Lavorare online: codici attività da utilizzare

7
790
 

I codici attività Ateco 2007 da utilizzare per avviare un’attività online. Lavorare online individuare i codici Ateco necessari per aprire Partita IVA per professionisti e imprese. Tutte le informazioni utili ai Business Online in questa guida.

Se lavori online, o stai pensando di farlo, non puoi fare a meno di leggere questo articolo.

Se vuoi avviare un Business Online devi necessariamente individuare il Codice Attività (secondo la classificazione Ateco), che devi utilizzare.

Ogni giorno mi vengono poste tantissime domande da parte di chi vuole iniziare a lavorare online. La domanda più diffusa è certamente quella legata alla scelta del Codice Attività da utilizzare.

Questa scelta, che potrebbe apparire banale, è fondamentale per ogni soggetto che vuole avviare un Business Online.

In questo contributo voglio cercare di fare chiarezza, una volta per tutte, su questo argomento. Ti indicherò, infatti, i principali Codici Attività legati alle attività online.

Cominciamo!


LAVORARE ONLINE E PARTITA IVA

Lavorare online
Lavorare online

Per lavorare online ho bisogno di aprire Partita IVA?

Questa è una delle domande che maggiormente mi vengono fatte su questo argomento.

La risposta non è mai semplice.

L’apertura della Partita IVA diventa obbligatoria non tanto quando si superano soglie di reddito, ma quando si esercita un’attività:

  • Professionale o imprenditoriale
  • In modo abituale e continuativo nel tempo.

Voglio essere chiaro fin da subito, per evitare equivoci. Se vuoi lavorare online e pensi di avviare un’attività come quella:

ricordati che l’apertura della Partita IVA è d’obbligo. Questo perché trattasi di attività di tipo commerciale.

Nel caso di attività professionali, invece, come:

  • Il Copywriter;
  • Il consulente di web marketing;
  • Il consulente informatico,

l’apertura della Partita IVA deve avvenire nel momento in cui tale attività inizia ad essere effettuata con continuità.

Capire quando siamo di fronte ad abitualità e continuità della prestazione non è mai semplice.

Per questo motivo, ti consiglio sempre di chiedere l’aiuto del tuo dottore Commercialista di fiducia. Se non ne hai uno di riferimento al termine dell’articolo, troverai il link per contattarmi!

Soltanto in questo modo potrai avere la sicurezza necessaria per lavorare online in sicurezza. Ti eviterai possibili ansie o preoccupazioni legate alla scelta del regime fiscale ed ai conseguenti adempimenti fiscali.

Avvalerti di un consulente esperto di Business Online ti permetterà di concentrarti solo sul tuo business. Con notevoli risparmi di tempo e denaro!


BUSINESS ONLINE: I CODICI ATTIVITA’ ATECO DA UTILIZZARE

Lavorare online
Lavorare online

Come ho cercato di farti capire per lavorare online devi pensare seriamente ad una Partita IVA.

L’apertura di una Partita IVA comporta obbligatoriamente il fatto di dover indicare il Codice Attività che identifica il business che stai avviando.

Tutte le attività economiche sono state classificate dall’Agenzia delle Entrate e racchiuse in un documento che ha preso il nome di:

Classificazione Atecofin 2007: Codici ATECO

All’interno di questo documento sono presenti tutti i codici di attività per qualsiasi tipologia di attività online ed offline.

Di seguito il link per visionare direttamente questa classificazione.

Se non hai intenzione di passare del tempo ad individuare tra tutti quelli possibili il Codice Ateco che fa per te, non preoccuparti.

Di seguito ho pensato di raccogliere una serie di codici ATECO che identificano chi vuole lavorare online.

Quindi, se gestisci un sito web, ovvero se vuoi aprire un E-commerce, oppure vuoi lavorare con le mailing list, o sviluppare App o software, ecco i codici da utilizzare.

Partiamo!


CODICE ATECO ATTIVITA’ DI ECOMMERCE

Se desideri vendere online, ed avviare una attività di E-commerce, diretto o indiretto il codice attività da utilizzare è il seguente:

Codice attività – 47.91.10: “Commercio al dettaglio di qualsiasi tipo di prodotto effettuato via internet (E-Commerce)

Trattasi di attività commerciale. Questo codice attività è utilizzabile da chi fa E-commerce ed in alcuni casi anche per le Affiliazioni commerciali.


CODICE ATECO LEGATO ALLA PUBBLICAZIONE DI MAILING LIST

Per chi intende lavorare online con attività legata alla messa a reddito di mailing list deve utilizzare il seguente codice:

Codice attività –  58.12.02: “Pubblicazione di mailing list


Codice attività – 63.11.30: “Hosting e fornitura di servizi applicativi (ASP)

Trattasi di attività commerciale, che richiede di operare in forma di impresa.


CODICE ATECO LEGATO AD EDIZIONE DI GIOCHI PER COMPUTER

Il codice attività da utilizzare è il seguente:

Codice attività –  58.21.00: “Edizione di giochi per computer

Trattasi di attività commerciale, che richiede di operare in forma di impresa.


CODICE ATECO PER PRODUZIONE DI SOFTWARE

La produzione e la commercializzazione di software prevede l’utilizzo di questo codice:

Codice attività – 58.29.00: “Edizione di altri software a pacchetto (esclusi giochi per computer)


Codice attività –  
62.01.00: “
Produzione di software non connesso all’edizione

Trattasi di attività commerciale.


CODICE ATECO CONSULENZA INFORMATICA

La consulenza informatica, non legata alla realizzazione di siti web, prevede il seguente codice:

Codice attività – 62.02.00: “Consulenza nel settore delle tecnologie dell’informatica

Codice attività –
62.09.09: “
Altre attività dei servizi connessi alle tecnologie dell’informatica nca

Questa è considerata una attività di tipo professionale.


CODICE ATTIVITA’ PER CONFIGURAZIONE E VENDITA DI PC

La gestione di strutture e apparecchiature informatiche, la configurazione di PC, prevedono i seguenti codici:

Codice attività – 62.03.00: “Gestione di strutture e apparecchiature informatiche hardware – housing (esclusa la riparazione)

Codice attività – 62.09.01: “Configurazione di personal computer

Entrambi i codici identificano una attività di tipo imprenditoriale.


CODICE ATTIVITA’ DELLE BANCHE DATI ONLINE

Se il tuo modo di lavorare online prevede la gestione di database e banche dati online devi utilizzare i seguenti codici:

Codice attività – 63.11.20: “Gestione database (attività delle banche dati)

Codice attività – 63.12.00: “Portali web

Entrambe le attività sono considerate di tipo imprenditoriale.


CODICE ATTIVITA’ PUBBLICITA’ ONLINE SU SITI WEB

Se effettui la conduzione di campagne pubblicitarie sul web i codici da utilizzare sono i seguenti.

Codice attività – 63.99.00: “Altre attività dei servizi di informazione nca

Codice attività – 73.11.01: “Ideazione di campagne pubblicitarie

Entrambe le attività sono di tipo imprenditoriale. Per approfondire l’argomento ti lascio a questo contributo dedicato:

Google Adsense: guida a fatturazione e gestione


CODICE ATTIVITA’ AFFILIATE MARKETING

L’attività di Affiliate Marketing prevede l’utilizzo di un preciso codice attività. E’ il seguente:

Codice attività – 73.11.02: “Conduzione di campagne di marketing ed altri servizi pubblicitari

La conduzione di campagne di marketing è una attività commerciale. Si tratta del codice attività più indicato per chi svolge attività di Affiliate Marketing.

Per approfondire ti lascio a questo contributo dedicato:

Affiliate Marketing: la guida fiscale


CODICE ATTIVITA’ ALTRE ATTIVITA’ PER LAVORARE ONLINE

Vediamo adesso altri codici attività per attività di business online molto diffuse:

Codice attività – 73.20.00: “Ricerche di mercato e sondaggi di opinione“. Trattasi di attività commerciale;

Codice attività – 74.10.21: “Attività dei disegnatori grafici di pagine web“.
Trattasi di attività commerciale;

Codice attività  – 74.90.99: “Altre attività professionali nca“.
Trattasi di attività commerciale;

Codice attività – 95.11.00: “Riparazione e manutenzione di computer e periferiche“.
Trattasi di attività commerciale.


LA SCELTA DEL CODICE ATTIVITA’

Quando scegli il codice attività legato alla tua attività online devi prestare attenzione al fatto che la scelta non è casuale.

Non si tratta di scegliere uno tra questi codici, in modo più o meno causale.

Il codice attività è quello che deve descrivere al meglio la tua attività. Per questo motivo, ti consiglio di effettuare questa scelta sempre con l’ausilio di un professionista preparato.

Scegliere un codice attività non corretto o che non riguarda l’attività che concretamente stai esercitando potrebbe portarti ad incorrere in sanzioni amministrative in caso di accertamenti fiscali.

Presta la massima attenzione nel momento di scelta del tuo codice attività!

Se hai dubbi, lascia un commento al termine di questo articolo.


LAVORARE ONLINE: ADEMPIMENTI FISCALI

Se desideri lavorare online e sei riuscito ad individuare il corretto codice attività da utilizzare, rivolgiti ad un Commercialista esperto di Business Online.

In precedenza, per cercare di agevolarti ho voluto indicarti per ciascun codice se lo stesso presuppone una attività:

  • Commerciale, oppure
  • Professionale.

Questa differenza è fondamentale.

Considera che le attività commerciali sono tenute all’iscrizione all’iscrizione in Camera di Commercio e alla Gestione commercianti dell’INPS.

Le attività professionali, invece, prevedono esclusivamente l’iscrizione alla Gestione separata dell’INPS.

Come avrai capito, quindi, gestire una attività imprenditoriale o professionale è completamente diverso. Per questo ti occorre un consulente esperto in grado di assisterti.

ADEMPIMENTI DI AVVIO DELL’ATTIVITA’

Di seguito ti propongo gli obblighi fiscali richiesti per l’avvio di un’attività economica.

In particolare, si tratta dei seguenti:

Apertura della partita IVA

E’ il primo adempimento fiscale da rispettare.

Ti permette di diventare soggetti economici ai fini fiscali.

Aprire partita IVA non costa niente. E’ sufficiente presentare l’apposito modello presso l’Agenzia delle Entrate, scegliendo il regime fiscale più adatto alle tue caratteristiche (da valutare la possibile adesione al “Regime Forfettario“).

Con l’apertura della Partita IVA dovrai inserire il codice attività che hai precedentemente individuato.

Iscrizione alla Camera di Commercio

L’iscrizione è obbligatoria, per tutte le attività economiche di tipo commerciale.

I professionisti non devono iscriversi in Camera di Commercio.

I soggetti tenuti all’iscrizione da effettuarsi presso la Camera di Commercio della provincia di residenza sono tenuti al versamento dei diritti annuali, per circa € 156,00.

Iscrizione alla Gestione Commercianti dell’INPS

L’esercizio di attività commerciali obbliga all’iscrizione alla Gestione commercianti dell’INPS.

Si tratta di una gestione previdenziale obbligatoria, che prevede il pagamento di contributi fissi, a prescindere dal reddito generato dall’attività.

Maggiori informazioni e approfondimenti su questo regime previdenziale potete trovarle di seguito:

Contributi INPS artigiani e commercianti

Iscrizione alla Gestione Separata dell’INPS

Si tratta della gestione previdenziale a cui sono tenuti all’iscrizione i professionisti che vogliono lavorare online.

Si tratta di una gestione previdenziale obbligatoria (per i professionisti sprovvisti di cassa professionale privata), che prevede il versamento di contributi in percentuale sul reddito generato dalla propria attività.

Puoi trovare maggiori informazioni su questo regime previdenziale di seguito:

Gestione separata INPS

Tutti questi adempimenti, saranno assolti per te dal dottore Commercialista a cui deciderai di rivolgerti e a cui potrai fare affidamento per la gestione dei tutti gli adempimenti fiscali.


LAVORARE ONLINE: CONSULENZA FISCALE

Lavorare online
Lavorare online

Se hai letto completamente questo articolo significa che probabilmente vuoi lavorare online.

Che la tua sia una attività imprenditoriale che professionale, e stai cercando un professionista in grado di assisterti, contattami!

Tra i miei clienti ci sono tantissime attività online. Potrai trovare la massima affidabilità e la mia esperienza sul campo.

Di seguito il link per metterti in contatto con me:

Ti risponderò nel più breve tempo e potrai contare sulla consulenza di un professionista preparato nella consulenza per il mondo del Web.

Se, invece, vuoi raccontarci la tua esperienza, lascia un commento di seguito.

7 COMMENTS

  1. Tali codici possono essere considerati anche attività professionale, se l’attività esercitata è effettivamente professionale. Se io sono ideatore di una campagna pubblicitaria, sono un professionista, perché la mia attività è inventare la campagna pubblicitaria di un cliente. Se, invece, gestisco campagne pubblicitarie ad esempio perché il mio sito ospita banner pubblicitari, ecco che allora siano di fronte ad attività commerciale. Tutto dipende dall’attività concretamente esercitata.

     
  2. Forse varrebbe la pena di specificarlo nell’articolo. Chi non è già preparato di suo leggendovi rischia di precludersi delle possibilità autolimitandosi indebitamente

    Grazie, buona giornata

     
  3. salve. non capisco bene la differenza tra professionista, gestione separata, e ditta individuale, artigiani e commercianti. il link indicato da marco dell’inps sembra far rientrare tantissimi codici ateco alla gestione separata. esempio ci sono addirittura tantissimi codici di ‘Commercio al dettaglio’ come anche il 47.91.10…. quindi non capisco. c’è un riferimento di legge che identifica quali codici si possono fare come professionista, quindi gestione separata? l’unico che parla espressamente di cosa è un professionista è l’art. 2082 c.c. che fa distinzione con l’imprenditore con la parola ‘organizzazione’ che sinceramente non ho capito cosa voglia dire. per caso puoi spiegare? tnx 🙂

     
  4. Dipende dall’attività concretamente esercita e se può essere più affile ad un’attività professionale piuttosto che commerciale. Per questo è fondamentale capire bene l’attività che si svolge e confrontarsi con un commercialista preparato. Se vuole ne parliamo in privato.

     
  5. Salve,

    Vi ringrazio per tutte le informazioni preziose comunicate.
    Ho una domanda semplice, in caso du un ricavo nullo, il professionista deve comunque pagare l’imposta sostituiva del 5% e la gestione separata?

    Grazie

     
  6. Se fa riferimento al regime forfettario, se il professionista ha fatturato, ha sempre un reddito su cui pagare imposte e contributi.

     

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.