Detrazione IVA sulle E-Fatture: guida e casistiche

6
2011

Tempi e modalità di detrazione IVA sulle Fatture Elettroniche. Casistiche per la liquidazione dell’IVA. Possibile la “retro-imputazione” dell’imposta sulle fatture ricevute e annotate entro il 15 del mese. Termine di detrazione IVA per la registrazione delle Fatture di acquisto. Fattura Elettronica alla prova della detrazione IVA.

La Fattura Elettronica, entrata in vigore il 1° gennaio 2019 è alla prova della detrazione dell’IVA relativa alle operazioni passive.

La possibilità di detrarre l’IVA pagata relativa alle operazioni passive dei soggetti passivi d’imposta è sancita dall‘articolo 19 del DPR n 633/72.

La detrazione può avvenire, può avvenire entro il termine massimo del termine di presentazione della dichiarazione IVA dell’anno in cui l’operazione è avvenuta.

Detto questo è concessa, comunque, ai soggetti passivi la possibilità di “retro-imputare” l’imposta dovuta sulle fatture ricevute entro il 15 del mese.

Vediamo tutti i dettagli e le singole casistiche che ci possono essere in questo articolo.


Detrazione IVA per le Fatture Elettroniche

La regola generale di detrazione dell’IVA è quella sancita dall’articolo 19 del DPR n 633/72, secondo il quale:

“Il diritto alla detrazione dell’imposta relativa ai beni e servizi acquistati o importati sorge nel momento in cui l’imposta diviene esigibile ed è esercitato al più tardi con la dichiarazione relativa all’anno in cui il diritto alla detrazione è sorto ed alle condizioni esistenti al momento della nascita del diritto medesimo”

Articolo 19 DPR n 633/72

E’ attorno a questa norma che andrò ad effettuare i ragionamenti che seguono.

Il ragionamento da fare è che alla registrazione della fattura passiva segue il diritto alla detrazione della relativa imposta. In questo modo nella liquidazione periodica IVA, dall’IVA a debito addebitata per rivalsa al cliente, viene detratta l’IVA a credito pagata ai fornitori.

In questo modo, la liquidazione periodica IVA (mensile o trimestrale a seconda del volume d’affari) consente la liquidazione o la maturazione del credito relativo alle fatture registrate in quel periodo.

Possibilità di retro-imputazione dell’IVA sulle E-Fatture ricevute

Accanto a questa norma è necessario segnalare la novità contenuta nel DL n 119/18, che ha modificato l’articolo 1, comma 1, del DPR n 100/98.

In particolare, il soggetto passivo che ha ricevuto ed annotato, entro il 15 del mese successivo, fatture relative ad operazioni effettuate nel mese precedente, può esercitare il diritto alla detrazione con riferimento alla liquidazione periodica del mese precedente.

Facciamo un esempio pratico. Un soggetto che ha ricevuto ed annotato entro il 15 febbraio una fattura relativa ad una operazione effettuata nel mese di gennaio ha diritto di esercitare il diritto alla detrazione con riferimento al mese di gennaio.

Questa semplificazione si è resa necessaria per venire incontro ai contribuenti. Questo considerato il fatto che fra il momento di effettuazione dell’operazione, la data di trasmissione della E-Fattura e la ricezione della stessa da parte del destinatario possono trascorrere diversi giorni.

Questa norma, quindi, consente di traslare la detrazione al mese di effettuazione dell’operazione. Aspetto quanto mai opportuno.

Il soggetto passivo che ha operato, ad esempio, una cessione di beni nel mese di gennaio, può inviare la E-Fattura al Sistema di Interscambio entro il 16 febbraio. Il tutto senza vedere applicate sanzioni previste dall’articolo 6 del DLgs n 471/97. Questo comporta il fatto che il soggetto ricevente non necessariamente avrà la certezza di ricevere il documento entro i primi 15 giorni del mese successivo.

Diritto alla detrazione IVA con la E-Fattura

Arrivati a questo punto può essere utile affrontare un aspetto correlato, ovvero il momento in cui con la E-Fattura si esercita il diritto alla detrazione IVA.

Al fine di poter esercitare il diritto alla detrazione IVA occorre la coesistenza del presupposto sostanziale, ovvero l’effettuazione dell’operazione e di quello formale, del “possesso di una valida fattura di acquisto“.

Questo è quanto prevede la Direttiva n 2006/112/CE e ribadito dalla Circolare n 1/E/2018 dell’Agenzia delle Entrate.

Nel processo di fatturazione elettronica, il documento si intende ricevuto dal cessionario o committente se è stato correttamente recapitato al suo indirizzo telematico o se, in caso di impossibilità di consegna, il soggetto passivo ne ha preso visione accedendo al portale “Fatture e Corrispettivi“. Solo in tale momento vi è la sussistenza dei presupposti, sostanziale e formale, che consentono l’esercizio della detrazione.

Abolizione della protocollazione delle fatture di acquisto

Queste disposizioni, inoltre, devono essere coordinate con l’articolo 25 del DPR n 633/72 in tema di annotazione degli acquisti. Dal 1° gennaio 2019 è stata abolito l’obbligo di protocollazione delle fatture di acquisto.

Questo adempimento risulta automaticamente assolto per le fatture elettroniche inviate tramite il Sistema di Interscambio.

Quello che accade, in pratica, è sostanzialmente questo. Può capitare che siano ricevute e automaticamente “protocollate” dal Sistema, il 15 febbraio, fatture emesse dal cedente/prestatore il 7 febbraio. E poi, magari, in data successiva, documenti relativi al mese di gennaio.

In questa circostanza è comunque possibile, avvalendosi delle funzionalità consentite dalla propria software house, annotare la E-fattura ricevuta il 15 del mese di febbraio, esercitando la detrazione IVA nel mese di febbraio. Allo stesso tempo, registrando una fattura relativa ad operazione del mese di gennaio facendo confluire la relativa imposta detraibile nella liquidazione riferita al mese di gennaio.

Possibile regolarizzare l’erronea detrazione

Considerato quanto detto sinora può accadere il cessionario, non essendo in possesso della E-Fattura disponga soltanto della copia cartacea (non valida ai fini fiscali).

Qualora questo soggetto proceda comunque, erroneamente, ad annotare il documento e detrarre la relativa imposta nel mese di gennaio, cosa accade?

Nel caso in cui la E-Fattura venga ricevuta entro il termine per la liquidazione periodica di riferimento, non trova applicazione la sanzione per indebita detrazione.

Diversamente, se il documento non fosse ricevuto tramite il Sistema di Interscambio entro tale liquidazione, risulta applicabile la sanzione. In quanto il cessionario/committente ha detratto l’IVA in assenza di una regolare fattura.

Questo è quanto prevede l’Agenzia delle Entrate in una delle FAQ pubblicate il 27 novembre 2018 sul proprio portale. Le stesse considerazioni si possono trovare nella relazione illustrativa al DL n 119/18.

In tale circostanza, veniva precisato che il cessionario o committente che avesse detratto l’imposta in assenza di una E-Fattura sarebbe stato “indenne da sanzioni” nel caso in cui il documento fosse stato emesso entro i termini della propria liquidazione periodica IVA.

Sanzione per indebita detrazione IVA

In ultima analisi appare utile effettuare un cenno alla sanzione applicabile in caso di indebita detrazione IVA.

Questa fattispecie è disciplinata dall’articolo 6, comma 6, del DLgs n 471/97. La norma stabilisce che chi computa illegittimamente in detrazione l’IVA assolta o addebitata in rivalsa è punito con la sanzione pari al 90% dell’imposta.

Questa è la sanzione a cui va incontro il soggetto passivo che si detrae l’IVA prima di aver ricevuto e registrato la relativa fattura.


Quando effettuare la detrazione IVA? Casistiche

Una volta effettuata l’analisi precedente può essere opportuno fornire alcuni casi pratici per capire quanto effettuare correttamente la detrazione IVA nelle Fatture Elettroniche.

Vediamo, quindi, quando si esercita la detrazione IVA in diversi momenti di esecuzione della prestazione.

Detrazione IVA – CASO 1

EsigibilitàGennaio
Ricezione della FatturaGennaio
Registrazione della FatturaGennaio
Detrazione IVA16 Febbraio (Gennaio)

Il diritto alla detrazione può essere esercitato nella liquidazione relativa a: gennaio. Questo in quanto in tale mese si sono concentrati tutti i momenti rilevanti (esigibilità per il cedente, ricezione e registrazione del documento per il cessionario)

Detrazione IVA – CASO 2

EsigibilitàGennaio
Ricezione della FatturaGennaio
Registrazione della FatturaEntro il 15 febbraio
Detrazione IVA16 Febbraio (Gennaio)

Il diritto alla detrazione può essere esercitato nella liquidazione relativa a: gennaio. La fattura è registrata entro il 15 del mese successivo con riferimento al mese di effettuazione dell’operazione.

Detrazione IVA – CASO 3

EsigibilitàGennaio
Ricezione della FatturaGennaio
Registrazione della FatturaDal 16 febbraio
Detrazione IVA16 Marzo (Febbraio)

Il diritto alla detrazione può essere esercitato nella liquidazione relativa a: febbraio. La registrazione della fattura è avvenuta dopo il giorno 15 e quindi non è possibile riferirla al mese precedente.

Detrazione IVA – CASO 4

EsigibilitàGennaio
Ricezione della FatturaFebbraio
Registrazione della FatturaDal 16 febbraio (o marzo entro il 15)
Detrazione IVA16 Marzo (Febbraio)

Il diritto alla detrazione può essere esercitato nella liquidazione relativa a: febbraio. La fattura è stata ricevuta in tale mese e la detrazione non si può fare nel mese precedente. La registrazione entro il 15 di marzo consente di computare l’IVA nel mese di ricezione.

Detrazione IVA – CASO 5

EsigibilitàDicembre
Ricezione della FatturaDicembre
Registrazione della FatturaDicembre
Detrazione IVA16 Gennaio (Dicembre)

Il diritto alla detrazione può essere esercitato nella liquidazione relativa a: dicembre. In tale mese si sono concentrati tutti i momenti rilevanti, esigibilità per il cedente, ricezione e registrazione del documento per il cessionario.

Detrazione IVA – CASO 6

EsigibilitàDicembre
Ricezione della FatturaDicembre
Registrazione della FatturaGennaio
Detrazione IVA30 Aprile (dichiarazione annuale)

Il diritto alla detrazione IVA può essere esercitato solo in dichiarazione annuale. Non è possibile computare l’IVA nella liquidazione di dicembre perché l’IVA è relativa ad operazione dell’anno precedente. La detrazione va esercitata direttamente in dichiarazione annuale (previo utilizzo del sezionale dedicato).

Detrazione IVA – CASO 7

EsigibilitàDicembre
Ricezione della FatturaGennaio
Registrazione della FatturaGennaio (o entro 16 febbraio)
Detrazione IVA16 Febbraio (Gennaio)

Il diritto alla detrazione può essere esercitato nella liquidazione relativa a: gennaio. La fattura è ricevuta in tale mese. La detrazione IVA non può avvenire nel mese prima perché fattura di anno precedente. La registrazione entro il 15 febbraio permette di computare l’IVA nel mese di ricezione.


Termine ultimo di detrazione IVA

L’ultimo aspetto da affrontare riguarda il termine ultimo per la detrazione dell’IVA sulle E-Fatture.

La norma di riferimento è sempre l’articolo 19 del DPR n 633/72.

“il diritto alla detrazione IVA può essere esercitato con riferimento all’anno solare nel corso del quale l’imposta è divenuta esigibile, al più tardi con la corrispondente dichiarazione annuale”

Articolo 19 DPR n 633/72

Di fatto, la norma, limita la detrazione IVA ai quattro mesi successivi all’anno in cui l’imposta è divenuta esigibile.

Inoltre, la registrazione delle fatture deve eseguirsi anteriormente alla liquidazione periodica nella quale è esercitato il diritto alla detrazione e, comunque, entro il termine di presentazione della dichiarazione annuale relativa all’anno di ricezione della fattura e con riferimento al medesimo anno.

Ad esempio, per un acquisto di beni effettuato nell’anno “n” il diritto alla detrazione dell’imposta sugli acquisti o sulle impostazioni può essere esercitato nella dichiarazione annuale relativa al medesimo anno, vale a dire entro il 30 aprile anno “n+1”.


Detrazione IVA sulle E-Fatture: conclusioni

In questo articolo ho cercato di riepilogare le principali indicazioni riguardanti la registrazione delle fatture di acquisto e la relativa possibilità di detrazione ai fini IVA.

L’aspetto importante è il coordinamento necessario tra l’articolo 25 del DPR n 633/72 riguardante la registrazione delle fatture, con l’articolo 19 dello stesso DPR che riguarda la detrazione IVA.

Come detto, le fatture di acquisto debbono essere annotate anteriormente alla liquidazione periodica nella quale il diritto alla detrazione è sorto. Comunque entro il termine di presentazione della dichiarazione annuale relativa all’anno di ricezione della fattura e con riferimento al medesimo anno.

Ultimo aspetto da considerare è la possibilità di retro-imputare la detrazione dell’IVA per le fatture relative ad operazioni concluse nel mese precedente la cui fattura è resa disponibile e registrata entro il 15 del mese successivo.

Una semplificazione non di poco conto, sicuramente da sfruttare adeguatamente.

 

6 COMMENTS

  1. Salve,
    lavoro per una ditta di produzione di beni e stiamo ricevendo richieste da parte dei clienti (talvolta piuttosto perentorie) di invio delle nostre fatture del 2017 entro il termine del 31/01/2018 per poter detrarre l’IVA.
    In base all’articolo pare che noi abbiamo tempo fino ad aprile per inviare le nostre fatture senza far perdere al cliente la possibilità di detrarre l’imposta.

    Mi potreste confermare o meno la mia conclusione?

    Grazie

    GB

     
  2. La detrazione Iva è vero che è fino al termine di presentazione della dichiarazione Iva relativa all’anno successivo, ma se si registra la fattura nell’anno dopo (2018), l’Iva deve essere inserita nella dichiarazione 2017. Quindi, onde evitare di istituire sezionali appositi in cui inserire queste fatture, preferiscono averle subito ed inserire l’Iva nella liqidazione di dicembre (ultimo trimestre).

     
  3. Mail del mio commercialista del 17.02.2018: Da segnalazione dell’ Agenzia delle Entrate:

    Dal 01/01/2017 il diritto alla detrazione non si può più esercitare con la presentazione della dichiarazione IVA del secondo anno successivo a quello in cui è sorto il diritto ma,.. con la dichiarazione dell’anno in cui il diritto è sorto (quindi termine di molto abbeviato).
    Questo fa sorgere numerosi problemi di registrazione, posto che:
    in base a sentenze della Corte UE il diritto alla detrazione è subordinato a due presupposti, che devono esistere entrambi:
    1) Effettuazione dell’operazione
    2) POSSESSO della fattura.

    Quindi x le fatture datate dic.2017 pervenute alle aziende ( x posta o via mail) dal 02.01.2018 in poi, l’IVA a credito sarà conteggiata nel 1° mese e/o trim. del 2018 !!!!!!!!!

    CHIEDO CONFERMA.
    Alessandra

     
  4. Salve Alessandra, posso confermare quello che ha scritto, ma a patto di poter avere documentazione che provi la ricezione nel 2018 della fattura.

     
  5. Buongiorno,
    un chiarimento.
    Fatture (con relativi documenti accompagnatori) del mese di febbraio ricevute il 1 e 4 marzo possono essere portate in detrazione nella liquidazione di febbraio è corretto?Ma l’annotazione nel registro acquisti per queste ultime avviene nel mese di marzo .Mi sbaglio?Nel mezzo c’e una fattura di competenza marzo, pertanto avrò nel registro Iva acquisti marzo tre fatture con protocollo consequenziale(seppure non piu’ obbligatorio ma il software lo prevede ugualmente) ma due di esse confluiranno nella liquidazione di febbraio e una in quella di marzo giusto?
    Grazie per l’attenzione

     
  6. Salve Cristiana, quello che afferma è corretto le fatture registrate a marzo possono confluire nella liquidazione IVA di febbraio, occorre gestire tutto contabilmente nel modo corretto.

     

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.