Guida fiscale per Hobbisti: come vendere prodotti home made

471
1538
 

Hobbisti: se vendo le mie creazioni come devo regolarmi da un punto di vista fiscale? Quali sono gli adempimenti per partecipare ad un mercatino per vendere le mie creazioni? Queste sono alcune delle principali domande che ci rivolgono gli hobbisti che voglio vendere prodotti fatti a mano che hanno realizzato. Di seguito la guida per vendere i propri oggetti home made.

Questo contributo è dedicato a fare chiarezza in merito alla disciplina fiscale che gli hobbisti devono rispettare per la vendita dei propri realizzati homemade.

Nella mia attività online mi sto rendendo conto che tantissime persone realizzano prodotti fatti a mano come passione. Passione che spesso porta alla vendita di questi oggetti, quando si incontra un potenziale acquirente.

Le tantissime richieste che mi arrivano ogni giorno mi hanno spinto a fornire alcuni chiarimenti riguardanti l’obbligo di aprire la partita IVA nel caso di piccole attività.

Ci sono tantissimi articoli online, ne ho letti molti, prima di scrivere questo articolo. Posso assicurarti che molti di questi non sono scritti da veri addetti ai lavori. Questo, inevitabilmente, ha portato molta confusione.

Devo premettere che la normativa da rispettare è molto variegata (oltre alla normativa nazionale vi sono poi i vari regolamenti regionali). Per il quadro della situazione non può che essere complesso.

Riepilogando, quindi, di seguito troverai una breve e semplice guida agli adempimenti civilistici fiscali ed amministrativi. Guida utile a tutti gli hobbisti che vogliono provare a vendere i propri prodotti fatti a mano.

L’obiettivo è quello di farti essere in regola e non incorrere problemi con l’Amministrazione finanziaria.

Guida fiscale per hobbisti

[divider style=”solid” top=”20″ bottom=”20″]

HAI DUBBI SU COME E QUANDO E POSSIBILE VENDERE OGGETTI REALIZZATI A MANO?

Se le domande che ti stai facendo sono le seguenti, in questo contributo troverai le corrette risposte.

E’ necessario aprire la partita IVA per realizzare e vendere beni nuovi frutto della propria manualità ed estro ?

E per vendere oggetti vintage nei mercatini, su eBay, su Etsy e altri siti simili?

Oppure per dare lezioni di matematica o per collaborare alla gestione di una Pagina Facebook?

La risposta è: dipende.

VENDERE PRODOTTI FATTI A MANO: CHI È L’HOBBISTA?

Prima di entrare nel vivo della disciplina è opportuno andare a chiarire, chi sono i soggetti che possono essere considerati hobbisti? e come si differenziano dai venditori professionisti?

In Italia non esiste una disciplina nazionale che regolamenti l’hobbistica.

Infatti, l’articolo 28 del D.Lgs. 114/98 rimanda alle varie disposizioni regionali che a loro volta definiscono gli hobbisti come:

“operatori non professionali che vendono, propongono, espongono, o barattano, in modo sporadico ed occasionale, prodotti di modico valore, per lo più opere della propria creatività o del proprio ingegno”

In pratica, gli elementi che caratterizzano un hobbista, sono i seguenti:

    • Vendita, baratto o scambio di prodotti di modico valore, cioè prodotti che non possono in ogni caso avere un valore superiore a €. 250 (il limite in alcune regioni scende fino a €. 100);
    • Svolge l’attività in modo occasionale. Attività di partecipazione e vendita svolta in modo del tutto saltuario, in modo non professionale, senza vincolo di subordinazione e senza vincolo di mezzi. Ad esempio, rispetto il limite se decido di partecipare a uno/due mercatini l’anno, ma non se pratico tutti i mercatini della regione, ogni settimana;
  • I ricavi derivanti dall’attività, che devono essere certificati dal rilascio di una ricevuta non fiscale.

Se ti rispecchi in questi requisiti allora rientri nella categoria degli hobbisti. Ovvero, dei soggetti che vendono prodotti realizzati in home made, in maniera non professionale.

Per voi, di seguito, la guida per vendere in tranquillità i vostri prodotti.

CHE DIFFERENZA C’È TRA HOBBISTI E CREATIVI?

Una delle difficoltà che riscontro in tante domande che ricevo è che non si riscontra una differenza tra l’hobbista ed il creativo.

In generale possiamo dire che esiste una differenza tra hobbisti e creativi.

Gli hobbisti sono coloro che vendono, barattano, assemblano beni già esistenti. Creano qualcosa di nuovo partendo da beni già esistenti.

I creativi, invece, sono coloro che realizzano beni nuovi con la loro manualità e ingegno. In pratica i creativi sono quei soggetti che creano nuovi oggetti su cui possono vantare la paternità dell’opera. I creativi possono vantare il diritto di autore sull’opera.

Da un punto di vista fiscale vi sono delle differenze sostanziali tra hobbisti e creativi.

Gli hobbisti, sostanzialmente sono degli artigiani che difettano del requisito della abitualità dell’attività.

I creativi invece  possono sfruttare la disciplina legata allo sfruttamento del diritto di autore.

Se sei interessato alla disciplina sugli hobbisti leggi di seguito. Altrimenti, per la disciplina fiscale dei creativi ti lascio questo link: “Sfruttamento del diritto di autore: normativa“.

[divider style=”solid” top=”20″ bottom=”20″]

HOBBISTI: QUANDO È NECESSARIO APRIRE PARTITA IVA?

Gli articoli 4 e 5 del DPR 633/72 dicono rispettivamente:

Per esercizio di imprese si intende l’esercizio per professione abituale, ancorché non esclusiva, delle attività commerciali o agricole di cui agli articoli 2135 e 2195 del codice civile, anche se non organizzate in forma di impresa. Nonché l’esercizio di attività, organizzate in forma di impresa, dirette alla prestazione di servizi che non rientrano nell’articolo 2195 del codice civile.”

Per esercizio di arti e professioni si intende l’esercizio per professione abituale, ancorché non esclusiva, di qualsiasi attività di lavoro autonomo da parte di persone fisiche. ovvero da parte di società semplici o di associazioni senza personalità giuridica costituite tra persone fisiche per l’esercizio in forma associata delle attività stesse.”

Quindi il termine su cui devi porre la massima attenzione è “[highlight color=”yellow”] abituale [/highlight]”.

Quando un’impresa, un’arte o professione è abituale occorre aprire la Partiva IVA.

E che cosa significa abituale?

Senza dubbio significa continuativa e non occasionale.

Inoltre, nel lontano 1977, la circolare delle Finanze 7/1946  aveva stabilito che:

“l’attività svolta in forma abituale deve intendersi un normale e costante indirizzo dell’attività del soggetto che viene attuato in modo continuativo: deve cioè trattarsi di un’attività che abbia il particolare carattere della professionalità.

Continuativa e professionale.

Deve anche essere l’unica attività esercitata?

No, perché gli articoli 4 e 5 dicono espressamente ancorché non esclusiva”.

Di seguito ti propongo qualche esempio per rendere tutto più chiaro.

ESEMPI DI ATTIVITÀ OCCASIONALI ED ABITUALI

1 – Chiara è una lavoratrice dipendente. Nel tempo libero realizza piccole bomboniere fatte a mano che espone e a volte vende ad amici e conoscenti. La sua attività è saltuaria in quanto viene svolta senza abitualità, né continuità. Inoltre questi introiti non rappresentano per lei la fonte principale di reddito, ma un piccolo arrotondamento. In questo caso  Siamo nel caso di NON obbligo di Partita IVA.

2 – Cristina è un lavoratore nell’azienda familiare. Ha la passione per la realizzazione di braccialetti fatti a mano acquistando materiali assemblandoli e rivendendo gli oggetti. Partecipa con molta frequenza nei mercatini della sua regione, ed opera anche su portali di vendita online. Il tempo che Cristina dedica a questa attività è sicuramente costante e rilevante nel suo tempo. In questo caso è necessario essere in possesso della Partita IVA. Questo in quanto l’attività di Cristina presenta caratteristiche di abitualità.

3 – Francesco è uno studente di economia a Milano. Impartisce occasionalmente lezioni private a studenti delle superiori. L’occasionalità gli permette sicuramente di operare senza obbligo di Partita IVA.

4 – Sara è disoccupata ed impiega il suo tempo per dipingere quadri, che espone settimanalmente in spazi espositivi e che espone sui suoi profili social e su marketplace online. Ha l’obbligo di partita IVA.

HOBBISTI ED OBBLIGO DI PARTITA IVA

Che cosa faranno Francesco e Chiara che non hanno l’obbligo di partita IVA?

Emetteranno una semplice ricevuta ad ogni incasso e dichiareranno il loro reddito nel quadro RL del Modello Redditi (o quadro equivalente del 730) ai sensi dell’articolo articolo 67 DPR n 917/86 lettere i) ed l). Di seguito maggiori dettagli.

Mentre Sara e Cristina dovranno emettere regolare fattura con tutti gli elementi obbligatori. Al termine di questo contributo ci saranno maggiori informazioni anche per loro. Altrimenti puoi trovare maggiori informazioni consultando questo contributo: “Aprire Partita IVA: consigli, costi e suggerimenti“.

Potrai verificare se rientri nei requisiti per applicare il regime forfettario e potrai fare le opportuna valutazioni in merito alla tua iscrizione INPS.

[divider style=”solid” top=”20″ bottom=”20″]

HOBBISTI COME VENDITORI OCCASIONALI: ADEMPIMENTI

Come visto dalla definizione l’hobbista è un venditore occasionale.

Si tratta di un soggetto che per diletto decide di vendere un prodotto che ha realizzato, effettuando un’attività del tutto artigianale (non in serie), e con compensi limitati nel corso dell’anno.

Ti consiglio di fare molta attenzione e non sottovalutare la tua situazione, approfondendo la tua situazione personale con un commercialista esperto. Al termine della guida troverai come potermi contattare.

Dico questo anche guardando la sentenza della Cassazione 15031/2014. Sentenza che ha affermato che anche un’attività esigua può comportare l’obbligo di Partita IVA. Nella fattispecie si trattava di un falegname con fatturato inferiore a 5.000 euro. Soggetto che effettuava preventivi, disegni, costi di trasporto ecc. che hanno evidenziato, secondo la sentenza, abitualità e professionalità.

Quindi attenzione!

Una volta verificato che sei tra i soggetti non obbligati alla Partita IVA, la normativa fiscale è piuttosto semplice.

E’ sufficiente rispettare poche semplici regole per essere in regola con l’Amministrazione finanziaria.

LA RICEVUTA NON FISCALE PER GLI HOBBISTI

La prima regola riguarda l’emissione della ricevuta non fiscale.

La ricevuta non fiscale è la ricevuta che viene emessa da parte dei privati (non titolari di partita Iva), quando effettuano la cessione di un bene.

La ricevuta deve essere emessa al momento di incasso del corrispettivo di vendita, e sulla stessa deve essere sempre apposta una marca da bollo da €. 2,00, quando l’importo della vendita supera le €. 77,47.

La marca da bollo è a carico del cedente, ma può essere addebitata all’acquirente.

Per maggiori informazioni sulla compilazione della ricevuta non fiscale e per scaricare una bozza di ricevuta, ti riamando a questo articolo: “Ricevuta: istruzioni per l’uso“.

Cosa importante da ricordare è che la ricevuta non fiscale non deve essere prenumerata in origine. Per questo potete utilizzare anche modelli da stampare di volta in volta.

CONSERVAZIONE DELLE RICEVUTE NON FISCALI

La seconda regola riguarda la conservazione delle ricevute emesse.

Le ricevute, oltre che per attestare l’avvenuta transazione di denaro, rappresentano un documento che ti sarà utile per capire se dovete predisporre la dichiarazione dei redditi.

Quello che voglio dire che non avere obbligo di aprire Partita IVA non significa non avere l’obbligo di dichiarare questi redditi. Si tratta di redditi che devono essere sempre dichiarati.

In questa sede non è possibile trattare tutti i casi, ma vi basti sapere che se non avete altri redditi nell’anno, se avete effettuato cessioni sino €. 4.800, siete esonerati dalla presentazione della dichiarazione dei redditi.

In caso contrario (se ad esempio sei anche lavoratore dipendente) dovrai indicare il reddito nel quadro dei redditi diversi. redditi di cui all’articolo 67, comma 1, lettera i) del DPR n 917/86, (quadro D del modello 730 o quadro RL del modello Redditi PF), i compensi percepiti dalle vendite di oggetti home made.

Per approfondire: “La ricevuta per prestazione occasionale

[divider style=”solid” top=”20″ bottom=”20″]

PARTECIPAZIONE AI MERCATINI PER LA VENDITA DI OGGETTI

Solitamente gli hobbisti che desiderano vendere i propri prodotti, partecipano a mercatini occasionali.

Si tratta di piccole manifestazioni organizzate da varie associazioni presenti nei vari comuni. Oppure in alcuni casi è direttamente lo stesso Comune che organizza appositi mercatini hobbisti.

Per vendere nei mercatini hobbisti è necessario essere in possesso di tutta la documentazione necessaria per la “vendita temporanea“.

Documentazione da esibire in caso di possibili controlli da parte delle forze dell’ordine, polizia municipale o Guardia di Finanza:

    • Dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà. Dichiarazione che l’hobbista deve presentare presso il Comune dove si svolge, in cui si dichiara di esercitare l’attività di esposizione e vendita di oggetti. Stessa cosa per le opere dell’ingegno a carattere creativo senza necessità di autorizzazione amministrativa (articolo 4, comma 2, lettera h), D.Lgs. n. 114/98). Non vi è un modello standard, ma puoi trovare il modello di tuo interesse presso la pro loco competente per ogni Comune. Oppure presso le varie associazioni che si occupano di promuovere i vari mercatini locali;
    • Tesserino degli hobbisti. Varie normative regionali o comunali prevedono il rilascio di un tesserino degli hobbisti obbligatorio per esporre le proprie creazioni nei mercatini. Il tesserino ha un costo variabile da Comune a Comune;
  • Eventuale altra documentazione aggiuntiva richiesta dai singoli Comuni. Come ad esempio, il pagamento della tassa legata all’occupazione di suolo pubblico. Anche in questo caso la normativa varia da Comune a Comune.

NORMATIVE TERRITORIALI PER GLI HOBBISTI

Come ti sarai accorto è impossibile riassumere tuta la normativa regionale o comunale in dettaglio.

Ogni regione e più in dettaglio ogni Comune ha regole proprie.

Per questo motivo è sempre opportuno informarsi presso il Comune ove si svolge la manifestazione, oppure presso l’ente che organizza il mercatino.

Ricordo agli hobbisti che è possibile partecipare anche a più mercatini durante l’anno. A condizione però che non si superino limiti per identificare come abituale e continuativa la propria attività di esposizione e vendita.

In alternativa alla vendita nei mercatini è possibile utilizzare la formula dei temporary shop.

Si tratta di avviare un vero e proprio negozio temporaneo dove esporre le proprie creazioni. Questo negozio, tuttavia, per poter essere avviato in modo non professionale deve necessariamente restane aperto per meno di 30 giorni all’anno.

In questo caso gli adempimenti amministrativi e fiscali sono molto ridotti.

Per maggiori informazioni su questo tipo di attività vi rimando a questo contributo: “Temporary store: guida all’apertura e adempimenti“.

[divider style=”solid” top=”20″ bottom=”20″]

LA VENDITA SU INTERNET PER HOBBISTI E CREATIVI

Accanto alla tradizionale vendita dei prodotti nei mercatini, molti hobbisti preferiscono provare a vendere sfruttando internet.

Ebbene, in questo caso le cose si complicano, ed è necessario prestare molta attenzione.

In linea generale, ad un hobbista non è consentito avere un proprio sito internet dove si espongono i propri prodotti se sugli stessi vi sono applicati prezzi di vendita.

In questo caso, infatti si rende obbligatorio l’esercizio con Partita IVA.

Attenzione!

Questo non vuol dire che un hobbista non possa avere un proprio sito dove espone le proprie creazioni.

Deve trattarsi però di un mero sito vetrina. Si tratta di un sito o di una pagina di social network in cui si espongono foto e descrizioni di oggetti, senza che siano visibili ed esposti prezzi di vendita.

Per l’Amministrazione finanziaria l’hobbista o il creativo che apre un proprio sito internet per la pubblicizzazione o la vendita di prodotti, e considerato a tutti gli effetti un commerciante o un artigiano, a seconda dei casi.

Questo significa inevitabilmente dover sottostare a tutti gli obblighi fiscali, contabili e amministrativi visti sopra, per i soggetti che devono aprire Partita IVA.

Se sei interessato ad avere maggiori informazioni su questa disciplina, può trovare aiuto da questo contributo: “Aprire partita Iva per la vendita di beni in e-commerce“.

I MARKETPLACE PER HOBBISTI

Per tutti gli altri hobbisti, che invece, non ritengono opportuno, o non sono interessati, alla vendita professionale, è possibile ovviare a tutti questi adempimenti.

Nel caso puoi farti i ospitare da altri siti web, come vetrina per le tue creazioni di oggetti fatti a mano.

Infatti, l’hobbista che desidera vendere le proprie creazioni online senza possedere Partita IVA, può avvalersi di uno dei tantissimi marketplace, dove esporre i propri prodotti.

Vi possono essere marketplace dedicati esclusivamente ad uno specifico settore merceologico.

Mi riferisco ad esempio a siti come misshobby.com, etsy.com, e molti altri. Oppure vi sono marketplace generalisti, destinati ad ospitare vari prodotti e servizi, come e-bay.it, subito.it, ecc.

Attenzione!

[highlight color=”yellow”]La possibilità di essere ospitati su questi portali e rimanere classificati come hobbisti o creativi dipende dalla possibilità di non vedere esposti i prezzi di vendita degli oggetti. 

Se promuovi continuativamente le tue creazioni su questi portali ed esponi i prezzi di vendita sei automaticamente considerato un imprenditore, commerciante o artigiano. Insomma, un soggetto che deve operare obbligatoriamente con Partita IVA.[/highlight]

Anche in questo caso, quindi, è necessario prestare la dovuta attenzione. La vendita per gli hobbisti e i creativi deve essere occasionale. Esattamente come visto per i mercatini reali (non virtuali).

Se l’attività di vendita online è organizzata, abituale (si lasciano prodotti in vetrina sul sito per settimane), allora anche in questo caso è necessario l’avvio di un’attività professionale.

L’Agenzia delle Entrate coadiuvata dalla Guardia di Finanza effettua controlli ogni anno sui vari portali per verificare il rispetto di questi requisiti da parte dei venditori.

[divider style=”solid” top=”20″ bottom=”20″]

HOBBISTI: I VANTAGGI DEL CONTRATTO DI CONTO VENDITA

Uno degli strumenti che consiglio sempre di utilizzare a tutti gli hobbisti che mi contattano è il contratto di conto vendita.

Il contratto estimatorio o di conto vendita è disciplinato dagli articoli 1556 e seguenti del codice civile, secondo il quali:

con il contratto estimatorio una parte (denominata tradens) consegna una o più cose mobili all’altra (denominata accipiens) e questa si obbliga a pagare il prezzo. Salvo che restituisca le cose nel termine stabilito

In pratica, con questo tipo di contratto, un soggetto cedente consegna una fornitura di beni, ad un altro soggetto cessionario.

Sogetto che contrarrà l’obbligo di pagarne il prezzo d’acquisto soltanto nell’ipotesi in cui, entro un dato periodo di tempo, riesca ad effettuare la vendita della merce affidata.

Il contratto estimatorio può essere utilizzato anche dagli hobbisti, che possono sfruttarlo per trovare potenziali negozianti che possano mettere in vetrina i loro prodotti.

Per maggiori informazioni sul contratto di conto vendita potete consultare questo articolo: “Contratto estimatorio: disciplina civilistica e fiscale“.

In conclusione, possiamo dire che per effettuare la vendita di prodotti realizzati home made è necessario prestare molta attenzione alla normativa civilistica e fiscale in vigore.

Per questo motivo, quanti di voi avessero ancora qualche dubbio in merito, possono contattarmi tramite i commenti.

HOBBISTI E VENDITA DI OGGETTI: COME FARE?

L’esperienza maturata in questi ultimi anni attraverso la gestione fiscale di molti ex hobbisti, diventati alcuni artigiani, altri ancora commercianti, insegna che il momento che desta maggiori criticità è quello iniziale.

Molti di voi, infatti, si trovano nella situazione di effettuare qualche vendita durante l’anno, ma considerato anche il fatto che per restare in regola come hobbisti non è possibile farsi pubblicità in alcun modo, le cose non migliorano.

Quello che consiglio sempre in questi casi è valutare bene la vostra attività.

So bene che sia difficile, ma quello che dovete capire è quanto credete in quello che fate e capire quanto riscontro potrete avere.

Provate con i vostri amici, vicini di casa o parenti. Provate a proporre loro la vostra idea o qualche prodotto home made che avete realizzato. In questo modo avrete un primo riscontro.

Quello che posso fare per voi, invece, è affiancare questo riscontro ad un primo business plan dell’attività.

Prima faremo il punto della situazione, analizzando la vostra situazione personale.

Successivamente, inquadrerò l’attività da un punto di vista fiscale e con il tuo aiuto realizzerò per voi un business plan personalizzato. Dove potrete trovare i principali costi dell’attività e potrete capire meglio la fattibilità dell’operazione.

Poi faremo una valutazione assieme per capire se proseguire o meno verso l’avvio di un’attività professionale.

Il tutto gratuitamente!

Se sei interessato a questo tipoi di analisi contattatemi in privato, oppure nei commenti.

Se credi in quello che fai non perdere quest’occasionle!

[divider style=”solid” top=”20″ bottom=”20″]

IL PASSAGGIO DA HOBBISTI AD ARTIGIANI

In caso contrario, se non rientri nei requisiti per operare come hobbista sei un imprenditore. Ovvero un soggetto che pur realizzando i propri prodotti in maniera autonoma e artigianale, effettua un’attività di vendita continuativa ed organizzata. Questo a prescindere dalla natura dei beni commercializzati.

Se la tua attività di vendita è continuativa (ad esempio vendi in e-commerce), se vendi in maniera professionale con un marchio, oppure con un’organizzazione di mezzi (hai un locale, usi pubblicità, cartellonistica, ecc), allora sei un commerciante.

Come tale sei soggetto all’obbligo di apertura della Partita IVA, all’iscrizione alla Camera di Commercio (sezione commercianti o artigiani).

Inoltre, è dovuta la presentazione della Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) al vostro Comune. E’ poi obbligatoria la tenuta delle scritture contabili (quest’ultimo obbligo peraltro ha un contenuto differente a seconda del regime fiscale al quale si è assoggettati).

Naturalmente in questo caso è indispensabile la consulenza di un Dottore commercialista.

Un valido professionista che si occupi di affiancarvi sia per gli adempimenti fiscali (dichiarazione dei redditi e tenuta della contabilità). Sia per i vari adempimenti amministrativi.

Per chi volesse maggiori informazioni mi contatti pure nei commenti.

COME TROVARE UN’IDEA DA UN MILIONE DI DOLLARI?

Uno degli aspetti che maggiormente interessa i creativi, una volta chiarito l’aspetto fiscale, è capire se la loro idea possa funzionare sul mercato. Ovvero se la stessa possa essere considerata un’idea da “un milione di dollari“.

Per questo motivo ho deciso di consigliarti un libro che ho letto recentemente. Si chiama:

Come avere un’idea da un milione di dollari: … e trarre il massimo anche da quelle da cinque centesimi!

Il libro è di Takumi Yamada, una scrittrice Giapponese, che ha tratto il suo libro dal lavoro quinquennale di due ingegneri studiosi di psicologia, filosofia e mistica orientale.

Dal mio punto di vista leggerlo ti aiuterà a capire se davvero la tua idea che coltivi come hobby può diventare un prodotto di successo nel business.

Se lo hai letto anche tu, fammi sapere cosa ne pensi.

471 COMMENTS

  1. Salve Giusi, il dubbio è sicuramente ben riposto non tutti sui vari marketplace operano restando in regola con la normativa. Questo, tuttavia, non ci deve far pensare che mal comune è mezzo gaudio. L’Agenzia ogni anno effettua controlli su queste posizioni e qualcuno ogni anno rimane come sempre scottato. Certo il mare è grande e nei grandi numeri c’è spazio per non essere presi, ma sinceramente non mi sento di consigliarlo. Operare senza partita IVA non è corretto, quindi anche quello che le potrei dire, ovvero di rilasciare la ricevuta, comunque non la aiuterebbe e non sarebbe corretto. Le piccole attività devono trovare la forza o per diventare delle vere e proprie attività artigianali, oppure restare nel mondo degli hobbisti.

     
  2. Grazie per la risposta, nel caso in cui non utilizzassi un marketplace e mi venissero chieste info in privato su una mia vetrina virtuale (quindi senza prezzi) vige la stessa regola?

     
  3. Buonasera,
    Le faccio una domanda perché da nessuna parte trovo indicazioni in merito. Io ed una mia amica creiamo accessori nel tempo libero, è un passatempo, ma vorremmo provare a partecipare a qualche mercatino come “operatori dell’ingegno” ma come funziona se siamo in due?
    Il dubbio nasce dal fatto che io ho anche altro reddito mentre la mia amica no, quindi nel caso ipotetico che in un anno si realizzino incassi per 6.000 euro chi li deve dichiarare?
    La ringrazio

     
  4. Salve Valentina, dovete operare come due soggetti separati, quindi vi serviranno due autorizzazioni. Gli incassi dovete dividerli. Ognuna di voi inserirà in dichiarazione la sua parte di incassi e ci pagherà sopra le eventuali imposte, se dovute.

     
  5. Buongiorno,
    la prego di scusarmi ma le chiedo: sono un lavoratore dipendente e, per hobby, realizzo piccoli oggetti di cucito creativo (portapane, portatorte ecc.). Partecipo a alcuni mercatini organizzati da varie pro-loco e simili nella mia regione – Toscana – (circa 6-7 durante l’anno). Potrebbe gentilmente dirmi quali siano le formalità che devo rispettare. E qualora decidessi di incrementare questa attività – anche se ovviamente residuale rispetto al lavoro dipendente – quale la soluzione legale più semplice ed economica.
    La ringrazio. Cordiali saluti.

     
  6. Salve Sergio, da un punto di vista fiscale quello che deve fare è indicato nell’articolo, rilasciare ricevuta ed inserire l’importo in dichiarazione. Gli eventuali altri adempimenti dipendono di volta in volta dai Comuni interessati dai mercatini. Se vuole far crescere l’attività deve diventare artigiano, con tutti gli obblighi conseguenti.

     
  7. Buongiorno, mi chiamo Chiara e sono un’ex titolare di partita iva. Dopo 12 anni di attività ho chiuso il mio laboratorio di ceramica il 31 ottobre 2018. Vorrei sapere se essendo stata una professionista ora posso fare la creativa/hobbista e partecipare a qualche mercatino per poter vendere qualche pezzo rimasto dall’attività e per il quale ho già fatto la dichiarazione di autoconsumo. Il presidente di un’associazione di hobbisti mi ha detto che potrebbe esseci un vincolo temporale, a suo avviso dovrei aspettare 2 anni dalla chiusura dell’attività per poter partecipare ai mercatini.
    Ringrazio anticipatamente per la gradita risposta.
    Cordialmente
    Chiara

     
  8. Salve Chiara, se ha chiuso la partita IVA e fatto fattura per autoconsumo quei beni sono relativi alla sua sfera privata e può decidere di venderli in un mercatino di hobbisti se vuole. La cosa importante è che non si configuri un’attività economica, quindi che non ci sia la partecipazione a tutti i mercatini possibili della sua zona al solo scopo di vendere quegli oggetti. Altrimenti, l’attività non è occasionale ma abituale. Non sono a conoscenza di vincoli biennali. Chiederei la norma a cui fa riferimento questo signore, in mancanza di risposta non vedo perché non dovrebbe partecipare ai mercatini.

     
  9. Buonasera, sono italiana ma residente all’estero. Quest’anno vorrei esporre e vendere le mie creazioni fatte a mano a festival in Italia. Prevedo di partecipare a non più di 10 eventi nel corso di 5 mesi, devo aprire una partita Iva? I prezzi del singolo oggetto non superano i €30 e se tolgo i costi dei mercati e materiali non penso di guadagnare oltre al limite di €5000 annuali. Logicamente sono iscritta all’aire, non avrò altri redditi in quei mesi ma ho un lavoro fisso in Inghilterra per i restanti mesi dell’anno.
    Sono iscritta all’albo dei mercanti con tanto di assicurazione valida in Inghilterra e in Europa ma non riesco a trovare informazioni sulle normative del caso.
    Grazie

     
  10. Salve Eva, il consiglio che posso darle è verificare cosa prevede la normativa del suo Paese di residenza in merito all’apertura della partita IVA in questi casi. Aprire partita IVA in Italia è controproducente nella sua situazione, andrebbe incontro a doppia tassazione.

     
  11. Sono un’insegnante con reddito superiore ai 30 mila euro lordi, è possibile aprire partita iva ordinaria per mettermi in regola e vendere, creazioni su etsy?

     
  12. Buongiorno, mi chiamo Alice. Ho un lavoro da dipendente e nel tempo libero realizzo oggetti in ceramica. Ho trovato il suo articolo molto chiaro ed esauriente.
    Sulla base del suo articolo rientrerei più nella definizione di creativo piuttosto che in quella di hobbista. Purtroppo però il link che porta al tema “Sfruttamento del diritto di autore: normativa” non funziona, non riesco quindi ad approfondire l’argomento. Sarebbe possibile reperire tali informazioni in altro modo? ricercando online mi trovo un po’ spaesata.

     
  13. Salve! La ringrazio per l’articolo scritto. Sono disoccupata in cerca lavoro e frattempo pensavo di cucire piccole cose da arredamento e provare venderli su un marketplace, creando anche una vetrina sulla pagina social. Leggendo vari consigli mi sono convinta che non è necessario aprire partita IVA finché non supero guadagno di 5000. Ma dal Sua spiegazione ho capito che forse in mio caso dovrei farlo, anche senza sapere come andranno le cose e se riuscirò a vendere qualcosa?

     
  14. Salve Caterina, la normativa prevede l’apertura di Partita IVA se si opera su marketplace in modo abituale. Il consiglio che posso darle è quello di operare con contratti di conto vendita con i negozianti e partecipare ai vari mercatini. In questo modo potrà rendersi conto se c’è un mercato per gli oggetti che produce.

     
  15. Buongiorno per il conto vendita, la ricevuta che andrò a rilasciare è soggetta alla ritenuta del 20% da parte de negoziante quale sostituto d’imposta? Ho trovato dei link nei quali dicono che bisogna applicarla poiché l acquirente non è un privato e possiede P. IVA. Cosa mi dice Lei in proposito? Sono in confusione.
    Ringrazio anticipatamente per la cortese risposta.

     
  16. Salve Arianna, lei con il conto vendita non vende l’oggetto al negoziante, ma al privato. La vendita è tra lei ed il privato acquirente. Poi il negoziante emetterà lo scontrino per l’eventuale propria maggiorazione. Nella ricevuta si applica la ritenuta solo qualora l’acquirente finale sia una azienda.

     

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.