di un prodotto o di un processo, oppure dallo sviluppo di un prodotto nuovo. Si parte sempre da quello che meglio si conosce e si cerca da li trovare qualcosa di nuovo o qualcosa che potrebbe funzionare meglio.

Idea imprenditoriale e soddisfazione di un bisogno

Apri gli occhi e datti da fare per capire quali potrebbero essere le necessità della gente e le possibili soluzioni ai loro problemi.

Come potresti migliorare la vita altrui?

A quale prodotto o servizio potresti dare vita per avviare la tua attività online e creare il tuo business?

Una nuova idea deve nascere sempre dalla soddisfazione di un bisogno.

Se non esiste una nicchia di mercato che ha manifestato l’esigenza di un bisogno, la tua idea di business deve essere rivista.

Un business online è sempre basato su un mercato di riferimento. Se non c’è mercato non c’è business.

Ho visto tante idee naufragare perché non supportate da dei test.

Anche senza fare niente di complicato, una volta che hai una idea interessante testala su amici e parenti, per sapere cosa ne pensano e se acquisterebbero. Fai la stessa cosa contattando persone estere oppure su forum online dedicati a quell’argomento.

Senza una riprova esterna è troppo rischioso proseguire con quello che vedrai di seguito in questa guida.

Ogni volta che mi vengono le migliori idee, divento super entusiasta. Ne parlo con la gente, probabilmente capita la stessa cosa anche a te, sfruttala!

Dall’idea di business al piano

Una volta che l’idea di business è concreta devi pensare a farla diventare un vero e proprio piano. Cosa significa questo?

In pratica devi passare dalle idee ai numeri.

Con l’aiuto di un esperto dovrai realizzare un business plan. Si tratta di una simulazione numerica in grado di farti capire l’andamento economico e finanziario del tuo business.

L’obiettivo è quello di verificare la fattibilità della tua idea da un punto di vista economico, ma soprattutto finanziario.

Non voglio sottolineare ulteriormente quanto questa fase sia importante. Attraverso il business plan puoi capire gli indicatori chiave delle tue performance.

Molti pensano che il Business Plan non serva a niente, a meno che tu non voglia creare una multinazionale. Attraverso il Business Plan ho aiutato molti imprenditori a rivedere i loro modelli di business. Senza i numeri un progetto non prende vita nel modo giusto.

Non devi pianificare a lungo, e sufficiente programmare e aggiornale il piano rendendolo il più flessibile possibile alle tue esigenze.

Se sei un E-commerce e lavori in dropshipping, ad esempio, puoi essere in grado di stabilire quante vendite devi realizzare per raggiungere il tuo punto di equilibro. Ovvero il punto in cui i ricavi eguagliano i costi. Il punto in cui le vendite successive portano soltanto profitti.

Ho affrontato questo tema in questo contributo dedicato alla pianificazione strategica con il Business Plan:

Pianificazione Strategica: Business Plan per Start Up

Non fare il passo più lungo della gamba

Quello che sto per dirti adesso è un consiglio prezioso frutto della mia esperienza.

Le persone cercano di creare un Business Online e di lanciarlo nel modo più grandioso possibile.

Questo è estremamente sbagliato.

Parti più in piccolo che puoi, magari facendo provare il tuo prodotto o servizio ai tuoi amici e alla tua famiglia. Dopodiché fallo testare a poche altre persone.

Ricordati sempre che la miglior pubblicità è il passaparola e la soddisfazione dei tuoi clienti.

La cosa migliore è puoi fare è ragionare in piccolo. Prendi un obiettivo ambizioso, raggiungere un certo fatturato, o certo numero di visitatori, e scomponilo in parti più piccole.

Fare questo ti aiuterà a non perdere la bussola e realizzare piccoli ma costanti obiettivi di aiuterà ad arrivare a traguardi sempre più grandi.


ASPETTI FISCALI DI UN BUSINESS ONLINE

La seconda parte di questa guida è dedicata alla gestione fiscale di un Business Online.

In questa parte scoprirai come gestire fiscalmente un Business, ma attenzione, per verificare quanto troverai scritto avrai bisogno di un consulente in grado di affiancarti.

Per questo avrai bisogno di un esperto in fiscalità e gestione di attività online.

Business Online senza Partita IVA: è possibile?

Partita IVA

La gestione di un Business Online senza Partita IVA è praticamente impossibile.

Non voglio spegnere sul nascere le tue idee di operare “non professionalmente“, ma senza una regolamentazione difficilmente potrai crescere con il business nel modo corretto.

Sul punto voglio proporti un articolo dedicato alla Prestazione Occasionale. La prestazione occasionale regolamenta una attività “non abituale“, “non professionale” e “non diretta da altri“.

Questo significa che se l’attività online che svolgi si ripete nel tempo, effettui più vendite o consulenze, allora la prestazione occasionale non può fare al caso tuo.

Quindi, quando puoi utilizzare la prestazione occasionale?

Ad oggi le possibilità sono davvero limitate.

La prestazione occasionale oggi può essere applicata solo per attività di vendita “occasionali“, quindi che non si ripetono nel tempo.

Comunque, se sei interessato a questa normativa, questi sogno gli articoli che ho dedicato all’argomento:

Quello che spero tu abbia capito da questi articoli è che la prestazione occasionale può aiutarti solo nella fase iniziale, ma che non può essere una soluzione a lungo termine.

Nel lungo termine hai sicuramente bisogno di operare con Partita IVA.

Avvio di un Business: Partita IVA e Regimi Fiscali

Quello che ho cercato di spiegarti fino ad ora è che ci sono una serie di elementi diversi da prendere in considerazione per Aprire Partita IVA.

Non in tutte le attività economiche la partita IVA si apre nello stesso momento. Ogni attività esercitata ha delle sue caratteristiche proprie.

Gli elementi da prendere sempre in considerazione per capire se e quando devi Aprire Partita IVA sono:

  • La continuità e l’abitualità dell’esercizio dell’attività;
  • La professionalità, e l’esercizio in forma organizzata dell’attività.

Quando si è in presenza di questi requisiti si è obbligati ad Aprire Partita IVA.

L’apertura della Partita IVA con questi requisiti si rende necessaria anche se l’attività di per se non ha prodotto alcun ricavo. L’aspetto che conta ai fini fiscali e la propensione del soggetto ad esercitare un’attività idonea a produrre reddito. Anche se, magari, per il momento il reddito non è stato generato.

Tuttavia l’Agenzia delle Entrate ha chiarito che con il termine abituale deve intendersi un’attività che si ripete nel tempo costantemente nel tempo e che necessita dell’impegno intellettuale o materiale per essere svolta.

E’ considerata abituale anche la predisposizione dei mezzi necessari a svolgere quest’attività.

Come ad esempio la pubblicità su riviste od online o ancora l’iscrizione a portali legati a trovare incarichi online. Come il caso del famoso portale di incarichi per Freelance, Upwork o altri simili.

Ti faccio ancora qualche esempio.

ATTIVITÀ ABITUALE: ESEMPI

Un soggetto che effettua una consulenza informatica ad giornaliera un cliente al mese per 12 mesi, pur avendo lavorato per 12 giorni all’anno, è tenuto ad Aprire Partita IVA.

Questo in quanto la prestazione è continuativa nel tempo, quindi abituale. A prescindere dal compenso percepito.

Lo stesso soggetto che ha inserito la propria candidatura su portali online per la ricerca di incarichi, deve Aprire Partita IVA. Questo perché la sola predisposizione ad esercitare un’attività professionale in modo continuativo rende quell’attività abituale.

Se ci pensi bene questa attività è paragonabile a quella di un altro professionista, poniamo un avvocato. Soggetto che non ha ancora clienti, ma che ha aperto uno studio, e sta aspettando i suoi primi incarichi.

Anche in questo caso vi è obbligo di operare con Partita IVA.

Questo è l’articolo che ho redatto sull’argomento, in cui puoi ritrovare tutte le informazioni del caso.

Aprire Partita IVA: guida definitiva a tutte le casistiche

Casistiche particolari legate all’apertura della Partita IVA

Categorie Professionali: come gestire fiscalmente l’attività

Fatturazione Elettronica per le attività online

Avviare e Gestire un E-commerce: adempimenti fiscali​