Casi di esonero dalla dichiarazione dei redditi

Casi di esonero dalla dichiarazione dei redditi 2019

 
Condivisioni

Vuoi sapere se sei esentato dalla presentazione della tua dichiarazione dei redditi? Vuoi sapere quali sono i soggetti obbligati alla presentazione della dichiarazione dei redditi 2019? Oppure quali sono i casi di esonero dalla presentazione del modello 730 o del modello “Redditi” P.F.? In quali casi è conveniente presentare comunque la dichiarazione?

In questo post vedremo assieme i 15 principali casi di esonero dalla dichiarazione dei redditi.

Parleremo di esoneri oggettivi e di esoneri legati a limiti di reddito. Ma anche di vantaggi e svantaggi legati alla presentazione della dichiarazione dei redditi.

Come ogni anno, con l’avvicinarsi del mese di maggio si avvicina il tempo della predisposizione della dichiarazione dei redditi.

Tuttavia, ricorda che non tutti i contribuenti sono tenuti a presentare alle Entrate il proprio modello dichiarativo.

Se stai leggendo questo articolo molto probabilmente hai dei dubbi sulla tua dichiarazione dei redditi. Molto probabilmente hai ricevuto lo scorso anno dei redditi ma non sai se sei obbligato o meno alla presentazione della dichiarazione.

Sicuramente poter evitare di presentare la dichiarazione ti fa risparmiare tempo e denaro.

Ma attenzione! Non sempre si è esonerati dalla dichiarazione. Addirittura, in alcuni casi è importante presentare la dichiarazione per far sorgere dei crediti di imposta, che potrai sfruttare negli anni successivi. Attraverso la riduzione delle imposte da versare.

Non troverai in giro molti articoli che parlano di questi aspetti, quindi, abbi pazienza e leggi quello che sto per dirti fino in fondo. Se non avrò risolto tutti i tuoi avrai il tuo spazio per domande nei commenti.

Importanza della valutazione iniziale sulla tua situazione sull’esonero da 730 e modello redditi PF

Nel mio Studio professionale, ogni anno, ricevo moltissime domande da parte di persone che si credono esonerate dalla dichiarazione, ma in realtà non lo sono.

Per questo motivo ho deciso di creare questo articolo per riepilogare e riassumere i 15 principali casi di esonero dalla dichiarazione dei redditi.

Tuttavia, tieni conto che comunque, ti consiglio di parlare della tua situazione personale al commercialista che ti segue.

Se non ne hai uno di riferimento, sotto all’articolo trovi le risposte che ho fornito in precedenza ad altri lettori. Magari possono esserti utili. In caso contrario, se vuoi contattami in privato.

Attraverso la lettura di questo articolo scoprirai se anche tu rientri in uno dei casi di esonero dalla presentazione della dichiarazione dei redditi.

Non perdere altro tempo, se hai dei dubbi, ti aiuterò a risolverli.

Buona lettura!

Soggetti obbligati alla dichiarazione dei redditi

Vuoi evitare di presentare la dichiarazione per risparmiare tempo e denaro. Concordo con te!

Per vedere se puoi farlo vediamo chi sono i soggetti obbligati sempre a presentare ogni anno la dichiarazione. Dichiarazione che poi si concretizzerà nel “Modello 730” e del “Modello Redditi Persone Fisiche“.

In particolare, sono sempre obbligati a presentare la dichiarazione dei redditi:

  • I contribuenti che hanno conseguito redditi nell’anno oggetto di dichiarazione e non rientrano nei casi di esonero (descritti di seguito);
  • I contribuenti obbligati alla tenuta delle scritture contabili. Si fa riferimento ai soggetti titolari di Partita IVA. Costoro sono sempre obbligati alla dichiarazione annuale. Anche nel caso in cui non abbiano conseguito alcun reddito.

Quindi, se non sei un soggetto titolare di partita Iva, non ti resta che verificare i casi di esonero che ti elenco di seguito.

L’obbligo di presentazione della dichiarazione ha regole diverse a seconda della tipologia di reddito percepita.

In particolare, se sei lavoratore dipendente o se hai percepito altre tipologie reddituali.

Partiamo dai lavoratori dipendenti!

Lavoratori dipendenti

Più datori di lavoro nell’anno

I lavoratori dipendenti che hanno cambiato datore di lavoro e sono in possesso di più certificazioni di lavoro dipendente o assimilati (Certificazione Unica), sono obbligati a presentare la dichiarazione dei redditi.

Questo nel caso in cui l’imposta corrispondente al reddito complessivo superi di oltre € 10,33 il totale delle ritenute subite.

L’unica via d’uscita è quella di aver chiesto, al momento del cambio di datore di lavoro, al subentrante di effettuare il conguaglio con le ritenute applicate dal primo datore.

Se sei in questa fattispecie e non hai chiesto il conguaglio, non c’è altra strada che presentare la dichiarazione dei redditi.

Integrazioni salariali

I lavoratori dipendenti che direttamente dall’INPS o da altri Enti hanno percepito indennità e somme a titolo di integrazione salariale o ad altro titolo, sono obbligati a presentare la dichiarazione.

Classico caso è il contribuente che percepisce la NASPI.

Attenzione!

L’obbligo di presentare la dichiarazione c’è soltanto se erroneamente non sono state effettuate le ritenute. Oppure se non ricorrono le condizioni di esonero che ti indicherò di seguito.

Deduzioni/detrazioni non spettanti

I lavoratori dipendenti a cui il sostituto d’imposta ha riconosciuto deduzioni dal reddito e/o detrazioni d’imposta non spettanti in tutto o in parte (anche se in possesso di una sola Certificazione Unica).

Anche in questo caso la dichiarazione dei redditi è obbligatoria.

Retribuzione da privati

I lavoratori dipendenti che hanno percepito retribuzioni e/o redditi da privati non obbligati per legge ad effettuare ritenute d’acconto. Anche in questo caso vi è l’obbligo di dichiarazione.

Classico caso è quello dei collaboratori familiari. Oppure gli autisti ed anche tutti i soggetti addetti alla cura della casa.

Contributo di solidarietà non trattenuto

I lavoratori dipendenti ai quali il sostituto d’imposta non ha trattenuto il contributo di solidarietà. Articolo 2, comma 2, DL n 138/2011.

In questo caso il contributo di solidarietà deve essere versato tramite dichiarazione dei redditi.

Erronea applicazione di ritenute

I lavoratori dipendenti e/o percettori di redditi a questi assimilati ai quali non sono state trattenute o non sono state trattenute nella misura dovuta le addizionali comunale e regionale all’Irpef.

In tal caso l’obbligo sussiste solo se l’importo dovuto per ciascuna addizionale supera € 10,33.

Altre categorie di lavoratori

Redditi soggetti a tassazione separata

I contribuenti che hanno conseguito redditi sui quali l’imposta si applica separatamente.

Ad esclusione di quelli che non devono essere indicati nella dichiarazione – come le indennità di fine rapporto ed equipollenti, gli emolumenti arretrati, le indennità per la cessazione dei rapporti di collaborazione coordinata e continuativa, anche se percepiti in qualità di eredi.

Questo quando i redditi sono erogati da soggetti che hanno l’obbligo di effettuare le ritenute alla fonte.

Redditi di capitale

I contribuenti che hanno conseguito plusvalenze (cessione di partecipazioni qualificate) e redditi di capitale (ed es. interessi da titoli obbligazionari esteri) da assoggettare ad imposta sostitutiva da indicare nei quadri RT e RM del modello Redditi.

Questo nel caso in cui il contribuente abbia scelto per la tassazione con il regime della dichiarazione. Oppure, nel caso in cui i redditi di capitale siano percepiti attraverso un intermediario finanziario estero.

Casi di esonero dalla dichiarazione dei redditi

Se stai proseguendo la lettura significa che non sei tra i soggetti sopra descritti che si trovano in obbligo di presentare la dichiarazione.

Quello che devi fare adesso è verificare, invece, di rientrare in una di queste casistiche di esonero.

In particolare, ricorda che è esonerato dalla presentazione della dichiarazione il contribuente che possiede esclusivamente i redditi indicati. Ma soltanto se si sono verificate le condizioni sotto descritte.

  1. Abitazione principale, relative pertinenze e altri fabbricati non locati (l’esonero non si applica se l’immobile è situato nello stesso comune dell’abitazione principale). La Legge n. 147/2013 ha stabilito che gli immobili non locati situati nello stesso comune dell’abitazione principale (che pagano l’Imu), concorrono alla formazione della base imponibile Irpef e delle relative addizionali nella misura del 50%;
  2. Lavoro dipendente o pensione;
  3. Lavoro dipendente o pensione + Abitazione principale, relative pertinenze e altri fabbricati non locati (l’esonero non si applica se l’immobile è situato nello stesso comune dell’abitazione principale);
  4. Rapporti di collaborazione coordinata e continuativa compresi i lavori a progetto. Sono escluse le collaborazioni di carattere amministrativo gestionale di natura non professionale rese in favore di società e associazioni sportive dilettantistiche;
  5. Redditi esenti. Esempi: rendite erogate dall’Inail per invalidità permanente o per morte, alcune borse di studio, pensioni di guerra, pensioni privilegiate ordinarie corrisposte ai militari di leva, indennità, comprese le indennità di accompagnamento e assegni erogati dal Ministero dell’Interno ai ciechi civili, ai sordi e agli invalidi civili, sussidi a favore degli hanseniani, pensioni sociali;
  6. Redditi soggetti ad imposta sostitutiva. Esempi: interessi sui BOT o sugli altri titoli del debito pubblico;
  7. Redditi soggetti a ritenuta alla fonte a titolo di imposta. Esempi: interessi sui conti correnti bancari o postali; redditi derivanti da lavori socialmente utili.

Precisazioni

Relativamente ai punti 2 – 3 – 4 devono essere verificate le seguenti condizioni:

  • Redditi corrisposti da un unico sostituto d’imposta obbligato ad effettuare le ritenute di acconto o corrisposti da più sostituti. Purché certificati dall’ultimo che ha effettuato il conguaglio;
  • Le detrazioni per coniuge e familiari a carico sono spettanti e non sono dovute le addizionali regionale e comunale.

Casi di esonero per limiti di reddito

Se non rientri nelle casistiche viste sopra di esonero, per te c’è ancora un’ultima possibilità di esonero.

Si tratta dell’esonero dalla dichiarazione per limite di reddito.

In alternativa alle condizioni sopra elencate, infatti, sono altresì esonerati dalla presentazione della dichiarazione dei redditi (modello 730 o modello Redditi) i contribuenti che possiedono esclusivamente i redditi sotto indicati. Rispettando i limiti di reddito previsti per ogni tipologia reddituale.

  • Terreni e/o fabbricati (compresa l’abitazione principale e le sue pertinenze)  < €. 500;
  • Lavoro dipendente o assimilato + altre tipologie di reddito < €. 8.000, con un periodo di lavoro  o pensione non inferiore a 365 giorni;
  • Pensione + altre tipologie di reddito < €. 7.500;
  • Pensione + terreni < €. 7.500 (pensione), < €. 185,92 (terreni);
  • Pensione + altre tipologie di reddito < €. 7.750;
  • Assegno periodico corrisposto dal coniuge + altre tipologie di reddito. È escluso l’assegno periodico destinato al mantenimento dei figli < €. 7.500;
  • Redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente e altri redditi per i quali la detrazione prevista non è rapportata al periodo di lavoro (ad esempio le prestazioni di lavoro autonomo occasionale, o redditi derivanti dallo sfruttamento di diritti d’autore) < €. 4.800;
  • Compensi derivanti da attività sportive dilettantistiche < €. 28.158,28.

Condizione Generale di Esonero

Infine, vi è l’ultimo, tra i casi di esonero dalla presentazione della dichiarazione dei redditi.

Sono esonerati dalla presentazione della dichiarazione dei redditi anche i contribuenti, non obbligati alla tenuta delle scritture contabili. Tali contribuenti sono esonerati se nell’anno di imposta hanno percepito redditi per i quali è dovuta un’imposta (Irpef) non superiore alla soglia minima di €. 10,33.

Il calcolo da fare, in particolare, è il seguente:

“imposta lorda – detrazioni per carichi di famiglia – detrazioni per redditi di lavoro dipendente, pensione e/o altri redditi –ritenute fiscali subite nell’anno”

In questo caso, se il risultato del calcolo è inferiore alla soglia di € 10,33, non vi sono imposte da versare.

Quindi, di conseguenza, e si è esonerati dalla presentazione della dichiarazione dei redditi.

Questo senza incorrere in sanzioni o penalità.

Presentare la dichiarazione se si è esonerati è conveniente?

In alcuni casi può capitare che si sia in uno dei casi di esonero dalla presentazione della dichiarazione.

Magari perché si è percepito nell’anno soltanto redditi da lavoro dipendente.

A prima vista non presentare la dichiarazione sembrerebbe la scelta migliore. Ma attenzione!

Bisogna sempre verificare che l’anno precedente la dichiarazione non si sia chiusa con un credito che non è stato chiesto a rimborso.

In questo caso presentare la dichiarazione per riportare avanti il credito e chiederlo a rimborso è sicuramente la scelta migliore da fare. Altrimenti il recupero del credito può diventare difficoltoso.

Se hai dubbi su questi aspetti, contattami!

Casi di esonero

Casi di esonero dalla dichiarazione dei redditi: consulenza fiscale

Consulenza

Capire se si è esonerati o meno dall’obbligo di presentare la dichiarazione dei redditi non è semplice.

Spesso si percepiscono diversi redditi appartenenti a categorie diverse (redditi fondiari e di lavoro dipendente, o ancora interessi, plusvalenze e dividendi), e spesso si tende a fare confusione. I casi di esonero sono molti e la possibilità di errore sono notevoli, se non si è esperti.

O ancora peggio  si tende erroneamente a voler fare da soli. Cosa che molto spesso porta a commettere spiacevoli errori.

Errori che poi inevitabilmente diventeranno oggetto di sanzione da parte dell’Agenzia delle Entrate.

Se anche tu ti trovi in questa situazione e vuoi avere maggiori informazioni, contattami!

Oppure, se vuoi scoprire se anche tu puoi essere esonerato dalla presentazione della dichiarazione dei redditi, potrai ricevere la mia consulenza.

About Federico Migliorini

Dottore Commercialista, Tax Advisor, Revisore Legale. Aiuto imprenditori e professionisti nella pianificazione fiscale. La Fiscalità internazionale le convenzioni internazionali e l'internazionalizzazione di impresa sono la mia quotidianità. Continuo a studiare perché nella vita non si finisce mai di imparare. Se hai un dubbio o una questione da risolvere, contattami, troverò le risposte. Richiedi una consulenza personalizzata con me.

Check Also

Spese universitarie detraibili

Spese Universitarie Detraibili: guida alle agevolazioni fiscali

Gli Argomenti del Post1 SPESE UNIVERSITARIE DETRAIBILI: LE RETTE UNIVERSITARIE1.0.1 SITUAZIONI PARTICOLARI ISTITUTI PRIVATI O …

Università Private ed Estere

Università non statali ed estere: limiti alla detrazione IRPEF

Gli Argomenti del Post1 UNIVERSITÀ PRIVATE CON DETRAZIONE PARI ALLE UNIVERSITÀ PUBBLICHE1.1 DISCIPLINA PREVIGENTE SULLA …

Impresa Familiare

Impresa familiare: aspetti civilistici e fiscali

Gli Argomenti del Post1 Impresa Familiare: definizione e costituzione 1.1 I diritti economici dei collaboratori dell’impresa …

Acconto IVA

Acconto Iva: guida a calcolo e versamento

Gli Argomenti del Post1 Cos’è l’acconto Iva?2 Soggetti tenuti al versamento dell’acconto dell’Imposta sul Valore …

Fattura Elettronica Omessa

Fattura Elettronica Omessa: le sanzioni

Gli Argomenti del Post1 FATTURA ELETTRONICA OMESSA O INESISTENTE: SANZIONI2 FATTURA ELETTRONICA OMESSA: SANZIONI PER …

Regime Forfettario

Regime Forfettario 2019: guida ai requisiti di accesso

Gli Argomenti del Post1 REGIME FORFETTARIO E PRECEDENTI REGIMI AGEVOLATI AI FINI IVA1.1 APPLICAZIONE DEL …

894 comments

  1. Se si è pagata l’Imu non si c’è reddito imponibile Irpef sull’immobile.

     
  2. Salve,
    grazie per le informazioni molto esaustive presenti sul sito.
    Sono una neolaureata che si sta approcciando per la prima volta al mondo del lavoro ed avrei bisogno di alcuni chiarimenti.
    Nell’anno 2018 ho ricevuto/riceverò:
    1.125€ per collaborazione part-time universitaria (cosiddette “150 ore”) esente da imposte
    1.200€ lordi di borsa di studio (fondi del Ministero)
    3.500€ lordi per lavoro autonomo occasionale

    Nonostante sia sotto la soglia dei 4.800 per la presentazione della dichiarazione per quanto riguarda il lavoro occasionale, sarò tenuta a farla per via dei redditi separati delle borse di studio? Può convenirmi per recuperare le ritenute?

    Se dovessi aggiungere a questi redditi un tirocinio formativo con indennità di circa 1.500/2.000 € la mia posizione cambierebbe?

    Grazie mille.

     
  3. A mio avviso in ogni caso le conviene presentare la dichiarazione dei redditi. Potrebbe avere comunque delle ritenute fiscali che potrebbero trasformarsi in credito di imposta.

     
  4. Buongiorno, grazie per l’articolo molto esaustivo.
    Dunque lavoro in palestra come istruttore di sala pesi e nell’anno 2017 ho percepito una remunerazione inferiore ai 7.500€, la mia domanda è molto semplice posso presentare il 730 o il modello Unico, anche se non obbligatorio, per poter scaricare gli interessi passivi del mutuo???
    Grazie in anticipo

     
  5. In assenza di altri redditi non vi è obbligo di presentare la dichiarazione.

     
  6. Salve vorrei un’informazione. Mio marito svolge lavoro come dipendente e il suo reddito lordo nel cud 2017 è di 9982,7, alla voce totale detrazione e crediti è segnato 2295,88 (imposta lorda)-detrazioni carico famiglia 1576,95-detrazione per lavoro dipendente e assiimilati 1790,52-totale detrazioni 2295,88. Abitiamo in una casa di proprietà(prima casa), inoltre mio marito possiede una quota di un immobile non affittato (20%)sito nello stesso comune dove abitiamo. Al CAF ci hanno detto che mio marito non è obbligato a presentare la dichiarazione dei redditi, quindi non l’abbiamo presentata, ma leggendo la normativa ho dei dubbi. Mi sono allarmata. Chiedo a lei maggiori chiarimenti.Grazie

     
  7. Da queste informazioni c’è obbligo di presentare la dichiarazione. La conferma si ha simulando la dichiarazione e verificando se esce un imposta a debito o meno.

     
  8. Lucrezia Borges

    Salve, vivo all’estero e sono iscritta all’Aire, da tanti anni non avendo redditi lavorativi non ho l’obbligo di fare una dichiarazione di redditi nel paese di residenza. Tuttavia ho percepito delle somme per aver affittato una camera in Italia. Soppravivo nel paese in cui risiedo grazie a un vitalizio locale che è erogato come un prestito (cioè sono tenuta a renderlo allo stato in cui vivo se per esempio torno a miglior vita). Mi è stato detto che dovrei fare una dichiarazione dei redditi in Italia per quelle modeste somme percepite tramite l’affitto di una stanza. Vorrei sapere se è possibile chiedere o considerarmi esonarata visto che non ho un reddito vero e proprio e che ho difficoltà a soppravvivere. La ringrazio anticipatamente per l’eventuale risposta poiché si tratta letteralmente di un caso di vita o di morte.

     
  9. Se percepisce redditi fondiari in Italia lei è obbligata a presentare la dichiarazione. Questo in ogni caso e non possono esserci esenzioni. Potrà poi utilizzare le imposte pagate in Italia per ottenere un vantaggio fiscale nel suo Paese di attuale residenza.

     
  10. Non sono abituato a commentare un post, leggo e poi scappo.
    Per questa volta mi fermo e faccio i complimenti, ottimo lavoro!

     
  11. Carlo Lucchetti

    Salve, ho letto i 15 casi di esonero e il mio non rientra . Le espongo in breve il mio caso: sono disoccupato e non percepisco alcunché da nessun ente. Il mio unico reddito deriva da un negozio affittato e regolarmente registrato per un totale di € 5400,00 annui. Devo fare il modello unico o poso evitare?
    Grazie per l’attenzione e cordiali saluti

    Carlo Lucchetti

     
  12. Federico Migliorini

    Salve Carlo, non ha trovato il suo caso di esonero perché non esiste, lei è obbligato con un reddito fondiario di presentare la dichiarazione dei redditi e pagare la relativa imposta.

     
  13. Buonasera, ho lavorato e vissuto in Portogallo per tre anni,non mi sono iscritta all’aire, non ho proprietà o entrate di alcun tipo dall’Italia. Ho pagato regolarmente le tasse in Portogallo ed ho documenti che attestano la residenza fiscale in Portogallo, durante questi 3 anni…posso incorrere in sanzioni in Italia? Grazie.

     
  14. Federico Migliorini

    Può incorrere sicuramente in un controllo. Da li eventualmente dovrà essere verificata la sua residenza fiscale. Qualora venisse accertato che è in Italia rischia sanzioni. Tutto dipende dalla documentazione a disposizione.

     

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Condivisioni