Redditi esteri: capire se devono essere dichiarati in Italia

524
1969
 

Redditi Esteri come e quando devono essere dichiarati in Italia? Quando un soggetto ha percepito Redditi Esteri deve fare attenzione al concetto di residenza fiscale per capire se i redditi saranno oggetto di imposizione fiscale anche in Italia. Secondo la “worldwide taxation”, i redditi di un soggetto residente in Italia, saranno assoggettati ad imposta ovunque essi siano prodotti. 

Quando un contribuente, per vari motivi, decide di lasciare l’Italia per andare a lavorare all’estero, deve capire ove è tenuto a dichiarare i suoi redditi.

Il momento fondamentale è la predisposizione della dichiarazione dei redditi.

E’ in questo momento che si pone il problema di capire se i Redditi Esteri percepiti siano imponibili anche nel nostro Paese. Oppure, al contrario se essi debbano essere dichiarati solo nel Paese estero ove sono stati percepiti.

Questo aspetto, che a prima vista potrebbe sembrarvi banale, non lo è affatto.

Si trata di una causa fonte di una moltitudine di errori che portano i contribuenti a vedersi recapitare comunicazioni di irregolarità. Oppure, nei casi più gravi veri e propri accertamenti fiscali da parte dell’Agenzia delle Entrate.

Quando si percepiscono Redditi Esteri, il problema della loro tassazione sembrerebbe essere di facile soluzione. Se ci trasferiamo all’estero, non dobbiamo più niente all’Italia.

In realtà le cose non stanno davvero in questo modo.

Molte persone peccano di superficialità nel curare questi aspetti. Di conseguenza molto spesso finiscono con il pagare sanzioni per non aver rispettato la normativa in vigore.

Per questo motivo ho deciso di realizzare per te questa guida.

Perché devi leggere questa guida sulla tassazione dei redditi esteri in Italia?

Leggendo questo articolo sarai in grado di capire se e come dovrai dichiarare i Redditi Esteri in Italia.

Nel caso scoprirai anche come evitare la doppia imposizione economica. Senza dimenticare che se avrai ulteriori dubbi potrai contare sulla mia consulenza in merito.

Sei pronto?! Si comincia!


La residenza fiscale dei contribuenti

Il concetto fondamentale per capire se è necessario dichiarare i Redditi Esteri anche in Italia è quello di Residenza Fiscale.

La residenza fiscale dei contribuenti è disciplinata dall’articolo 2, comma 2, del DPR n 917/86.

Articolo ai sensi del quale:

ai fini delle imposte sui redditi si considerano residenti nel territorio italiano le persone che per la maggior parte del periodo d’imposta:

  • sono iscritte nelle anagrafi della popolazione residente

o hanno nel territorio dello Stato:

  • il domicilio o
  • la residenza ai sensi del codice civile
  • oppure si sono trasferiti nei Paesi a fiscalità privilegiata di cui al D.M. 04/05/1999

Le condizioni sopra citate, per verificare la residenza in Italia, sono alternative tra loro.

Infatti, è sufficiente che ricorra una sola di esse perché un soggetto sia considerato fiscalmente residente in Italia.

La Residenza Fiscale in Italia ha come conseguenza più importante l’applicazione del principio della “worldwide taxation“. Si tratta di un principio, definito dall’articolo 3 del DPR n 917/86.

Tale articolo prevede che i soggetti fiscalmente residenti siano tenuti a dichiarare in Italia tutti redditi. Ovunque essi siano stati percepiti (indipendentemente dal luogo nel quale siano stati prodotti).

Al contrario, se invece, un soggetto non possiede alcuna delle caratteristiche sopra citate (nel concetto di Residenza Fiscale), non sarà considerato residente fiscalmente in Italia.

Pertanto sarà chiamato a dichiarare e quindi tassare nel nostro Paese soltanto i redditi ivi percepiti (tassazione dei redditi nello Stato della Fonte).

Per approfondire: “La residenza fiscale delle persone fisiche

Doppia tassazione dei redditi esteri

Come abbiamo visto, quando un soggetto fiscalmente residente in Italia, percepisce Redditi Esteri, è tenuto a dichiararli nello Stato di Residenza Fiscale (Italia).

Tuttavia, a seconda del tipo di reddito percepito, e a seconda della normativa fiscale applicata nel Paese di percepimento del reddito, è possibile che questi proventi debbano essere dichiarati anche in questo Stato (Stato della Fonte).

Questo determina una doppia tassazione di uno stesso reddito. Sia nello Stato della Fonte che nello Stato di Residenza Fiscale del soggetto.

Per evitare la doppia tassazione, ai sensi dell’articolo 165 del DPR n 917/86 è possibile applicare un credito per imposte pagate all’estero.

La spettanza del credito d’imposta è subordinata alla condizione che il reddito estero concorra alla formazione del reddito imponibile in Italia, ai fini delle imposte sui redditi.

L’Agenzia delle Entrate ha escluso la spettanza del credito di imposta per le imposte assolte all’estero in relazione a redditi esteri assoggettati in Italia a ritenuta a titolo di imposta o ad imposta sostitutiva.

Perciò, ad esempio, sono esclusi i redditi di capitale derivanti dalla partecipazione al patrimonio di società non residenti. Nonché i redditi di capitale percepiti direttamente all’estero.

Il credito deve essere riproporzionato qualora il reddito estero concorra parzialmente a formare il reddito imponibile in Italia.

E’ il caso dei dividendi, i quali se provenienti da società estere non Black list, concorrono a formare il reddito imponibile per il 5% del loro ammontare.

Di conseguenza anche l’imposta subita all’estero deve essere ridotta del 95%.


AIRE: Anagrafe italiana dei residenti all’estero

Per venire in contro agli italiani che si trasferiscono all’estero la Legge n 470/88 ha istituito l’AIRE. Ovvero, l’Anagrafe degli Italiani Residenti all’Estero.

Si tratta di un registro che raccoglie i dati dei cittadini italiani che risiedono all’estero per un periodo superiore a 12 mesi.

I cittadini italiani che trasferiscono la loro residenza da un comune italiano all’estero (intendendosi per tale anche i Paesi facenti parte dell’Unione europea) devono farne dichiarazione all’Ufficio anagrafe del proprio comune.

Questa comunicazione avviene tramite una modulistica messa a disposizione dall’Ufficio consolare competente entro 90 giorni dal trasferimento della residenza.

La predetta iscrizione, che viene eseguita gratuitamente, è un diritto/dovere del cittadino. Essa comporta la cancellazione dall’Anagrafe della popolazione residente del Comune italiano di provenienza.

L’iscrizione all’AIRE, assieme all’effettiva volontà di risiedere all’estero in modo stabile sono elementi fondamentali per trasferire all’estero la propria residenza fiscale. E di conseguenza evitare di dover effettuare la doppia tassazione dei Redditi Esteri percepiti.

Per avere maggiori informazioni sull’iscrizione all’AIRE ti invito alla lettura di questo contributo: “AIRE: Anagrafe dei residenti all’estero“.

Iscrizione all’AIRE e tassazione dei redditi esteri

Ogni soggetto che si trasferisce all’estero per lunghi periodi è tenuto ad iscriversi all’AIRE, per essere considerato fiscalmente residente all’estero.

Affinché questa condizione possa essere soddisfatta, tuttavia, è necessario che l’iscrizione all’AIRE sia valida ed efficace per almeno 183 giorni nell’anno. Ovvero per la maggior parte del periodo di imposta.

Soltanto in questo caso, infatti, per quel periodo di imposta il soggetto può validamente essere considerato residente all’estero. Quindi, avrà facoltà di dichiarare in Italia soltanto i redditi ivi percepiti.

Questo è quanto afferma l’articolo 2 del DPR n 917/86 citato prima.

Per questo ti consiglio di verificare sempre, quando ti sei iscritto all’AIRE.

Mi riferisco alla comunicazione ricevuta di accettazione della domanda. Questo per capire se nell’anno di iscrizione sei considerato fiscalmente residente in Italia, o meno.


La presentazione della dichiarazione dei redditi in caso di redditi esteri percepiti

Una volta chiarito il concetto di Residenza Fiscale, le situazioni cui può trovarsi di fronte un soggetto che ha lavorato all’estero sono due.

La variabile riguarda il Paese ove il soggetto risulta essere fiscalmente residente.

Il contribuente risulta residente fiscalmente all’estero

In questo caso il contribuente è tenuto a dichiarare i redditi esteri. Egli pagherà le eventuali imposte dovute soltanto nel Paese straniero di residenza.

In Italia tali redditi non devono essere dichiarati in virtù della residenza fiscale estera. In Italia devono essere tassati, in questo caso, soltanto redditi di fonte italiana.

Il contribuente risulta residente fiscalmente in Italia

Se il contribuente, nonostante la residenza estera, non possiede i requisiti per essere considerato fiscalmente residente nel Paese straniero dovrà dichiarare in Italia i redditi esteri.

Allo stesso tempo dovrà dichiarare gli stessi redditi anche nel Paese straniero.

In questa ipotesi, però è bene sottolineare che esistono molti trattati bilaterali stipulati tra l’Italia e i Paesi stranieri volti ad evitare la doppia imposizione fiscale sui redditi prodotti all’estero.

Questi trattati servono per disciplinare le singole pretese impositive di ogni stato.

Nel caso in cui il soggetto debba dichiarare sia in Italia che nel Paese estero dei redditi formatisi nell’anno, questi saranno dichiarati nei quadri del Modello Redditi Persone Fisiche secondo la loro natura.

Esattamente come avviene per i redditi italiani (RC, RE, RF, RT, RL, etc.).

Sarà anche possibile, ai sensi dell’articolo 165 del DPR n. 917/86, recuperare le imposte estere dovute per competenza sui predetti redditi. Questo attraverso il calcolo di un apposito credito d’imposta.

Questo lo vedrai di seguito.


Il credito per imposte pagate all’estero: applicazione per evitare la doppia imposizione

Il recupero delle imposte pagate all’estero deve essere effettuato compilando il quadro CE del Modello Redditi Persone Fisiche.

Sia per i redditi di impresa, che per i redditi diversi da questi.

Il credito di imposta è calcolato in base alle imposte estere dovute. Esso può essere pari, al massimo, alle imposte italiane dovute su quel reddito.

Il calcolo del credito di imposta può rivelarsi particolarmente complicato per i non addetti ai lavori.

Per questo motivo ti consiglio di consultare sempre un Commercialista esperto di Fiscalità Internazionale. In questo modo potrai determinare il corretto credito da applicare in dichiarazione dei redditi.

Funzionamento del credito per imposte estere

Ai sensi dell’articolo 165 comma 1 del DPR n 917/86 in caso di redditi prodotti all’estero che concorrono a formare il reddito complessivo ai fini delle imposte dirette, le relative imposte  estere:

“sono ammesse in detrazione dall’imposta netta dovuta fino a concorrenza della quota di imposta corrispondente al rapporto tra:

  • I redditi prodotti all’estero ed
  • Il reddito complessivo”

Inoltre,

nel caso in cui il reddito prodotto all’estero concorra parzialmente alla formazione del reddito complessivo, anche l’imposta estera va ridotta in misura corrispondente

Questo, ad esempio, può essere il caso dell’applicazione delle Retribuzioni convenzionali sui redditi da lavoro dipendente esteri.

Detrazione o credito per imposte estere?

La possibilità di usufruire della detrazione oppure del credito di imposta dipende dal periodo in cui l’agevolazione deve essere fruita.

Le convenzioni internazionali prevedono che l’agevolazione debba essere fruita nell’anno in cui è avvenuto il pagamento a titolo definitivo delle imposte estere.

In particolare, possiamo avere due diverse fattispecie.

  • Pagamento delle imposte a titolo definitivo nello Stato estero avviene nello stesso periodo di imposta della dichiarazione italiana. In questo caso l’agevolazione, ovvero il credito si comporta come una detrazione. Non potendo essere maggiore dell’imposta netta italiana dovuta;
  • Pagamento delle imposte a titolo definitivo nello Stato estero avviene successive al periodo di imposta della dichiarazione italiana. In questo caso l’agevolazione, ovvero il credito funge da credito d’imposta. Nel senso che l’importo potrà eccedere l’imposta netta dell’anno di fruizione, ma sempre entro i limiti dell’imposta netta dell’anno di percezione del reddito estero.

Tassazione dei redditi esteri percepiti in Stati diversi

Se alla formazione del reddito complessivo concorrono redditi prodotti in più stati esteri, l’ammontare della detrazione deve essere determinato separatamente per ogni Stato.

In altri termini, il calcolo per la determinazione del credito d’imposta spettante deve essere ripetuto. La ripetitività sarà tante volte quanti sono i Paesi esteri in cui si percepiscono redditi che concorrono alla formazione del reddito complessivo.

L’ammontare della detrazione ammessa è pari alla somma delle singole detrazioni determinate con riferimento ai diversi Paesi di produzione dei redditi.


Istanza di rimborso delle imposte all’Agenzia delle Entrate

Una situazione particolare può venirsi a creare quando all’interno di una convenzione contro le doppie imposizioni è indicata una aliquota massima di imposta.

E’ il caso ad esempio della ritenuta in uscita sulle Royalties. Molto spesso, nelle convenzioni l’aliquota da applicare è inferiore rispetto all’aliquota prevista dallo Stato che ha erogato il Reddito (Stato della Fonte).

Ebbene, qualora il soggetto estero erogante il reddito abbia applicato la ritenuta più alta prevista dalla norma interna, e non quella ridotta prevista dalla convenzione non si applica il credito di imposta.

In questo caso, infatti, la procedura da seguire per l’applicazione della convenzione, è particolare.

Se il soggetto percettore non può più chiedere la ritenuta ridotta convenzionale dovrà agire attraverso istanza di rimborso.

L’Agenzia delle Entrate con la Risoluzione n. 104/2001 ha chiarito questo aspetto.

In presenza di convenzioni contro le doppie imposizioni, qualora il prelievo sia stato effettuato nell’altro Stato contraente in misura eccedente l’aliquota prevista dal trattato, la maggiore imposta subita (vale a dire la differenza tra il prelievo effettivamente subito e l’aliquota convenzionale) non può essere recuperata attraverso il credito d’imposta.

In questi casi il recupero avviene mediante un’istanza di rimborso da presentare alle autorità fiscali estere con le modalità e i termini stabiliti dalla relativa legislazione.


Interpello in situazioni di incertezza

Il contribuente ha facoltà di presentare all’Aministarzione finanziaria un istanza di interpello.

L’interpello serve a chiedere che l’Amministrazione finanziaria si esprima in situazioni di incertezza. In particolare, riguardo alla natura di un tributo estero non oggetto di convezione contro le doppie imposizioni.

Questa facoltà è concessa ai sensi e per gli effetti dell’articolo 11, della Legge n. 212/00.

Il contribuente potrà presentare interpello nelle seguenti situazioni:

  • Esistenza di dubbi in merito ai nuovi tributi entrati in vigore successivamente rispetto a quelli nell’elenco originario della convenzione contro le doppie imposizioni;
  • Sussistenza di dubbi in merito alla natura del tributo estero qualora non sia stata stipulata una convenzione con il Paese estero.

Percepimento di redditi esteri da parte di soggetti residenti in Italia: consulenza fiscale

Vuoi avere maggiori informazioni sulla disciplina legata al trasferimento della residenza all’estero?

Oppure se vuoi capire come compilare la tua dichiarazione dei redditi, se hai percepito dei Redditi Esteri, sarò lieto di offrirti la mia consulenza.

Ho maturato da anni esperienza diretta in questo settore e posso mettermi a tua disposizione per indicarti come tassare al meglio i redditi esteri che hai percepito.

Assieme a te analizzerò la tua situazione personale individueremo la tua residenza fiscale e i redditi esteri che hai percepito. Successivamente analizzeremo l’eventuale convenzione contro le doppie imposizioni e vedremo la miglio soluzione per te.

Se stai pensando di trasferirti all’estero?

Oppure vivi all’estero già da tempo ma vuoi avere un riscontro sulla tua posizione fiscale nei confronti dell’Amministrazione fiscale italiana?

In tutti questi casi contattami!

Fare da soli, con tematiche complesse, come quelle fiscali, porta sempre a commettere errori. Per questo ti consiglio di affidarvi sempre a professionisti competenti!

Se vuoi puoi richiedere il mio aiuto attraverso l’apposito servizio di consulenza fiscale online. Sarai ricontattato nel più breve tempo e potrai interagire con un professionista preparato che risolverà i tuoi dubbi.

Insieme potremo simulare la tassazione italiana applicabile al tuo caso concreto. Oppure, potrai avere certezza che l’Amministrazione finanziaria non potrà contestare la tua posizione fiscale.

524 COMMENTS

  1. Buongiorno dott. Migliorino. Mi hanno offerto un lavoro a Milano da un’azienda Svizzera con contratto Svizzero.
    Sul contratto è indicato che pagherò le tasse in Svizzera e mi forniranno un permesso di lavoro G, in modo che potrò anche recarmi in Svizzera da lavoratore, se ci fosse la necessità. Nel contratto è anche indicato l’impegno da parte loro di corrispondermi il differenziale netto tra quanto pagato in Svizzera e quanto pagato in Italia nella dichiarazione dei redditi: ma questa cifra farà cumulo nell’anno successivo? Ci pagherò ancora le tasse in Italia? Oppure sarà un rimborso a “pié di lista”?
    Mi può aiutare? Grazie.

     
  2. Salve Andrea, lei ha obbligo di dichiarare il reddito anche in Italia, se l’azienda Svizzera si è offerta di rimborsarle le tasse italiane, immagino che lo faccia erogandole ulteriore reddito, che a sua volta sarà soggetto l’anno successivo a tassazione Svizzera ed italiana. Così via di anno in anno. Per maggiori info mi contatti in privato.

     
  3. Salve Federico, sono italiano residente all’estero. A 2018 ho fatto la iscrizione all’anagrafe nel comune a giugno, pero sono tornado all’estero e ho fato la iscrizione in AIRE a ottobre, da qualle no c’e confermata dal comune. Il mio reddito sei solo di lavoro all’estero. Il mio dubbi sei, la mia residenza fiscale deve essere in Italia o in paese estero? Anche, devo pagare qualcune valore di irpef?
    Grazie tante.

     
  4. Salve Walter, da queste informazioni la tua residenza fiscale è rimasta in Italia. Per maggior info sulla tassazione e sulla tua dichiarazione dei redditi contattami in privato per una consulenza.

     
  5. In Svezia per insegnare per un totale di 36 ore in tre mesi, non so se restero= ancora, mi domando paghero le tasse in Svezia devo fare denuncia in Italia esiste un modulo online_
    Grazie
    Saluti

     
  6. Salve Matteo, con queste informazioni non è possibile sapere dove deve dichiarare i suoi redditi. Servono maggiori informazioni, se vuole mi contatti in privato per una consulenza.

     
  7. Buongiorno, mio marito di cittadinanza Belga , ma residente in italia da 25 anni,e disoccupato quì in Italia, lo scorso anno ha lavorato 5 mesi in Belgio come dipendente di una grossa azienda, senza mai trasferire la residenza.
    Come devo dichiarare nel 730 questi redditi?
    grazie

     
  8. buongiorno mio figlio ha deciso di rientrare dall’Australia dopo circa 5 anni di lavoro . In questi anni ha risparmiato diversi soldi, come è possibile versare i soldi in un conto corrente italiano senza incorrere in sanzioni o problematiche fiscali ? grazie

     
  9. Gentile Dott. Migliorino,
    ho un dubbio riguardante la mia situazione reddituale.
    Sono residente all’estero da piu’ di un anno, in Germania dal 01.01.2018 al 30.04.2018 e in Olanda dal 01.05.2018. Sono sposato in comunione dei beni e ho due figli. Mia moglie lavora in Italia, dove vivono anche i miei figli.
    Non mi sono iscritto all’AIRE fino ad oggi perche’ ho avuto solo a Gennaio l’estensione ulteriore del contratto in Olanda, e ora mi appresto a farlo (sempre che il sito funzioni… 🙂 ).
    Sono un ricercatore, quindi ho avuto una tassazione a monte del salario, precisamente del 50% sullo stipendio lordo in Germania e piu’ bassa in Olanda.
    Ovviamente, seppur io sia oggi in ritardo con l’iscrizione all’AIRE, non aveva molto senso per me l’iscrizione all’AIRE fino a Dicembre. Anzi, da quanto capisco non potevo proprio iscrivermi (e dato che ho cambiato paese di residenza estera, mi e’ venuto il dubbio che io debba aspettare fino al 1 maggio 2019). In ogni caso, da quanto leggo sopra, ho paura che dovro’ pagare le tasse anche in Italia. In aggiunta, qui in Olanda mi hanno consigliato di non presentare nessuna dichiarazione dei redditi (sembra che cio’ sia legale), perche’ non avrei niente da recuperare.
    Io pensavo di non dichiarare i redditi in Italia, dato che sono redditi da lavoro dipendente per i quali c’e’ stata gia’ a monte una abbondante tassazione (soprattutto in Germania). Le chiedo se, a suo parere, e’ possibile procedere in questo modo.

    Grazie in anticipo per la sua disponibilita’!

     
  10. Buongiorno, mio figlio si trova attualmente in Spagna per un dottorato di ricerca. La sua residenza è in Italia. Devo predisporre per lui la dichiarazione dei redditi in quanto c’è una C.U. per reddito percepito nel 2018 e una C.U. relativa a TFR percepito nel 2018 per un lavoro svolto nel 2017, inoltre ha lavorato come dipendente in Spagna in ottobre novembre e dicembre del 2018. Si dovrà dichiarare anche il reddito percepito in Spagna, peraltro già tassato là? La ringrazio per l’attenzione, cordiali saluti.

     
  11. Salve Monica, tutti i redditi di suo figlio devono essere dichiarati in Italia, suo Paese di residenza fiscale. Per i redditi esteri occorre capire in che modo deve essere evitata la doppia tassazione.

     

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.