Società non Residenti: la dichiarazione dei redditi in Italia

0
288
 

Le modalità di presentazione della dichiarazione dei redditi delle Società non Residenti. Società ed Enti non residenti che devono presentare la dichiarazione dei redditi in Italia. Quadri reddituali da utilizzare in relazione alla presenza o meno in Italia di una stabile organizzazione.

Quando una Società o un Ente non Residente fiscalmente in Italia percepisce un reddito di fonte italiana deve interrogarsi sull’obbligo di dichiarare in Italia tale reddito.

Nel caso in cui vi sia l’obbligo di dichiarare il reddito di fonte italiana, in virtù della normativa interna, o convenzionale in vigore è necessario andare a delineare le modalità operative.

Vi sono delle differenze fondamentali, infatti, che dipendono dal tipo di reddito percepito e dal fatto che la società estera abbia o meno in Italia una Stabile Organizzazione.

Vediamo come deve essere dichiarato in Italia il reddito percepito da una Società Estera.

Principi di determinazione del reddito di Società ed Enti non residenti

La determinazione del reddito delle società e degli enti (commerciali e non commerciali) non residenti è definito dal DPR n 917/86, con queste modalità:

  • Articolo 151 disciplina la tassazione delle società e degli enti commerciali senza stabile organizzazione;
  • Articolo 152 riguarda, invece, le società ed enti non residenti con stabile organizzazione;
  • L’Articolo 153 disciplina, infine, gli enti non commerciali non residenti.

Queste tre norme hanno un elemento comune. Si tratta di determinazione di redditi che devono essere soggetti ad IRES.

La dichiarazione dei redditi da presentare in Italia

Le società e gli enti non residenti devono presenta un’unica dichiarazione dei redditi, per tutti i redditi prodotti in Italia.

Il modello dichiarativo da utilizzare per le Società non Residenti è il modello Redditi SC. Tale modello deve essere utilizzato:

  • Sia da parte delle società (di persone e di capitali) e degli enti commerciali (compresi i trust) che hanno in Italia una stabile organizzazione;
  • Sia da parte degli stessi soggetti, se non hanno in Italia una stabile organizzazione.

Devono, invece, utilizzare il modello Redditi ENC:

  • Gli enti non commerciali (compresi i trust);
  • Le società semplici e le società ed associazioni ad esse equiparate.

In nessun caso una società di persone non residente titolare di redditi di fonte italiana è tenuta ad utilizzare il modello Redditi SP. Queste società infatti, sono tenute ad utilizzare il modello Redditi SC o Redditi ENC, a seconda dei casi.

Natura giuridicaModello Reddituale
Società di capitaliModello Redditi SC
Enti non commerciali
Modello Redditi SC
Società di persone commerciali
Modello Redditi SC
Società semplici ed equiparateModello Redditi ENC
Enti non commercialiModello Redditi ENC

Vediamo adesso alcune casistiche di frequente riscontro pratico. In particolare mi riferisco ai seguenti:

  • Società non residente con stabile organizzazione in Italia, senza altri redditi di fonte italiana;
  • Le Società non residenti senza stabile organizzazione in Italia;
  • Società non residente con stabile organizzazione in Italia e altri redditi di fonte italiana.

Società non Residente con stabile organizzazione in Italia

Se la società estera ha una stabile organizzazione in Italia e non vi sono altri redditi diversi da quello d’impresa imponibili in Italia, deve essere compilato il quadro RF. Mi riferisco al quadro RF del modello Redditi SC.

In questo caso i quadri RA, RB, RH, RL e RT dello stesso modello dichiarativo non devono essere compilati.

Il reddito d’impresa è, infatti, determinato nel quadro RF, apportando le
variazioni in aumento e in diminuzione previste dalla normativa domestica al risultato del Conto economico della stabile organizzazione.

Società non residente senza stabile organizzazione in Italia

Se la società estera è priva di una stabile organizzazione in Italia, ma consegue redditi di fonte italiana da dichiarare, essa è tenuta ad utilizzare il modello Redditi SC.

In particolare i quadri in commento, e quindi:

  • I quadri RA ed RB, se la società estera ha il possesso di terreni o fabbricati in Italia. Elementi i cui redditi sono imponibili in Italia a norma dell’articolo 23, comma 1, lettera a) del DPR n 917/86. Redditi che sono determinati con i criteri dei redditi fondiari contenuti negli articoli da 25 a 43 del DPR n 917/86;
  • Il quadro RH, nei casi (non molto frequenti) in cui la società estera detenga partecipazioni in società di persone residenti e altri soggetti “trasparenti”, i cui redditi sono imponibili in Italia. Questo a norma dell’articolo 23, comma 1, lettera g) del DPR n 917/86;
  • Il quadro RL, nel momento in cui vi siano dividendi e altri redditi di capitale, imponibili in Italia. Questo a norma dell’articolo 23, comma 1, lettera b), del DPR n 917/86 (in quanto corrisposti da soggetti residenti). Ovvero redditi diversi di natura non finanziaria imponibili in Italia ai sensi dell’articolo 23, comma 1, lettera f), in quanto derivanti da attività svolte in Italia o da beni che si trovano in Italia. Quali ad esempio le plusvalenze immobiliari (art. 67 co. 1 lett. a) e b) del DPR n 917/86);
  • Quadro RT, se la società estera detiene partecipazioni in società residenti in Italia le cui plusvalenze sono imponibili in Italia. Questo ai sensi dell’articolo 23 comma 1, lettera f) del DPR n 917/86.

In questo contesto, deve essere ricordato che se la partecipazione da cui derivano i dividendi o le plusvalenze si riferisce alla stabile organizzazione italiana, tali componenti reddituali rappresentano parte del reddito della stabile organizzazione. Redditi, quindi, determinati con le regole del reddito d’impresa.

La società estera che dispone in Italia di una stabile organizzazione ed anche di altri redditi non ad essa connessi, deve presentare il modello Redditi SC.

Società non Residente con stabile organizzazione in Italia e altri redditi di fonte italiana

Questo per dichiarare il reddito della stabile organizzazione nel quadro RF e il reddito di altra natura nel quadro dedicato. Ad esempio, il quadro RB per il reddito di un immobile tenuto a disposizione e non utilizzato per l’attività imprenditoriale, né in alcun modo collegato alla stabile organizzazione.

Società non Residenti e dichiarazione dei redditi in Italia

In questo articolo ho voluto fornire un quadro riepilogativo degli adempimenti dichiarativi di una società estera non residente.

Come hai avuto modo di notare il modello da utilizzare è quasi per la totalità dei casi il modello Redditi SC. In tale modello è necessario tenere distinti i redditi che derivano dalla Stabile Organizzazione italiana, da indicare nel quadro RF. Nel caso in cui, invece, la società estera abbia percepito redditi in Italia in assenza di stabile organizzazione, devono essere compilati i distinti quadri reddituali. Uno per ogni categoria reddituale percepita.

Infine, in caso di società semplici ed enti non commerciali non residenti il modello da utilizzare è il modello Redditi ENC.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.