Verificare la validità della cartella esattoriale

0
762

Come verificare la validità della Cartella Esattoriale? Se ti è stata notificata una cartella esattoriale devi verificare la sua validità seguendo una precisa procedura. Nel caso che il tributo richiesto risulti indebito hai a disposizione una serie di strumenti: l’autotutela, il ricorso e la sospensione della cartella per ottenere lo sgravio della pretesa tributaria.

Se stai leggendo questo articolo molto probabilmente ti è stata notificata una cartella esattoriale.

Molto spesso, infatti, vengono recapitate delle cartelle esattoriali che richiedono il pagamento di somme, che risultano essere indebite.

Magari perché trattasi di importi già pagati, oppure perché la cartella stessa presenta dei vizi di forma che la rendono annullabile.

Per questo motivo prima di procedere al pagamento delle somme richieste in cartella è opportuno verificare la validità della cartella esattoriale stessa.

In questo contributo voglio fornirti una breve guida che può esserti utile ogni volta che ricevi una cartella esattoriale.

Ricorda che è una procedura che devi applicare subito, prima che i tempi utili per il pagamento scadano.

Sei pronto?! Si comincia!

[divider style=”solid” top=”20″ bottom=”20″]

CHE COS’È UNA CARTELLA ESATTORIALE?

La cartella esattoriale è un documento, inviato dall’Agente della riscossione (Agenzia delle Entrate Riscossione), contenente una serie di importi iscritti a ruolo.

Le iscrizioni a ruolo possono riguardare tasse, imposte contributi, tributi locali, multe, etc.

La particolarità della cartella esattoriale è che è un atto esecutivo.

Infatti, scaduti i 60 giorni di tempo concessi al contribuente, l’Agente della riscossione può agire in forma coercitiva per la riscossione degli importi.

Questo a condizione che il contribuente non abbia provveduto al pagamento oppure ad avviare la procedura di contenzioso.

Tuttavia, non sempre quando si riceve una cartella esattoriale l’importo che ci viene richiesto risulta essere effettivamente dovuto.

In alcuni casi, potrebbe trattarsi di somme ormai prescritte o di importi non dovuti, magari perché già pagati.

Per questo motivo, se ti hanno notificato un atto impositivo, prima di procedere al suo pagamento, devi verificare la validità della cartella esattoriale.

[divider style=”solid” top=”20″ bottom=”20″]

VERIFICA LA VALIDITÀ DELLA CARTELLA ESATTORIALE

Per capire se gli importi iscritti a ruolo, all’intero della cartella esattoriale, risultano effettivamente dovuti, devi procurarti l’estratto conto dell’Agente della riscossione.

In gergo l’elenco completo dei carichi iscritti a ruolo è chiamato “estratto di ruolo“.

Si tratta di un elenco, per ogni soggetto, di tutti i ruoli notificati e non ancora pagati nel corso del tempo.

Per poter avere questo estratto conto devi recarti presso uno degli sportelli dell’Agente della riscossione più vicini e farne richiesta scritta.

In alternativa, puoi rivolgerti ad un commercialista. E’ un intermediario che può avere un canale diretto e farti avere questa documentazione in poco tempo.

Fatto questo, vediamo quali sono gli elementi utili a verificare la validità di una cartella esattoriale.

VERIFICA DELLA CORRETTA NOTIFICA DELLA CARTELLA ESATTORIALE

La notifica della cartella esattoriale è regolata dagli articoli 26 DPR n. 602/73 e 60 del DPR n. 600/73.

La procedura si svolge, salvo alcune differenze, secondo le disposizioni contenute negli artt. 137 e segg. del codice di procedura civile.

Lo scopo della notifica è di portare il destinatario a conoscenza dell’esistenza e del contenuto di un determinato atto.

La corretta procedura di notifica è importante per garantire al contribuente la possibilità di difendersi in giudizio.

Tale aspetto meramente procedurale, in alcune circostanze, al pari degli altri elementi della cartella di pagamento, viene trascurato, nonostante rappresenti un elemento di estrema importanza.

La cartella di pagamento deve essere notificata nel domicilio fiscale del contribuente.

Con riferimento al domicilio fiscale, a norma dell’articolo 58 DPR n. 600/73, per le persone fisiche residenti nel territorio dello Stato lo stesso coincide, generalmente, con la residenza risultante dai registri anagrafici.

I soggetti non residenti hanno, invece, il domicilio fiscale nel Comune in cui è stato prodotto il reddito. Oppure, se il reddito è prodotto in più Comuni, nel Comune in cui è stato prodotto il reddito più elevato.

NOTIFICA DELLA CARTELLA ESATTORIALE PER I SOGGETTI NON RESIDENTI

I cittadini italiani, che risiedono all’estero in forza di un rapporto di servizio con la pubblica Amministrazione. Nonché quelli considerati residenti ai sensi dell’articolo 2, comma 2-bis, del Tuir hanno il domicilio fiscale nel Comune di ultima residenza nello Stato.

Il cittadino può, comunque, eleggere domicilio presso un’altra persona o ufficio, purché tale domicilio ricada comunque nello stesso comune di quello risultante dall’anagrafe.

Quando il cittadino ha operato una tale elezione di domicilio, le notifiche possono essere effettuate solo presso quest’ultimo luogo e sono nulle se effettuate presso la residenza anagrafica.

Ricorda che se la notifica non è avvenuta secondo queste modalità la cartella è nulla.

CONTROLLO DEGLI ELEMENTI FORMALI DI UNA CARTELLA ESATTORIALE

Se la cartella di pagamento è stata correttamente notificata devi verificarne gli elementi formali.

Infatti, se uno di questi risulta essere carente o errato, si puoi invocare la nullità della cartella stessa.

In particolare, gli elementi su cui devi porre la vostra attenzione sono i seguenti:

 Ceck-list per verificare la validità della cartella di pagamento sugli elementi formali
SiNo
Sono state indicate le generalità del contribuente?
E’ stato indicato il codice fiscale del contribuente?
E’ indicato l’ente che ha richiesto le somme riportate nella cartella?
La cartella contiene l’indicazione della residenza o della sede legale o del domicilio del contribuente?
Se è stato indicato l’Ufficio finanziario che ha emesso il ruolo (per i ruoli emessi dal Centro di Servizio, è stato indicato l’ufficio delle entrate o l’ufficio delle imposte dirette competente per il domicilio fiscale che il contribuente aveva quando ha presentato la dichiarazione)
E’ stato indicato il numero della cartella?
E’ stato riportata la modalità di calcolo degli interessi?
Sono presenti le modalità a disposizione per pagare o fare ricorso?

VERIFICA DEGLI IMPORTI RICHIESTI NELLA CARTELLA ESATTORIALE

A questo punto, verificati anche gli aspetti formali non devi fare altro che controllare la validità degli importi richiesti.

Per farlo dovrai confrontare gli importi richiesti di tasse imposte e contributi, con i versamenti che hai effettuato a suo tempo.

Questo è sicuramente l’aspetto più difficile perché reperire la documentazione di pagamento relativa ad anni ormai trascorsi non è sempre agevole.

In questo può esserti di grande aiuto il tuo commercialista (se non ne hai uno di riferimento contattami), il quale grazie al c.d. “cassetto fiscale” può risalire più facilmente ai versamenti che hai effettuato.

Dal controllo potrà capitarti di notare ruoli mai notificati, o anche pagamenti non correttamente contabilizzati.

Per questo motivo, anche in questo caso l’aiuto di un consulente ti sarà fondamentale.

Nel caso in cui dal controllo delle cartelle esattoriali risultassero degli importi richiesti indebitamente ecco come puoi ottenerne lo sgravio o direttamente l’annullamento della cartella.

[divider style=”solid” top=”20″ bottom=”20″]

VERIFICARE LA VALIDITÀ DELLA CARTELLA ESATTORIALE: I RIMEDI

Quella che ti ho descritto è la procedura da seguire per verificare la validità della cartella esattoriale.

Se hai seguito correttamente la procedura avrai notato che tutti gli elementi fondamenti della cartella sono stati verificati.

Se non hai riscontrato problematiche allora vuol dire che la cartella e valida e gli importi richiesti sono dovuti. In questo caso, non ci sono alternative che procedere con il pagamento. Eventualmente potrai procedere con una richiesta di rateizzo.

Al contrario, invece, dovrai necessariamente provvedere a chiedere lo sgravio parziale o l’annullamento totale della cartella esattoriale che hai ricevuto.

Vediamo come puoi procedere e lo strumento che hai a disposizione: l’autotutela.

ISTANZA DI ANNULLAMENTO O MODIFICA IN AUTOTUTELA

Nel caso in cui nel verificare la validità della cartella esattoriale tu ritenga infondato l’addebito delle somme indicate puoi presentare un’istanza.

Si tratta di un’istanza in autotutela nella quale puoi indicare le tue contestazioni.

L’istanza in carta semplice si presenta all’Ufficio impositore, chiedendone l’annullamento totale o parziale.

Attenzione! l’Ufficio impositore non è Agenzia delle Entrate Riscossione, ma l’Ufficio accertatore che ha effettivamente emesso l’avviso o la comunicazione con la quale viene richiesto l’importo.

Può trattarsi ad esempio l’Agenzia delle Entrate, l’Agenzia delle Dogane, il Comune, ecc.

Per approfondire: “L’autotutela come strumento a difesa del contribuente

LO SGRAVIO DELLA CARTELLA DA PARTE DELL’UFFICIO

Se l’Ufficio inpositore riscontra che l’atto emesso è effettivamente illegittimo, è tenuto ad annullarlo in base alle norme sull’autotutela.

L’annullamento dell’atto comporta lo “sgravio“, totale o parziale degli importi iscritti a ruolo.

Per ottenere uno sgravio tramite procedimento in autotutela è necessario che tu presenti all’Ufficio una istanza in carta libera con la quale richiedi l’annullamento dell’atto.

La cosa fondamentale è indicare i motivi della tua richiesta allegando la documentazione a supporto.

A conclusione del procedimento di autotutela l’ente inpositore comunica il provvedimento di annullamento all’agente della riscossione.

A questo punto Agenzia delle Entrate Riscossione è tenuta ad interrompere le procedure di riscossione che nel frattempo aveva avviato.

Se, nel frattempo hai comunque provveduto al pagamento degli importi iscritti a ruolo considerati non dovuti a seguito di autotutela, sarai obbligatoriamente rimborsato dall’Agente della riscossione.

[divider style=”solid” top=”20″ bottom=”20″]

RICORSO TRIBUTARIO E SOSPENSIONE DELLA RISCOSSIONE

Nel caso in cui la presentazione dell’istanza in autotutela non portasse alla modifica dell’atto da parte dell’ufficio inpositore, l’unica strada rimasta è quella di impugnare la cartella esattoriale per chiederne l’annullamento totale o parziale.

Si tratta, in pratica, di affrontare un processo di fronte al giudice tributario.

Se intendi impugnare un atto della riscossione, come la cartella esattoriale, devi ricorrere contro l’ente impositore (per i tributi erariali l’ufficio dell’Agenzia delle Entrate) se contesta la legittimità della pretesa.

Devi invece ricorrere contro l’Agente della riscossione se contesti i vizi dell’attività dello stesso. Cioè motivi di ricorso che riguardano l’attività svolta successivamente alla consegna del ruolo.

Se decidi di presentare ricorso contro una cartella esattoriale, se ritieni che puoi subire un danno grave e irreparabile dal pagamento della cartella, puoi produrre istanza di sospensione alla Commissione tributaria (sospensione giudiziale). Oppure, anche contestualmente, all’ufficio dell’Agenzia che ha emesso il ruolo.

[divider style=”solid” top=”20″ bottom=”20″]

SGRAVIO DELLA CARTELLA PER DECISIONE DELLA COMMISSIONE TRIBUTARIA

La Commissione tributaria può dichiarare illegittima una cartella esattoriale. Nel caso hai diritto ad ottenere  lo sgravio dall’ente entro 90 giorni dalla notifica della decisione.

Contestualmente allo sgravio, l’Ufficio deve disporre anche il rimborso delle somme iscritte a ruolo eventualmente pagate dal contribuente prima della decisione.

L’Agenzia delle Entrate Riscossione effettua in modo automatico il rimborso diretto delle somme.

Se l’ufficio competente non dispone in modo tempestivo lo sgravio, le norme del contenzioso tributario consentono al contribuente di ricorrere al “giudizio di ottemperanza“. Si tratta di una sentenza utile per ottenere l’esecuzione della decisione della Commissione tributaria.

Questo strumento è attivabile solo nei confronti delle sentenze divenute definitive.

Non rientrano tra gli atti che possono essere oggetto di sospensione quelli non notificati dall’agente della riscossione. Per esempio, un avviso di accertamento dell’Agenzia delle Entrate, un avviso di addebito dell’Inps.

Per tali atti, occorre rivolgersi direttamente agli enti creditori che li hanno emessi.

[divider style=”solid” top=”20″ bottom=”20″]

VERIFICARE LA VALIDITÀ DELLA CARTELLA ESATTORIALE: CONCLUSIONI

Se hai letto questo articolo molto probabilmente vuoi individuare autonomanente se la cartella di pagamento che hai ricevuto è corretta.

Posso garantirti però che non è sempre così semplice. Potresti impiegare anche molto tempo prima di trovare una irregolarità. Inoltre, senza avere un’occhio esperto potresti proprio non accorgerti che qualcosa non va.

Spesso poi, capire se i pagamenti di imposte e tributi sono stati effettuati non è così semplice.

Se non vuoi perdere tempo, e ma vuoi risolvere il problema e verificare la validità della cartella di pagamento che hai ricevuto contattami in privato.

Potrai contare sull’assistenza di commercialisti preparati che saranno in grado di aiutarti ed assisterti in ogni fase della procedura che ti ho descritto.

Ogni giorno riceviamo decine di contatti che ci richiedono questo tipo di consulenza. Sappiamo come muoverci e siamo in grado di darti una risposta in poco tempo.

Non aspettare ancora, e ricorda che una volta scaduti i 60 giorni dalla notifica della cartella sarà molto difficile poter inverire concretamente sulla stessa.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.